BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Polizza Kasko: cosa copre in caso d'incidente stradale

Cosa prevede la polizza Kasko: costi, coperture e convenienza. Le regole di funzionamento di questa tipologia di assicurazione auto

Polizza Kasko: cosa copre in caso d'incidente stradale

Così la polizza Kasko?

La polizza Kasko è un’assicurazione che copre i danni arrecati alla propria auto differente da quanto previsto dall’assicurazione obbligatoria RC (responsabilità civile) che copre solo i danni provocati a terzi. Si tratta, però, di una polizza spesso molto costosa ma facoltativa, tuttavia consigliata per autovetture destinate da essere usate da neopatentati o con elevato chilometraggio che hanno una probabilità più elevata di essere coinvolti in incidenti.

 

La polizza Kasko rappresenta una delle assicurazioni accessorie che si possono associare alla RC auto base, prevedendo un ulteriore costo, ma con il vantaggio di coprire non solo i danni causati a terzi, che sarebbero ‘competenza’ dell’RC auto base, ma anche quelli autoindotti alla propria vettura. Esistono due tipologie di polizza Kasko, una totale e una parziale: la prima è l’assicurazione che permette di avere una copertura totale anche se l’incidente verificatosi coinvolge solo il guidatore e non anche altre vetture, mentre la seconda prevede una copertura per altre vetture e non per i danni prodotti da un incidente in solitaria. I costi di polizze Kasko e mini-Kasko dipendono dal tipo di vettura, utilizzo e posizione assicurativa del conducente.

Polizza Kasko: coperture previste

La polizza kasko, a differenza dell’Rc auto, prevede, dunque, il pagamento anche dei danni eventuali che la propria vettura potrebbe riportare anche in caso di colpa o di non coinvolgimento di altri veicoli. La polizza Kasko prevede il risarcimento per tutti gli eventi e i sinistri subiti dal proprio veicolo durante la circolazione su strada.

Per esempio, se si sbanda e si finisce contro un palo, la Kasko risarcirà il danno subito dalla vettura. Se, infatti, si decide di stipulare una polizza Kasko, si ha diritto al risarcimento anche se l'incidente è stato causato dall'assicurato e la Kasko copre danni come urti, ribaltamento, collisioni avvenute durante la circolazione. Si tratta nella maggior parte dei casi di polizze che prevedono una franchigia di 500 euro circa e, è bene sottolinearlo, non coprono danni riportati alla vettura nei casi in cui si sia stati vittime di incidenti causati in stato di ebrezza o se si risulti positivi a sostanze stupefacenti.

Polizza Kasko: costi previsti

Per quanto riguarda il capitolo prezzi, il costo di una Polizza Kasko varia in base alla scelta della compagnia assicurativa e delle condizioni ma, in generale, mediamente si aggira tra il 3 e il 4 per mille del valore dell’auto. Per fare un esempio pratico, per una vettura di 30.000 euro il prezzo annuale di una polizza Kasko sarebbe tra i 900 e i 1200 euro l’anno, cifra da sommare all’Rc auto che spesso fa lievitare notevolmente i costi, tanto che ad oggi, secondo i dati, sono davvero pochi i guidatori che hanno stipulato Rc auto e polizza Kasko. Quest’ultima, infatti, viene solitamente evitata.  

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il