BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Come leggere il contatore dell'acqua?

Come funziona il contatore dell’acqua e come effettuarne la lettura per una corretta rilevazione ai fini della fatturazione finale

Come leggere il contatore dell'acqua?

Come si legge il contatore dell’acqua?

Il contatore dell’acqua si presenta di forma ad orologio caratterizzato da una parte centrale, il blocco contatore e tubi in ingresso e uscita. Nei nuovi contatori la lettura è visualizzata tramite delle lancette presenti sulla faccia anteriore del blocco contatore. Esistono due tipi di contatori che permettono di effettuare la lettura del consumo di acqua, il modello a lancette e il modello a lettura diretta.

 

Il contatore dell'acqua è uno strumento di misura installato dal fornitore di servizi idrici per contabilizzare i consumi di acqua pubblica per ogni utenza. Solitamente il contatore dell’acqua si trova all’esterno dell’abitazione in una cassetta di plastica o ferro e ha la forma ad orologio la cui parte centrale è costituita dal corpo contatore da cui entrano ed esco tubi dell’acqua. All’interno del contatore passa, infatti, l'acqua in erogazione che fa muovere delle turbine che azionano i dispositivi interni per il calcolo dell'acqua consumata.

Lettura del contatore dell’acqua: come si esegue

Esistono due tipi di contatore il contatore dell’acqua:

  1. contatore dell’acqua a lancette;
  2. contatore dell’acqua a lettura diretta.

Il contatore a lancette indica i consumi progressivi grazie alla combinazione delle cifre nere degli indicatori. Per leggere questo modello di contatore si parte dal basso a sinistra procedendo in senso orario e si controlla prima il primo indicatore, si moltiplica il valore presente per 1000 e poi si aggiunge il valore del secondo indicatore moltiplicato per 100, quello del terzo indicatore moltiplicato per 10 e quello del quarto indicatore. Tutti i valori sono in metri cubi. Se la lancetta, in uno qualsiasi degli indicatori, è posta tra 2 numeri, bisogna il numero più basso.
In particolare, le lancette che vanno considerate sono quelle nere, quelle rosse non sono da considerare, e sono accompagnate da un numero moltiplicatore:

  1. x1 per le unità;
  2. x10 per le decine;
  3. x100 per le centinaia;
  4. x1000 per le migliaia.

Il numero indicato dalla lancetta deve essere moltiplicato per tale numero e una volta moltiplicati tutti i numeri vengono sommati i prodotti, ottenendo così il consumo in metri cubi. Il contatore dell’acqua a lettura diretta fornisce una lettura dei consumi molto più semplice perché permette di leggere le cifre intere di colore nero, da sinistra verso destra.

Contatore dell'acqua: come fare l'autolettura

Per fornire all'ente erogatore una corretta rilevazione del proprio consumo di acqua, ogni cliente può effettuare l'autolettura, procedura grazie alla quale tutti possono rilevare in modo autonomo i consumi dell'acqua registrati dal contatore, semplice da eseguire e particolarmente vantaggiosa, perché permette al cliente di ricevere la bolletta in linea con i consumi effettivi. La fatturazione del consumo di acqua viene, infatti solitamente elaborata sulla base di consumi presunti, tarati sui consumi storici. E’ possibile, dunque, che il cliente riceva una bolletta con addebiti inferiori o superiori all’effettivo consumo.

Anche per l’autolettura valgono le regole sopra riportate generali di lettura del contatore dell’acqua e dopo averla effettuata con cadenza temporale che solitamente viene indicata in bolletta il cliente dovrà chiamare l’ente per comunicare l’esito della lettura. E’ possibile inviare l’autolettura anche tutti i giorni dell'anno ma per fatturazione è importante rispettare il calendario autolettura riportato, come detto, in bolletta.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il