Cose da sapere per viaggi con i bambini in sicurezza

Tutto sul bambino/a in auto. Tante sono le regole “ignorate”, il buon senso e il rispetto delle norme sembrano elementi trascurabili. Ecco le 11 regole che (forse) non sai, ideali per viaggiare in sicurezza.

Cose da sapere per viaggi con i bambini in sicurezza

Cosa significa viaggiare con bimbi in tutta sicurezza?

La priorità quando si entra in macchina, dovrebbe essere rivolta alla sicurezza dei bimbi a “bordo”. L’uso dei seggiolini dovrebbe essere perentorio, ma soprattutto indiscutibile. La nuova normativa dispone regole ben precise per garantire una maggiore sicurezza nei viaggi con bambini

Il punto principale su cui ruota la nuova normativa riguarda i viaggi con bambini. Troppo spesso capita di essere distratti da altre circostante come ad esempio dallo stesso itinerario del viaggio, tanto da tralasciare il “fattore sicurezza” scivolare in secondo piano. Frequentemente, accade che si viaggi con i bambini senza assicurarli correttamente ai seggiolini, tenuti in braccio, oppure, seduti dietro senza alcuna protezione. In questi casi, oltre a commettere una vera violazione stradale, mettiamo a rischio la vita stessa dei bambini. Di certo, non vale la pena correre dei rischi inutili.

Cose da sapere per viaggi con i bambini in sicurezza

Il Codice della Strada con l’articolo 172 stabilisce che l’installazione dei sediolini in auto devono seguire l’omologazione (Ȁ R44, UN R129) fissando come punto perentorio la sicurezza derivante dal giusto uso del seggiolino. Essi, infatti, devono essere proporzionati al peso del bimbo/a e alla loro all’altezza fino ai centocinquanta centimetri.

Focalizzato il concetto che l’uso corretto del sediolino “salva la vita del bambino/a”, andiamo nel dettaglio per capire cosa cambia e cosa prevede la legge. Il problema maggiore sulla sicurezza in auto è rivolto all’educazione dell’uso dei sediolini. Spesso il bambino/a viene trasportato in auto, in modo non corretto o addirittura ancora permane il non uso del seggiolino, specie per percorsi ritenuti “brevi”. Statisticamente è stato calcolato che se utilizzati correttamente riducono i fattori di rischio, quali:

  • rischio di morte al 70%;
  • lesioni gravi al 90%.

Viaggi con bambini: guida alle regole

Sostanzialmente 11 sono i punti principale che porteremo alla vostra attenzione, analizzandoli uno a uno, pronti a non lasciare nessun dettaglio al caso, quali:

  1. la legge è chiara il sediolino va obbligatoriamente fissato in macchina. Vietati i rialzi o comunque sediolini sprovvisti di schienale. La vostra attenzione per l’acquisto del seggiolino giusto dovrà essere rivolta al peso del bambino e all’altezza. Da tener presente che la norma impone la sicurezza in macchina per i bambini, qualsiasi sia il viaggio o breve o lungo. I massimali da rispettare sono 36kg di peso e 150 cm di altezza. Resta da considerare che nel caso di trasporto di bambini irregolari non conforme al codice della strada si rischia una multa che può oscillare dalle 80 euro fino a 323 euro, in più verranno decurtati dalla patente circa 5 punti, e nell’eventualità che le infrazioni commesse siano due identiche commesse nell'arco dei due anni, si rischia la sospensione della patente per un periodo che va da 15 giorni fino a un massimo di 2 mesi;
  2. ogni bambino deve avere il seggiolino adatto a lui. I seggiolini sono facilmente reperibili in commercio, sostanzialmente si suddividono in cinque gruppi: gruppo 0 può contenere fino a 10 kg, gruppo 0+ oltre 10 kg fino a raggiungere i 13 kg, gruppo 1 può essere utilizzato per un peso che va dai 9 fino a un massimo di 18 kg; gruppo 2 il peso consentito per questo gruppo va dai 15 kg fino ai 25 kg; infine gruppo 3 adatto per un peso che rientra dai 15kg fino a un massimo di 36 kg;
  3. l’ovetto oppure la navicella contiene i neonati fino a nove kg, vanno posizionati sul sedile posteriore, ovviamente facendo attenzione fissandoli nel senso opposto rispetto a quello di marcia. I bimbi che superano i 9 kg fino ai 18kg possono viaggiare nei seggiolini tranquillamente posizionati nel senso di marcia. L’accortezza va rivolta alle cinture assicuratevi che siano ben salde. I bimbi che superano i trentasei chili o risultano essere più alti di un metro e mezzo possono viaggiare sul sedile posteriore allacciati con la sola cintura;
  4. vige “ la regola d’oro”: la sicurezza dei bimbi deve prevalere su tutto. Il giusto comportamento deve essere rivolto a garanzia della protezione del bambino/a, ecco perché il primo passo da seguire quando entriamo in macchina è quello di fare attenzione a posizione il bimbo legato accuratamente;
  5. fate attenzione se la vostra autovettura e dotata di Airbag possono rappresentare un vero pericolo, se malauguratamente finite coinvolti in un incidente stradale l’apertura dell’airbag potrebbe causare più danni dell’incidente stesso;
  6. rispettate il Codice Stradale i cellulari non vanno assolutamente tenuti in mano durante la guida.  È importante rispettare i limiti di velocità, ricordatevi di mantenere le distanze, insomma le linee guida basilari, che si imparano nel momento in cui si decide di voler guidare, ma si “perdono” per strada;
  7. guidare può sembra una cosa semplicissima, ma il pericolo è in agguato perdere il controllo della vettura o della visuale ed essere coinvolti in un incidente stradale o ancora peggio provocarlo direttamente è questione di attimi. I motivi di distrazione al volante potrebbero essere svariati dal più comune, ad esempio trovarsi nel panico perché “piange il bambino/a”. Mantenere la tranquillità è fondamentale quando si è alla guida della vettura, in questo caso o in situazioni similari, la logica impone di accostare, procedere a tranquillizzare il bambino e dopo riprendere la guida;
  8. quali sono i trucchi per guidare “tranquilli”? Portate con voi un giochino. Il bimbo/a  “impegnato nel gioco” non si lamenta;
  9. cosa fare se ha fame in macchina? Capita che il bimbo/a vogliono “mangiucchiare” durante i viaggi, non è assolutamente una buona regola. Nel caso che siete coinvolti in un incidente potrebbe soffocare;
  10. mai lasciare il bimbo/a incustoditi in auto. La fretta ci travolge totalmente assorbendoci completamente tanto che può accadere di dimenticare il bimbo/a in macchina. Troppi incidenti sono legati al passato. La società ci assorbe al punto, che ci risucchia in uno stato di “oblio” spingendoci a perdere di vista l’importanza della vita stessa. Fate attenzione quando guidate, pensate solo al bambino/a chiudete fuori dal finestrino tutti i “pensieri” qualsiasi essi siano, specie se possono rappresentare un motivo di distrazione; Tante sono le case automobilistiche che sono intervenute studiando dei dispositivi da installare in auto, capaci di rilevare la presenza del bambino/a ancora legati nel sediolino. Una sorta di allarme pronto a scattare nel momento in cui il bimbo/a resta incustodito “accidentalmente”;
  11. prima di concludere, quando chiudete la portiera assicuratevi d'inserire la chiusura centralizzata, i bambini ne combinano tantissime e inavvertitamente potrebbero per “gioco” aprirla durante il viaggio.

Autore: Antonella Tortora
pubblicato il