Certificazione Unica (ex CUD): cos'è e come richiederla?

Una volta consegnata al lavoratore, al pensionato o a chi riceve un’indennità INPS, è compito del sostituito di imposta inviare, telematicamente, la Certificazione Unica all’Agenzia delle Entrate

Certificazione Unica (ex CUD): cos'è e come richiederla?

Che cos’è la Certificazione Unica?

Si tratta di quel documento fiscale che i sostituti d’imposta devono produrre per certificare i redditi di lavoro dipendente, da lavoro autonomo e per provvigioni e redditi diversi. Deve essere rilasciata entro il 31 marzo e trasmessa all’Agenzia delle Entrate.

La Certificazione Unica (ex CUD) è un documento che serve a dimostrare la natura e l’ammontare del reddito da parte di un contribuente. La Certificazione Unica ex CUD deve essere emessa dal datore di lavoro ovvero dal soggetto committente che ha erogato redditi di lavoro autonomo, redditi diversi e provvigioni.

Come funziona la Certificazione Unica

Da tre anni a questa parte sono intervenute novità su come funziona la Certificazione Unica che ha cambiato anche denominazione. Prima questo documento si chiamava CUD. Oggi non viene più inviato a casa per posta, ma deve essere scaricato dal web attraverso i servizi online offerti dall’INPS. Per chi volesse è ancora possibile farlo arrivare a casa, ma in questo caso bisogna espletare una domanda esplicita e pagare il servizio. In seguito delle novità introdotte con la Certificazione Unica Agenzia delle Entrate, i sostituti d’imposta, datori di lavoro o Istituti di Previdenza Sociale, hanno il compito di certificare anche le ritenute operate sui lavoratori autonomi, oltre che quelle effettuate su dipendenti e pensionati.

Il Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, ha modificato anche la scadenza che è stata fissata al trentuno marzo. Una volta consegnata la Certificazione Unica al lavoratore, pensionato o chi riceve un’indennità INPS, è compito del sostituito di imposta, provvedere ad inviarla anche all’Agenzia delle Entrate sempre telematicamente. In questo modo sarà possibile predisporre il modello 730 precompilato direttamente dal contribuente oppure dal Caf o dai professionisti abilitati.

Certificazione Unica come richiederla

La Certificazione Unica non viene quindi più inviata a casa attraverso posta ordinaria, se non a pagamento e successivamente a un’esplicita richiesta. Come richiederla allora? Bisogna farlo online con la stessa modalità degli scorsi anni. Accedere al sito internet dell’Inps e digitare il proprio Pin per accedere nell’apposita sezione dove poi seguire il percorso guidato. La nuova Certificazione Unica, potrà inoltre essere scaricata online accedendo tramite il fascicolo Previdenziale per il cittadino.

Se invece si vuole fare richiesta del modello della Certificazione Unica (ex CUD) in formato cartaceo si possono seguire diverse strade come ad esempio recarsi agli sportelli veloci che sono ubicati negli uffici Inps. Oppure usufruire delle postazioni informatiche self service dell’Inps ma solo se si ha a disposizione il proprio Pin. Infine utilizzare la posta elettronica per ricevere il CUD 2016 direttamente sul proprio indirizzo email. In questo caso bisognerà, però, essere in possesso di una mail PEC (Posta Elettronica Certificata). In caso contrario è possibile richiedere la Certificazione Unica Inps anche utilizzando la posta elettronica normale scrivendo all’apposito indirizzo email che si potrà trovare sempre sul sito dell’Inps e allegando la domanda firmata e copia fronte retro del proprio documento di riconoscimento.

Rilascio CU da Caf, patronati e centri di assistenza fiscale

Il rilascio della CU (ex CUD) 2017 può essere fatto anche da Caf, patronati e centri di assistenza fiscale o professionista abilitato. Ma questi enti non possono prendere iniziative se prima non c’è stato il mandato del cittadino stesso che dovrà consegnare una fotocopia del documento di riconoscimento e codice fiscale e firmare la ricevuta dell’avvenuta consegna della Certificazione Unica.

Certificazione Unica 2017 Cud Inps alla Posta

La richiesta della Certificazione Unica 2017 (ex CUD Inps) può essere fatta anche alla Posta presentando una domanda in un qualsiasi ufficio postale. In questo caso però bisognerà sborsare anche una cifra minima che corrisponde a due euro e settanta centesimi più IVA. I pensionati con più di ottanta anni e quelli residenti all’estero, possono rivolgersi anche allo sportello mobile, presente al di fuori delle sedi Inps mentre per i pensionati con più di ottanta anni fruitori di indennità di accompagnamento, è possibile richiedere il CUD telefonicamente, all’operatore dello Sportello Mobile della propria sede Inps, che provvederà a spedire il Cud al domicilio.

Il Cud 2017 Inps può essere richiesto a commercialisti, regolarmente iscritti nei rispettivi albi professionali, ai consulenti del lavoro, ai ragionieri e ai periti commercialisti. Sono autorizzati alla consegna della nuova Certificazione Unica i soggetti iscritti nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza, economia e commercio o equipollenti o con diploma di ragioneria alla data del trenta settembre 1993. Sono inoltre autorizzate al rilascio anche le associazioni sindacali di categoria tra imprenditori e le associazioni di soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche. Anche i centri autorizzati di assistenza fiscale per le imprese e per i lavoratori dipendenti e pensionati sono tra quegli enti che hanno l’autorizzazione a rilasciare questo documento.

Autore: Luigi Mannini
pubblicato il