BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Cos'è e come funziona un condizionatore evaporativo

Regole di funzionamento del condizionatore evaporativo buon sostituto del classico condizionatore d’aria: cosa c’è da sapere

Cos'è e come funziona un condizionatore evaporativo

Cos'è il condizionatore evaporativo?

Il condizionatore evaporativo è un sistema mobile per rinfrescare un ambiente di piccole o medie dimensioni comportando un ridotto consumo di energia elettrica. Non ha bisogno di gas refrigeranti o di componenti chimici che inquinano l’ambiente ma per il suo funzionamento basta solo l’acqua o, se previsto, il ghiaccio, che devono essere inseriti in una tanica interna.

 

Il condizionatore evaporativo può essere considerato un valido sostituto del condizionatore fisso per l’aria condizionata, avendo le stesse capacità di rendere gli ambienti più freschi, ma con modalità differenti. I condizionatori evaporativi, infatti, consentono di:

  1. rinfrescare l'aria evaporativa con tecnologia a nido d'ape;
  2. rinfrescare e depurare l'aria grazie alla funzione di ventilazione;
  3. scegliere la direzione del flusso d'aria regolabile e funzione swing.

Possono, inoltre, funzionare con cubetti o tavolette di ghiaccio per aumentare la capacità di raffreddamento, comunque garantendo sempre un funzionamento silenzioso. Tra i vantaggi che questo genera di condizionatori prevede rispetto ai classici condizionatori d’aria, quello della non necessità di effettuare fori e buchi e nel muro per la sua installazione, considerando che si tratta di sistemi mobili di raffreddamento dell’aria.

Condizionatore evaporativo: come si usa

Il climatizzatore evaporativo viene utilizzato per rinfrescare l'aria sia di ambienti di appartamenti e case in generale sia di interni dell'abitacolo di veicoli come camper, caravan, imbarcazioni, o impiegati per uso lavorativo come veicoli commerciali o agricoli può essere di diversi tipi:
mobile;

  1. con installazione su tetto;
  2. con installazione verticale;
  3. con installazione portatile.

Gli usi del condizionatore evaporativo possono, dunque, essere dei più disparati pur rimanendo nell’ambito del raffreddamento dell’aria.

Climatizzatore evaporativo: come funziona

Il climatizzatore evaporativo è un sistema che permette di filtrare l'aria calda e viziata all'interno degli ambienti chiusi, rendendola pulita e più fresca di 5-10°C, facendo passare l'aria esterna calda e viziata attraverso dei filtri bagnati d'acqua e sfruttando l'evaporazione per riemetterla nell'ambiente più pulita e fresca generando aria fresca e migliorando la temperatura di un ambiente a costi decisamente ridotti.

Considerando che il funzionamento del condizionatore evaporativo prevede il raffreddamento dell’aria grazie ad un sistema ad acqua, bisognerà riempire il serbatoio interno del climatizzatore ogni qualvolta l’acqua stia per terminare, garantendo un'autonomia dalle 7 alle 20 ore al massimo. Il consumo di acqua dipende dalla temperatura esterna ma, solitamente, la media si aggira tra i 500 ed i 1500 ml/h, mentre il consumo massimo di energia elettrica che il climatizzatore evaporativo comporta è compreso tra i 6 ed i 10 A/h (6 A/h sono circa 70 watt/h). Si possono, tuttavia, ottenere risultati anche migliori in termini di consumo con una media o bassa regolazione.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il