BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Bonus asilo nido 1000 euro: come fare richiesta

il bonus asilo nido 1000 euro è un'agevolazione fiscale per famiglie contenuta nella Legge di Bilancio pensata e prorogata per sostenere le spese necessarie all’iscrizione dei figli all'asilo nido

Bonus asilo nido 1000 euro: come fare richiesta

Che cos’è il bonus asilo nido?

Si tratta di un’agevolazione prevista nella Legge di Bilancio 2017 per maternità, paternità e nuove nascite. Questo bonus è erogato per l’iscrizione del proprio figlio all’asilo nido o per l’assistenza domiciliare.

La Legge di Bilancio per il 2017 ha previsto diversi strumenti per sostenere i genitori che hanno figli piccoli. Tra questi anche il bonus asilo nido 1000 euro. Si tratta di una delle opportunità per i nuclei familiari che, in caso di esito positivo della domanda, possono contare su un sostegno economico che si può utilizzare per pagare la scuola e che rientra in quei provvedimenti di sostegno alle famiglie insieme, ad esempio a quello che viene comunemente chiamato Bonus Mamma.

Come fare richiesta bonus asilo nido 1000 euro

Come fare richiesta del bonus asilo nido 1000 euro è la domanda propedeutica all’iter per ottenere questa agevolazione. Basta presentare per prima cosa una domanda all’Inps e poi, per i nuclei familiari che contano dei bambini che sono venuti al mondo dal primo gennaio del 2016 sarà possibile accedere al bonus fiscale. Non esistono parametri che riguardano il guadagno e quindi tutti vi possono accedere. I mille euro dell’agevolazione potranno essere utilizzati per saldare le rette degli asili nido.

Non bisogna, inoltre, confondere il bonus asilo nido 1000 euro con i voucher baby sitter e asilo nido che prevedono regole diverse per l’accesso e per la fruizione del beneficio economico Inps: per richiederli è infatti necessario rinunciare al congedo parentale facoltativo per ricevere l’importo di seicento euro erogato dall’Inps.

Questo tipo di agevolazione ha una durata di tre anni al massimo e quindi può essere erogato fino a quando il bambino non compie il terzo anno di età. Inoltre, nel caso di malattie croniche e quindi della conseguente impossibilità del bebè, si ha il diritto anche all’assistenza domestica. Nella circolare Inps sono contenute tutte le istruzioni sui soggetti che potranno richiederlo e sulle due tipologie di erogazione del bonus asilo nido di 1000 euro, concesso per:

  • il sostegno economico per pagare le spese di iscrizione e la frequenza;
  • assistenza domiciliare per i bambini affetti da malattie croniche.

Questo tipo di agevolazione deve essere richiesta attraverso la presentazione degli appositi documenti in grado di dimostrare le spese sostenute per pagare l’iscrizione e il canone mensile dell’asilo nido; questo è l’iter che bisogna seguire se si vuole accedere a questa agevolazione. In caso di richiesta della quota per l’assistenza domiciliare si dovranno presentare anche l’apposito documento per dimostrare la reale malattia del bimbo. L’agevolazione può essere richiesta da cittadini italiani, ma anche da quelli che fanno parte dell’Ue e anche da extra-comunitari regolari.

La richiesta deve essere inoltrata da uno dei genitori che deve dimostrate che ha sostenuto le spese. Il bonus asilo nido 1000 euro viene stanziato dall’Istituto pensionistico italiano in seguito all’inoltro della richiesta da parte del genitore che ha sostenuto, e deve dimostrarlo, la spesa. La cifra di 1000 euro non sempre sarà disponibile nella sua totalità e la cifra sarà stanziata dopo il pagamento delle varie rate.

Se il totale delle rate pagate sarà inferiore alla cifra di mille euro allora anche l’agevolazione sarà direttamente proporzionale alla cifra investita. Al momento della presentazione della richiesta è necessario anche indicare il numero dei mesi per i quali si sta facendo richiesta tenendo in considerazione il lasso di tempo (da gennaio fino a dicembre 2017) in cui il bebè ha effettivamente frequentato l’asilo nido.

Autore: Luigi Mannini
pubblicato il