Bonus terzo figlio: requisiti e importo dell'assegno

Per usufruire del bonus terzo figlio è necessario possedere alcuni requisiti. In questo articolo proveremo a spiegare il provvedimento contenuto nella Legge di Bilancio e l’importo per l’assegno

Bonus terzo figlio: requisiti e importo dell'assegno

Come funziona il bonus terzo figlio?

Si tratta di un’iniziativa volta a sostenere le famiglie numerose. L’assegno è concesso dal comune in cui la famiglia risiede e viene pagato dall’Inps. Questo benefico può essere richiesto per tutto il periodo in cui nella famiglia sono presenti i tre figli minorenni.

In questo periodo di crisi economica che non accenna a risparmiare soprattutto le fasce più deboli della società e che porta in dote disoccupazione e una disponibilità di risorse sempre più risicate esistono, per fortuna, alcune agevolazioni statali che possono alleviare la fatica che le famiglie numerose sono costrette ad affrontare per arrivare a fine mese. Tra queste il bonus terzo figlio. Per usufruire dell’agevolazione è necessario possedere alcuni requisiti. In questo articolo proveremo a spiegare nel dettaglio il provvedimento contenuto nella Legge di Bilancio compreso anche l’importo previsto per l’assegno.

Requisiti bonus terzo figlio

Come accade per le altre agevolazioni fiscali previste per alleviare le condizioni delle famiglie meno agiate, per usufruire del bonus terzo figlio c’è bisogno di possedere alcuni requisiti ben precisi. Vediamo quali sono quelli richiesti e quale è l’importo dell’assegno che viene rilasciato dal Comune di residenza anche se l’erogazione è una prerogativa dell’Inps.

La domanda deve essere presentata entro il trentuno gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’assegno. Di solito sono necessari il modulo specifico per la richiesta, una copia dell'Isee e di un documento di identità. Ma, essendo l'assegno concesso dal Comune, sia la documentazione da presentare che le modalità di presentazione cambiano da città a città. Ecco quali sono i requisiti di cui bisogna essere in possesso per poter accedere al bonus terzo figlio:

  • essere cittadini italiani o comunitari residenti in Italia;
  • far parte di un nucleo familiare in cui ci sia almeno un genitore e tre figli minori di diciotto anni, compresi i figli minori del coniuge e i minori ricevuti in affidamento preadottivo. Il genitore e i tre minori devono far parte della stessa famiglia anagrafica. I minori non devono essere in affidamento presso i terzi.

Il limite reddito Isee del nucleo familiare deve essere pari a 8.555,99 euro per l’anno 2017.

Bonus terzo figlio importo

La domanda per il bonus terzo figlio deve essere presentata entro il trentuno gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’assegno. Di solito sono necessari il modulo specifico per la richiesta, una copia dell’Isee e di un documento di identità. La documentazione da presentare e le modalità di presentazione cambiano da città a città visto che l’assegno è concesso dal Comune. Mentre l’Inps è incaricata di versare materialmente la cifra a partire dal primo gennaio dell’anno in cui si verificano i requisiti necessari oppure dal primo giorno del mese in cui si verifica il requisito della presenza dei tre figli minori.

Il diritto all’assegno cessa dal primo gennaio dell’anno nel quale viene a mancare il requisito del valore dell’Isee o dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene meno la presenza dei tre figli minori. La misura intera per l’assegno varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare e dell’indicatore Isee, l'importo assegno terzo figlio è, qualora corrisposto integralmente, pari a euro 141,30 per tredici mensilità.

In rapporto al valore dell’Isee può essere corrisposto un assegno terzo figlio comune in misura ridotta. L’importo ed i requisiti economici sono rivalutati annualmente sulla base della variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Autore: Luigi Mannini
pubblicato il