BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Cosa fare in caso di furto dell'auto di proprietà

Ecco un quadro completo di cosa fare nel caso del furto auto, dalla denuncia al rimborso, senza tralasciare la perdita di possesso. Agire nel modo giusto è importante, non solo al fine della liquidazione della pratica in tempi celeri, ma per sospendere il pagamento del bollo auto.

Cosa fare in caso di furto dell'auto di proprietà

Cos’è il furto auto?

Il furto secondo la normativa rientra nei reati di chi provvede con l’inganno a sottrarre un oggetto, in questo caso un auto, con l’obbiettivo, ovviamente di ricavarne un profitto personale. Fatta l’amara e dolorosa scoperta del furto auto, non vi resta che denunciare l’accaduto all’autorità competente e comunicarlo all’assicurazione.  

Subire un furto qualsiasi esso sia, è una violazione della nostra libertà. In un Paese civile non dovrebbe succedere di affacciarsi sotto casa e non trovare la propria auto. Nel caso del furto auto, non possiamo fare altro che comportarci nel modo giusto, nel rispetto della legge.

Cosa fare in caso di furto dell'auto di proprietà?

Passo dopo passo vi mostreremo cosa fare, senza alcuna esitazione. Una volta accertato che qualche malintenzionato si sia impossessato in modo illecito della vostra vettura non vi resta che sporgere denuncia presso l’autorità competente più vicina. È importante denunciare il furto auto ai carabinieri o alla polizia.

Chi può denunciare il furto auto e quali documenti dichiarare? Il furto può essere denunciato dal proprietario del veicolo o da persona diversa. La denuncia va fatta all’autorità competente, che provvederà a stilare un verbale di denuncia per furto auto. Esso dovrà contenere tutte le indicazioni della vettura quali:

  • tipo di veicolo;
  • numero di targa ecc.;
  • generalità del proprietario del veicolo;
  • generalità di chi deteneva il veicolo nel momento del furto;
  • descrizione dei fatti;
  • qualsiasi tipo di oggetto presente nell’abitacolo;
  • è importante indicare se il furto riguarda anche la carta di circolazione e il certificato di proprietà in forma cartacea (CdP).

Il passo successivo, porta a presentare la denuncia di furto auto presso l’Automobile Club d’Italia. Sarà necessario dimostrare al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) la perdita del possesso del veicolo esibendo la denuncia di furto auto.  Una procedura molto importante da non dimenticare necessaria per sospendere il pagamento del bollo auto. L’istanza può essere presentata dal proprietario del veicolo o da una persona da lui delegata. Nel caso in cui la vettura venisse ritrovata dalle forze dell’ordine il PRA provvederà a rilasciarvi un nuovo Certificato di Proprietà Digitale (CDPD).

Ovviamente, per il disbrigo di tutta la procedura è possibile rivolgersi presso un’agenzia autorizzata pratiche auto. In questo caso, pagherete oltre ai costi fissi relativi all’imposta di bollo per registrazione al PRA, anche i costi relative alla tariffa dell’agenzia per il pagamento del servizio d'intermediazione.

Quando segnalare alla compagnia assicurativa il furto auto? Nell’immediato, entro tre giorni  dovrete comunicare all’assicurazione la denuncia del furto auto. Come? Chiamando l’agente assicurativo di riferimento oppure inviando alla compagnia assicurativa la denuncia di furto auto con raccomandata con ricevuta di ritorno.

Cosa consegnare all’assicurazione? Oltre alla denuncia, anche le chiavi del veicolo, incluse quelle di riserva. È necessario consegnare anche la copia del certificato inerente la chiusura dell’inchiesta, questo documento viene emesso dalla Procura della Repubblica competente. È possibile che la compagnia assicurativa richieda l’estratto cronologico inerente il veicolo, tale certificato può essere richiesto al PRA insieme all’istanza della perdita di possesso.

Cosa fare se l’auto viene ritrovata dall’autorità? Nel momento in cui i carabinieri o la polizia ritrovano la vettura, stilano un verbale di restituzione del veicolo, che dovrà essere presentato presso l'agenzia assicurativa e al PRA. In questo caso, se la polizza copre anche i danni per furto, sarà necessario far redigere un verbale dal perito con l’indicazione del valore dei danni subiti. La compagnia di solito provvede a liquidare il risarcimento per furto entro 30 giorni.

Autore: Antonella Tortora
pubblicato il