BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Cos'è il mercato libero dell'energia e quando aderire

A partire dal primo luglio 2019 tutti gli utenti del servizio tutelato dovranno necessariamente passare al mercato libero dell’energia e scegliere la compagnia a cui affidare le utenze di luce e gas

Cos'è il mercato libero dell'energia e quando aderire

Cos’è il mercato libero dell’energia?

È un regime di mercato in cui tutti gli utenti, inclusi quelli domestici, possono liberamente decidere a quale venditore affidarsi per la fornitura di energia elettrica e gas e a quali condizioni acquistare la fornitura medesima

Le liberalizzazioni, nell’Italia che vantava l’intervento statale nell’economia più alto, secondo solo a quello dell’ex Unione Sovietica, hanno segnato una stagione della storia recente. Provvedimento dopo provvedimento tutte, o quasi, le aziende che erano cresciute sotto l’egida della protezione dello Stato sono state vendute iniziando a stare nel mercato senza alcun protezionismo.

Negli ultimi tempi avrete certamente sentito parlare di mercato libero dell’energia e dell’imminente scomparsa del servizio di maggior tutela, prevista per il primo luglio 2019. A partire da questa data, infatti, tutti gli utenti del servizio tutelato dovranno necessariamente passare al mercato libero dell’energia e scegliere la compagnia energetica a cui affidare le utenze di luce e gas.

Oltre ad un ampio numero di compagnie energetiche, nel libero mercato si potrà scegliere in un paniere ricco di moltissime offerte luce e gas, che bisognerà valutare per poi affidarsi a quella in grado di rispondere meglio alle proprie esigenze. Vediamo più da vicino cos’è il mercato libero dell’energia elettrica e quando bisogna aderire.

Cos'è il mercato libero dell'energia

Cos’è il mercato libero dell’energia? L’abolizione del servizio di maggior tutela, quello che in buona sostanza garantiva una stabilizzazione delle tariffe, segnerà l’inizio di una nuova era per quello che riguarda questo comparto. Per i milioni di italiani, infatti, intestatari di contratti luce a gas appartenenti al servizio tutelato dovranno obbligatoriamente passare al libero mercato, e quindi scegliere a quale compagnia energetica affidare le proprie utenze.

Il mercato energetico italiano prevede al momento la convivenza per così dire pacifica, di due diverse tipologie di mercati: il mercato libero e il servizio di maggior tutela, detto anche servizio tutelato. Il primo è nato di recente, in seguito alla liberalizzazione del mercato, ed è caratterizzato dalla presenza di tante compagnie energetiche private che hanno la facoltà di determinare in autonomia i costi delle tariffe di luce e gas. In definitiva il mercato libero dell’energia è un regime di mercato in cui tutti gli utenti, inclusi quelli domestici, possono liberamente decidere a quale venditore affidarsi per la fornitura di energia elettrica e gas e a quali condizioni acquistare la fornitura medesima.

Mercato libero quando aderire

Scegliere l’opzione migliore, quella che si adatta maggiormente alla proprie esigenze, costituisce un baluardo fondamentale per comprendere come agire nel mercato libero. È molto importante, per fare una buona scelta, consultare anche la Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici che consente di comparare il costo totale dell’offerta rispetto a quello del contratto base di maggior tutela.

Una scheda che deve essere sempre fornita dai venditori, anche quando si sottoscrive un normale contratto del mercato libero e che offre un valido supporto per capire quando bisogna aderire al mercato libero dell’energia. Possono sottoscrivere il contratto tutti i consumatori ancora in maggior tutela e quelli che ne avrebbero diritto in caso di nuova attivazione o voltura, a partire dal primo gennaio del 2017 fino al termine del servizio di maggior tutela, ancora da definire, e comunque non oltre il trenta giugno del 2018.

L’accesso avviene unicamente dal portale www.portaletutelasimile.it tramite la sezione “Offerte”, dove sono raccolte le proposte dei venditori accreditati che l’utente può sottoscrivere, sotto forma di contratti a distanza, direttamente e senza intermediazione.

Autore: Luigi Mannini
pubblicato il