BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da Business Online gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica.

OK

Cerca

Cerca tra i nostri articoli

OK


E-BUSINESS

Marketing online e forum, blog e social network: il settore turistico con la sua forte attività su Internet è il primo a dover gestire la dimensione sociale del web sempre più crescente.

Insieme al web 2.0 è nato anche il cosidetto Travel 2.0, ovvero i social network specializzati nei viaggi e nelle considerazioni sugli stessi. Il facebook dei viaggiatori!

di Giulia Ventrucci

Da qualche anno sono nati e stanno proliferando servizi ormai famosissimi che hanno lo specifico scopo di ospitare le esperienze di viaggio degli utenti, siano esse sotto forma di diari, reviews, itinerari, foto o video di viaggi.

In questo modo le impressioni di una persona vengono ascoltate da migliaia di utenti, e non più poche decine come avveniva prima del web.

Questi servizi soddisfano il bisogno sempre più impellente degli utenti di condividere opinioni, di organizzarsi tra di loro per scambiare informazioni ed esperienze, di creare e pubblicare contenuti che fissino emozioni e ricordi (testi, video, foto), di valutare ed eventualmente modificare i contenuti creati da loro pari, di creare reti sociali altamente focalizzate e forti su precisi interessi condivisi: infatti, la percentuale di utenti “spettatori” che subiscono cioè passivamente i contenuti prodotti dalle aziende e dagli utenti si sta sempre più riducendo.

Questo fenomeno, che è per definizione in costante transizione, è stato chiamato Travel 2.0, poiché mutua dal Web 2.0 il concetto di mettere al centro dell’attenzione non tanto i servizi da distribuire ma gli utenti che sono gli eventuali destinatari di quei servizi.

Negli ultimi anni sono nate numerose travel community e si può notare una continua proliferazione di servizi nel panorama internazione: dal sito re delle reviews degli hotel (Tripadvisor) alle community di viaggiatori (Travbuddy, Realtravel, Tripconnect, Gusto, VirtualTourist), dal sito che riunisce i frequent flyer (Flyertalk)), a quello dedicato ai viaggiatori indipendenti (Travellerspoint, Bootsnall), solo per citarne alcuni.

Il loro successo si basa sul fatto che consentono ai propri utenti di ottenere consigli di viaggio in base ai propri precedenti viaggi, di condividere contenuti, di ricevere informazioni altamente dettagliate e qualificate, e, infine, di prenotare il proprio viaggio. Sottolineo che l’atto finale della prenotazione giunge solo alla fine, dopo un processo decisionale altamente consapevole e mai imposta, ma semplicemente suggerita dalla community. Non a caso, infatti, la tagline del sito di condivisione di viaggi Tripsay.com è Your friends are the best travel agent!

Tuttavia, la rivoluzione del Travel portata dal Web 2.0 non si fermerà qui. Una nuova evoluzione sta lentamente compiendosi. Ancora latente in Italia, ma già ben visibile nei mercati più maturi ed evoluti, il Social Travel si affermerà come nuova tendenza di viaggio. Si tratta di utilizzare strumenti evoluti messi a disposizione dalla Rete non già per condividere l’esperienza di viaggio conclusa, ma per effettuarla.

Gli utenti cominciano ad organizzarsi tra di loro per viaggiare insieme (Co-Travel) e a viaggiare per creare nuove conoscenze e relazioni, portando alla completa evoluzione le potenzialità della Rete nel campo del turismo. Con questa prospettiva, nascono anche nuovi servizi, alcuni dei quali si sono già di successo, altri si affermeranno e altri ancora, forse, falliranno:

Servizi che consentono di condividere e incontrare, che facilitano l’incontro tra i viaggiatori, mantengono informati gli amici sui viaggi fatti, in corso e pianificati e integrano Mail, SMS, chatboards e instant messenger (Wayn, Dopplr, Iloho, Tripit).

1) Geotagging delle esperienze di viaggio via GPS (EveryTrail, Flagr)

2) Servizi che consentono di remixare viaggi di altri utenti (Triptie)

3) Piattaforme con consentono di connettere Business Travelers (Pairup)

4) Servizi mirati a nicchie precise (Addictedtotravel, Bikehike)

5) Strumenti evoluti di comparazione prezzi e di ricerca viaggi (Farecast, Tripbase)

6) Servizi che permettono di creare gruppi di acquisto di viaggi (Groople, Triporama)

Grazie quindi a questo web 2.0 il modo di organizzare le vacanze è totalmente cambiato. Adesso scegliere la destinazione, i compagni di viaggio e tutto il resto passa prima per una ricerca sui suddetti siti specializzati.

Categoria: E-business


Note sull'autore

MarketingArena .it

Informazioni su: MarketingArena .it

... (continua)

Lista articoli dell'autore

Sito autore: marketingarena.it