BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Come riciclare la carta: differenziata e fai da te

Cresce la raccolta differenziata della carta e il suo riciclo: consigli e idee per riciclare la carta in modo fai da te e cosa fare

Come riciclare la carta: differenziata e fai da te

Come va la raccolta differenziata della carta e come si fa?

Le ultime notizie sulla raccolta differenziata sono decisamente positive, segnando una crescita sia a livello mondiale sia nel nostro Paese. Per la corretta raccolta differenziata della carta, quella non plastificata e non unta, deve essere inserita sfusa (e non in sacchetti di plastica) negli appositi contenitori per la carta e i cartoni vengono piegati e pressati per ridurne il più possibile il volume e inserirli all’interno dei contenitori per la carta o affiancati ai bidoncini per la raccolta porta a porta. La carta sporca, anche di alimenti, non deve essere buttata nei contenitori della raccolta differenziata, perché contamina la carta riciclabile, pertanto dovrà essere buttata insieme ai rifiuti indifferenziati.

 

Cresce la raccolta differenziata della carta e ne aumenta il riciclo: stando alle ultime notizie, la carta ha un impatto ambientale elevato e per estrarre la cellulosa ogni anno i colossi industriali deforestano migliaia di ettari di boschi, liberando la CO2 immagazzinata nelle piante e togliendo ossigeno al mondo. Secondo Michael Renner, ricercatore del Worldwatch Institute, la produzione mondiale di carta è in calo, cosa decisamente positiva, anche se l’impatto ambientale della carta è ancora troppo alto ma l’elemento determinante per ridurre l’impatto della carta è il riciclo.

Raccolta differenziata della carta: crescita in Italia

La raccolta differenziata della carta aumenta a livello mondiale ma aumenta anche in Italia secondo quanto reso noto dal consorzio Comieco, (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) che ha come obiettivo quello di tutelare l’intero ciclo del riciclaggio della carta e fare in modo che carta, cartone e cartoncino vengano correttamente smaltiti nella raccolta differenziata, nel suo ultimo rapporto sulla raccolta differenziata di carta e cartone. La raccolta differenziata sarebbe aumentata soprattutto nelle regioni del Sud, dove la raccolta di carta e cartone ha segnato un +4,8%; al Centro l’aumento è stato del 4,6%, mentre sarebbe calata la raccolta al Nord a causa della riduzione dei consumi.

Ma quali sono i prodotti di carta che vanno riciclati e quali no? Per un corretto riciclo della carta è bene sapere che si possono riciclare:

  1. tutti i giornali, riviste, fumetti e tutto ciò che arriva nella cassetta delle lettere come pubblicità (dèpliant, foglietti, etc.);
  2. sacchetti della spesa;
  3. foglietti di istruzioni per l’uso come quelle dei medicinali;
  4. tutti gli imballaggi in cartone ondulato, compresi i contenitori del latte, bevande e succhi di frutta in Tetrapak;
  5. tutte le scatole, da quelle per le scarpe alle confezioni del dentifricio, dei detersivi e dei prodotti alimentari fatti in cartoncino.

Come riciclare la carta fai da te

Se la raccolta differenziata della carta cresce ovunque dando vita ad un riciclo generale sempre più intenso, è bene sapere che è possibile riciclare la carta anche in maniera del tutto autonoma, fai da te, in casa. E sono diverse le possibili nuove vite che vecchie carte possono avere. Tra i consigli più comuni, e divertenti, di riciclo della carta fai da te suggeriamo:

  1. realizzare ciotoline di carta di giornale;
  2. fare centrini con fogli di giornale;
  3. fare spessi sottopentola;
  4. usare vecchi giornali come protezione contro le macchie dei pavimenti mentre si dipinge un muro, un mobile o si ripara l’auto;
  5. imparare a stampare su entrambe le parti di un foglio, fronte e retro nel caso in cui il foglio non serva più;
  6. usare vecchi giornali per incartare i regali, preferendo fumetti o fogli di giornali colorati che sono sempre più belli da vedere;
  7. usare i vecchi giornali come rivestimenti di piccoli tavolini o sedie per renderli un po’ più particolari.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il