BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Comprare casa all'asta conviene? Rischi e vantaggi

Come funziona l'acquisto di case all'asta, regole e norme previste: a chi conviene e cosa fare per ottenere vantaggi. Quali i rischi possibili e come evitarli

Comprare casa all'asta conviene? Rischi e vantaggi

E' possibile acquistare una casa all'asta?

Sì. E' possibile acquistare case all'asta e si tratta di un sistema di vendita, per alcuni versi molto vantaggioso e che per altri potrebbe anche comportare rischi, diventato quasi una prassi a causa della perdurante crisi economica che ha messo, e sta mettendo, in ginocchio tantissime persone singole e famiglie che non riescono, per esempio, più a pagare i loro mutui, motivo per il quale le case vengono pignorate e messe all'asta.

 

Comprare una casa all’asta può essere molto conveniente perché il prezzo di vendita in questi casi risulta decisamente molto più basso del valore di mercato e, come spiegano gli esperti, ogni volta che l’asta va deserta, per legge, il prezzo si riduce del 25%.

Come partecipare ad aste per l’acquisto di una casa

Tutti possono partecipare ad un’asta giudiziaria per l’acquisto di un immobile. Per partecipare ad un’asta giudiziaria è innanzitutto necessario controllare nella cancelleria del tribunale o presso il professionista incaricato o su internet, i documenti come:

  1. l'avviso di vendita, che riporta le condizioni e i termini della vendita;
  2. la descrizione dell'immobile;
  3. il prezzo base di partenza;
  4. la perizia di stima, redatta da un tecnico nominato dal giudice, che contiene una dettagliata descrizione dell'immobile con dati catastali, planimetria, stato di fatto, eventuali irregolarità e relativa sanabilità;
  5. eventuali debiti relativi all’immobile e se l'immobile stesso è libero od occupato.  

La casa in vendita all’asta si può visitare previo accordo con il custode giudiziario nominato dal Tribunale. Per partecipare all’asta bisogna presentare, nel giorno e nel luogo indicati nell'avviso di vendita, un'offerta in busta chiusa, con l'indicazione del prezzo offerto, una cauzione pari al 10% e gli altri documenti richiesti dall'avviso.

Ogni partecipante all’asta si deve presentare nel luogo indicato. Se viene presentata un’unica offerta superiore di 1/5 al prezzo base, si procede subito all'aggiudicazione, mentre se l'unica offerta è pari al prezzo base, l'aggiudicazione immediata può essere rifiutata dal creditore procedente. Nei casi di più offerte, si tiene una gara, partendo dal prezzo più alto tra quelli offerti. Il tempo massimo che può intercorrere tra un'offerta e l'altra è di tre minuti, trascorsi questi si nomina l'aggiudicatario e dal momento dell’aggiudicazione dell’asta decorrono i termini per il versamento del saldo del prezzo concordato.

Comprare casa all’asta: rischi e vantaggi

Se, dunque, come sopra accennato, comprare una casa all’asta può risultare particolarmente vantaggiosa perché i prezzi di vendita sono solitamente molto più bassi rispetto ai prezzi di mercati e può capitare di acquistare case che per il mercato avrebbero un valore di oltre 100mila euro anche a 30mila euro, dall’altro, non bisogna sottovalutare eventuali rischi che un simile conquisto può comportare. E’, infatti, possibile che il prezzo della casa che si acquista sia di molto inferiore al prezzo di mercato ma che poi tanti soldi debbano comunque essere spesi per eventuali ristrutturazioni non solo edilizie di design ma anche di rifacimento degli impianti che potrebbero essere obsoleti. E' quindi necessario:

  1. accertarsi del fatto che l'immobile in vendita all'asta non sia oggetto di eventuali atti esecutivi in corso;
  2. che non sussistano eventuali condizioni o difetti che potrebbero portare in futuro a opposizioni all'esecuzione;
  3. valutare tutte le caratteristiche di vendita, considerando che per le case in vendita all'asta non vale la normativa vigente per le vendite ordinarie per quanto riguarda la garanzia per vizi.

Non sono cioè previste garanzie per evizione nei casi di intera proprietà; parziale; quota o porzione del bene; né previste garanzie per vizi. Il venditore, infatti, ha l’obbligo di garantire che il bene non sia gravato da vizi che lo rendono inidoneo all’uso cui è destinato ma in caso contrario il nuovo proprietario non avrà alcuna tutela. Per evitare, duque, qualsiasi rischio o problema, il consiglio è quello di valutare bene tutte le informazioni riportate relative all’immobile in asta ed essere seguiti sempre da un legale.  

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il