BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Visura PRA: come si ottiene e quanto costa

Questo documento contenente tutte le informazioni giuridiche e patrimoniali di un veicolo iscritto al PRA. Consente di conoscere, disponendo del numero di targa le informazioni di quell’autoveicolo

Visura PRA: come si ottiene e quanto costa

Cos’è la visura PRA?

La visura PRA è il documento che contiene informazioni riguardanti un veicolo: dati anagrafici, indirizzo e codice fiscale dell'intestatario, tipo veicolo e segnalazione di eventuali gravami quali ipoteche e/o annotazioni.

La Visura PRA è un documento da richiedere sempre per evitare spiacevoli sorprese in diverse occasioni. In caso di incidente, per esempio, oppure prima di acquistare un’automobile o per risalire ad eventuali fermi amministrativi, ipoteche o vincoli di altro genere. Insomma il ventaglio di applicazioni, come abbiamo visto, è molto vasto. Questo documento contenente tutte le informazioni giuridiche e patrimoniali di un veicolo iscritto al PRA. Se qualcuno ancora tituba e non sa come si ottiene e quanto costa allora farà bene a leggere questo articolo.

Come si ottiene la visura PRA

Le visure PRA sono rilasciate dallo sportello del Pubblico Registro Automobilistico e consentono di conoscere, disponendo almeno del numero di targa, tutte le principali informazioni che riguardano quell’autoveicolo, motoveicolo o rimorchio. Incidenti, problemi, stato generale del mezzo, insomma. Esistono diverse visure PRA in base alle ricerche da effettuare.

  • Visura PRA per Nominativo. Richiedendo una visura sulla base dei propri dati anagrafici, un soggetto privato può conoscere i veicoli intestati a proprio nome nell’archivio del PRA.
  • Visura PRA per targa. Partendo dal numero di targa, con questa visura è possibile risalire ai dati tecnici di un veicolo e il relativo proprietario. Nello specifico, nella visura PRA per targa sono contenuti. In pratica i dati dell’ultimo proprietario del veicolo in caso di persona fisica. La ragione sociale e la sede in caso di persona giuridica. La data dell’atto di vendita e la data di presentazione della trascrizione al PRA. I dati tecnici del veicolo visurato, come il modello, la marca, la cilindrata, i cavalli, l’uso previsto, il numero di telaio, Nel caso della richiesta di una visura PRA per targa, le informazioni contenute nel registro automobilistico italiano sono consultabili liberamente, senza alcuna limitazione di privacy. Questo perché si tratta di un pubblico registro e sarà sufficiente fornire semplicemente i dati del veicolo. Il documento non ha valore legale perché è privo dei diritti di bollo. Se si necessita di un documento con valore legale, bisognerà richiedere il Certificato cronologico PRA per targa. Questo consentirà di conoscere la storia completa di un veicolo attraverso un estratto cronologico.

Visura PRA quanto costa

Abbiamo visto cos’è la visura PRA. Adesso è arrivato il momento di esaminare quanto costa la visura PRA. L’accesso alla banca dati Aci PRA per l’evasione della visura PRA non è gratuito. Questo comporta il pagamento di diritti e tasse al Pubblico Registro Automobilistico. Il costo del servizio della visura PRA per targa è di cinque euro con consegna in due ore lavorative, mentre quello della Visura PRA per nominativo di quarantacinque euro con consegna in cinque giorni lavorativi.

Esistono due tipologie principali per richiedere la visura PRA. Ma si possono richiedere anche servizi, come l’estratto cronologico PRA per targa, l’estratto cronologico PRA per nominativo, la Revoca fermo amministrativo, la Sospensione fermo amministrativo e la Trascrizione pignoramento al PRA. La gamma dei servizi di visure PRA è quindi ampia e finalizzata a specifiche esigenze.

É possibile anche ottenere una visura PRA direttamente on line. Il registro automobilistico italiano è aggiornato telematicamente a ogni passaggio di proprietà o nuova immatricolazione, per cui i dati estratti saranno aggiornati all’ultima modifica. In particolare, in ogni visura PRA evasa viene sempre riportata la data della sua estrazione dagli archivi. La data di aggiornamento delle informazioni in essa contenute è quella antecedente il giorno lavorativo della richiesta.

Autore: Luigi Mannini
pubblicato il