BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Bollo auto: inviate multe a migliaia, decisione al bivio più costoso, incentivi locali

Bollo auto tra ingiunzioni e agevolazioni e due cambiamenti fondamentali in vista.

Bollo auto: inviate multe a migliaia, de

Bollo auto sempre al centro dell'attenzione



Entriamo in una prima fase che deciderà se il bollo auto avrà un aumento e consistente come spiegato che poitrebbe ricadere sulle prossime elezioni. E poi controlli più stretti e migliaia di multe senza dimenticare anche gli incentivi. Tutti a livello locale. 

Bollo auto sempre più protagonista tra multe e ingiunzioni che arrivano dalle Regioni e Comuni così come il via a sconti ed agevolazioni e, poi, ua intera revisionedel bollo auto stesso a cui sarebbe vicino sia la stessa maggioranza attuale, ma anche gli altri politici, però, in vista delle prossime elezioni

Ingiunzioni, sanzioni e multe.

Parte dal Piemonte su Torino e le altre città della Regione, il via ad una stretta di controlli su chi non ha pagato il bollo auto. Se l'anno scorso si era arrivati a 40 milioni, ora l'obiettivo è due terzi in più, quindi quota 100 milioni da recuprare con 700mila lettere, di cui 450mila sono già partite mettendo in crisi tra l'altro i centralini. Liiniziativa è della Regione in collaborazione con l'Aci che farà anche di assistenza agli automobilisti che riceveranno la notifica di pagamento. Questa del Piemonte è solo l'inizio di questa stretta che avrà come protagonista anche le altre Regioni e Comuni come annunciato dall'AGenzia che avranno un ruolo anche molto più attivo sulle multe stradali

Sconti e Agevolazioni

Dall'altra parte sempre le stesse Regioni stanno dando il via ad una serie di sconti e agevolazioni per esere da una parte iù sicuri di riuscire ad ottenere l'imposta senza evasione fiscale. Ha iniziato la Lombardia, ma secondo indiscrezioni ne seguiranno diverse altre, e dovrebbero agire come la stessa Lombardia ovvero uno sconto del 10% a chi decide di procedere con la domiciliazione bancaria in automatico.

Modifiche in arrivo sul bollo auto

Ma tutto potrebbe cambiare, sia da subito durante questo iter economico, con l'esecutivo e la maggioranza, che sembrano pronti, procedendo alle direttive e agli orientamenti Ue, ad aumentare i costi del bollo auto in base all'emissione di inquinamento e gas nocivi emessi e a diminuirli per le auto con le emissioni più basse che potrebebro dientare ero per i veicoli elettrici come in altre nazioni europee.
Il problema è che il massimo dei costi sarebbe pagato da ben 17-20 milioni di veicoli che sono i più vecchi in circolazione.
Dall'altra parte, però, questa decisione potrebbe essere bloccata dalla paura di perdere consensi per le elezioni prossime ormai vicine, anche perchè il cento-destra ha in programma come già detto anche da Silvio Berlusconi l'annullamento e cancellazione totale del bollo auto che sarebbe uno die punti più poppolari del suo programma ma sicuramente da non sottovalutare. E una risposta in questo senso potrebbe arrivare anche dagli altri partiti.
 

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il