BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Note sull'autore

Marcello Tansini

Informazioni su: Marcello Tansini

Responsabile web-marketing di WebMasterPoint.org (e di tutti i progetti editoriali del portale, compreso questo sito). Tutor online di corsi di marketing e relatore in numerosi seminari.... (continua)



E-BUSINESS

I banner in Italia. Quali sono i più utilizzati e con quale efficacia?.

Quest'ultimo anno abbiamo visto finalmente anche in Italia alcune nuove tipologie di banner nel tentativo, finalmente, di andare oltre ai classici banner tradizionali

Iniziamo subito con il dire che in quest'ultimo anno abbiamo visto finalmente anche in Italia alcune nuove tipologie di banner nel tentativo, finalmente, di andare oltre ai classici banner tradizionali.

Certo, numerose sono le aziende italiane che approciando al web per la prima volta, hanno utilizzato (e continuano ad utilizzare) i classici banner seguendo gli standard IAB internazionali: stiamo parlando del large rectangle (336x280 pixel), dello skyscreaper 120x600 (Pixel) e del leaderboard (728x90).

Rimangono utilizzati, soprattutto per le sponsorizzazione fisse, non basate sul CPM (costo per migliaia di impressions) anche i banner 120x60 pixel o 120x90 una sorta di manchete simile a quelle che si trova accanto ai titoli dei giornali sulla stampa cartacea.

La stragrande maggioranza di questi banner "canonici" viene realizzata in Flash che permette sicuramente un maggior impatto visivo. A livello di risultati, il large rectangle è sicuramente quello che, generalmente, registra i risultati migliori, anche perchè spesso è ben posizionato all'interno degli articoli o all'interno di gallery fotografiche, molto apprezzate da una buona parte di utenti.

Il leaderboard risulta avere un minor click-trough rispetto al large rectangle, probabilmente per la sua posizione che si colloca nella parte superiore dello schermo dove l'utente è meno restio a prestare attenzione interessato soprattutto a leggere i contenuti della pagina web che ha aperto. Stesso discorso vale per lo sky-screaper a cui gli italiani si sono, forse, fin troppo abituati e che, nonostante accompagni verticalmente, la lettura del contenuto di una pagina web, è il banner, tra quelli classici ad avere in proporzione un minore numero di click.

Non a caso, iniziano a vedersi già da diverso tempo, dei nuovi formati di skyscreaper, chiamati mini-skyscreper 120x240 (si vedono spesso su Repubblica.it) che seguono il lettore durante lo scrolling della pagina, attirando con la propria dinamicità maggiormente l'utente.

Anche per quanto riguarda i leaderboard iniziano ad essere creati dei formati estendibili, ovvero che quando una persona apre la pagina dove è contenuta tale creatività o ci passa sopra il mouse, il leaderboard si espande per arrivare a coprire un buon pezzo della parte superiore della pagina web, per poi "ritirarsi" in automatico.

Il trend attuale è quello, dunque, di creare dei banner in flash più dinamici, che consentano addirittura di giocare all'interno del banner.

Su Webmasterpoint.org, ad esempio, fino a poco tempo fa, c'era un banner IBM che consentiva di muoversi con una lente di ingrandimento all'interno degli uffici di una azienda e al relativo click della sezione che più interessava, veniva caricata una successiva animazione per mostrare quello che in quel settore Ibm poteva fare.

Abbiamo parlato di Ibm non a caso, perchè insieme a Microsoft e ad alcune società di case automobilistiche, sono le società che più stanno provando nuovi formati pubblicitari. Microsoft ha fatto un uso molto forte di creatività basate sul fumetto, ma anche dei cosidetti overlay, ovvero animazioni in flash che si caricano sopra il contenuto che si sta leggendo per scomparire dopo una decina di secondi. A qualche utente questo tipo di pubblicità non piace, ma i risultati sono più che buoni e d'altra parte i pubblicitari come fanno da anni in Tv, cercano in tutti i modi anche sul web di attirare l'attenzione dell'utente.

Molto simile alla pubblicità televisiva sono gli interstial, anche questa una forma di creatività che spesso si ritrova su Repubblica.it, che consiste in una pagina vera e propria che si apre a tutto schermo mentre si aspetta il caricamento della pagina per la quale abbiamo cliccato.

Di solito l'interstial dura una decina di secondi e dalle ultime statistiche sembra essere ben "sopportata" dall'utenza.

D'altronde, come ai tempi delle prime polemiche riguardanti i pop-up e dei pop-under considerati troppo invasivi (da sottolineare che nonostante la diffusione dei software per bloccarli sia i pop-up che i pop-under vengono sempre utilizzati con risultati sopra le medie) gli utenti accettano queste forme pubblicitarie in cambio di contenuti interessanti.

Più i contenuti sono interessanti e gratuiti (parola sempre magica !), più gli utenti sono disposti ad accettare forme pubblicitarie simili a quelle televisive (con tempi, però, molto più ridotti). Sullo stesso livello, si possono considerare i video-web, della durata di 10-15 secondi, che compaiono prima del caricamento di un video (vedi ad esempio Rosso Alice) o all'interno di un large rectangle (vedi la homepage di Repubblica). Spesso il video caricato è lo stesso filmato, ovviamente più corto, che viene proposto in televisione: ripetere lo stesso messaggio pubblicitario su più mezzi è uno dei principi base di qualunque tipo di pubblicità per far ricordare il proprio messaggio al pubblico. E il web, grazie ai video e alla sua interatività, può sicuramente rafforzare il messaggio del classico spot televisivo.

Il vero problema di tutte queste forme pubblicitarie è la velocità con cui l'utente naviga su Internet. Senza Adsl, le cose iniziano a diventare più complicate e l'utente può rimanere frustato per l'attesa dei caricamenti. Ma la colpa, come ben sappiamo, non è della pubblicità e dei pubblicitari...

Categoria: E-business