BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Auto elettriche: è proprio vero che non inquinano?

“Sarà vero che non inquinano?”. Tanti sono i dubbi e le domande che “ruotano” sulle auto elettriche, per quanto sono belle, si trascinano tante perplessità, sciogliamo ogni riserva.

Auto elettriche: è proprio vero che non inquinano?

Che sono le auto elettriche?

L’auto elettrica è stata studia, progetta, creata con un motore che funziona utilizzando l’elettricità. È una vettura che si ricarica attraverso l’energia contenuta nel serbatoio, già perché come le “sorelle” benzina ugualmente sono dotate di un serbatoio, la differenza sta nel contenuto. Le vetture elettriche possono essere equipaggiate con una oppure più batterie ricaricabili che trasmettono potenza al motore attraverso l’uso dell’energia elettrica.

L’auto elettrica rappresenta quel passo verso un mondo ecologico fatto di una vita naturale e sana. Amate dagli ambientalisti, ricercate dagli automobilisti comuni, dalle ottime prestazioni su strada, molto simili alle “sorelle” benzina, con una ricarica decisamente dal costo più accessibile. Indubbiamente, tra le tante qualità dell’auto elettrica, il fattore determinate che porta alla scelta di questo tipo di vettura sta nell’azzeramento dei fattori contaminanti. Realizzate per essere compatibili al 100% con l’ambiente e propense allo sviluppo di una società sostenibile. In Italia in un primo momento l’uso di questa vettura non è stato molto valorizzato, diciamo pure che non è stata “capita” del tutto. A influire sul “fattore vendite” sono stati i costi di produzione, e la mancanza di una catena di stazioni per la ricarica.  

Auto elettriche: è proprio vero che non inquinano?

Il nostro Bel Paese non poteva restare indietro dinanzi alla possibilità di afferrare con mano uno sviluppo diretto verso una società sostenibile. Nello stesso tempo le case costruttrici hanno rimodulato i costi, spalancando la porta in un mercato “titubante”. Le ibride non hanno lasciato dubbi, occupando quella fetta di mercato che in passato le era stata negata, con una serie di prodotti: dalla Nissan Leaf alla Citroën C-Zero, dalla Tesla Model S alla BMWi3 e non poteva mancare la Renault Zoe.

È vero che l’auto elettrica inquina? La ricerca dell’Environmental Research Institute di Stoccolma, divulgata a maggio del 2017 fa un punto di chiarezza. Lo studio è stato indirizzato alla durata del “ciclo di vita” relativo alle batterie del tipo ioni necessarie per il funzionamento delle auto elettrice (e-car). Il risultato ha mostrato come la fabbricazione delle batterie sprigioni eccessive quantità di CO2 nell’ambiente. Un dato che ci porta a riflettere e non poco. Infatti per la messa in generazione delle batterie utilizzate ad esempio per la Tesla Model S. si rilascia nell’ambiente circa 5,3 tonnellate di C02. Rapportandoli ai dati relativi all’inquinamento delle auto benzina, c’è una forte discrepanza d'inquinamento, infatti secondo questi dati le benzine per arrivare a rilasciare nell’aria tale quantità di CO2 dovrebbe procedere su un percorso per circa 154mila km. Con questi dati di certo è palese che le auto elettriche inquinano di più delle sorelle benzina, ma osserviamo nello specifico la totalità della questione nel suo complesso.   

Auto elettriche la svolta verso il successo annunciato

Il dubbio sollevato sul fattore inquinante derivato dalla produzione delle stesse batterie, ci conduce in un bivio,  con due sole domande: esiste una alternativa? Perché i vantaggi delle auto elettriche sono così decantati? La ricerca condotta Lisbeth Dahllöf e Mia Romare è chiara, circa la metà di CO2 deriva dalla sola lavorazione diretta alle materie grezze, mentre il 20% è dovuta dall’incidenza delle attività minerarie. I fattori inquinanti, quindi sono le immissioni indirette. Ora indubbiamente se l’intero comparto industriale si adoperasse verso l’acquisizione di fonti rinnovabili sarebbe un problema risolto anche per la produzione diretta delle auto a benzina.

Il punto su cui ruota il concetto principale che le auto elettriche non inquinano, sta nell’evidenza che per la produzione diretta per le auto a benzina subentrano due fattori che si combaciano, e riguardano sia l’energia necessaria per produrre le auto, quindi dispersione di fumi inquinanti, sia la fase successiva legata al combustibile.  A questo punto l’auto elettrica vince il match in quanto si producono elementi inquinanti durante le fasi legate alla creazione delle batterie, che si diffondo nell’ambiente, ma non ci sono fasi che portano alla combustione. 

Valutati questi aspetti possiamo tirare le conclusioni, e a rigor di merito concedere la medaglia alle auto elettriche.
 

Autore: Antonella Tortora
pubblicato il