BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Bollo auto aumenti significativi costo in arrivo. Sconti, detrazioni regionali iniziano

Si allarga la platea dei beneficiari dello sconto del 10% sul bollo auto per chi aderisce al servizio di addebito automatico sul proprio conto corrente.

Bollo auto aumenti significativi costo i

Bollo auto sconti e agevolazioni



Vi è la possibilità di sconti e detrazioni delle autorità locali e finalamente si stanno muovendo le prime regioni, perchè da indiscrezioni, tali agevolazioni le faranno anche altri. Nel frattempo c'è il reale rischio, però, di un aumento elevato del bollo per tutti e in particolare per milioni di italiani con specifiche auto.

Essendo una tassa che si paga su base locale, ecco che si muovono le prime Regioni a proporre sconti sull'importo da versare o nuovi servizi. Anche perché a livello statale si procede con molta lentezza e tante contraddizioni. Da una parte c'è chi vorrebbe legare questa imposta al livello di inquinamento prodotto, dall'altra c'è chi, come il centrodestra, scommette sulla sostenibilità economica di una sua abolizione. Sarà perché le elezioni si avvicinano, ma il destino del bollo auto è tornato al centro dell'attenzione. C'è da scommettere che il livello del confronto sia destinato a salire ed entrerà a pieno titolo nella campagna dei diversi schieramenti per la ricerca del consenso. Per ora si registra comunque l'attivismo della Regione Lombardia con la proposizione di nuovi sconti e l'allargamento del sistema di pagamento.

Bollo auto: nuove regole

In buona sostanza viene applicato lo sconto del 10% sul bollo auto per chi aderisce alla domiciliazione bancaria ovvero al prelievo automatico della somma da versare. O meglio, viene allargata la sfera dei beneficiari, che adesso comprende

  1. le persone giuridiche che fruiscono dei benefici della domiciliazione bancaria tramite pagamenti in modalità cumulativa;
  2. i privati acquirenti di veicoli nuovi tramite finanziamento, il cui pagamento viene anticipato dalla banca e recuperato nella rata;
  3. le società che svolgono attività di locazione finanziaria;
  4. le società che svolgono attività di noleggio senza conducente.

Possono aderire tutte le persone fisiche residenti in Lombardia proprietarie o locatarie di veicoli, purché intestatarie di un conto corrente presso qualsiasi istituto bancario o postale. Il servizio per il pagamento del bollo auto può essere attivata anche per conto di altri soggetti. La domiciliazione bancaria ovvero il servizio che permette di eseguire pagamenti con scadenze periodiche mediante addebito automatico sul conto corrente, è estesa anche ai soggetti iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero di uno dei Comuni lombardi.

Banche e pagamento del bollo auto

E se la banca su cui è stato disposto l'addebito, a seguito di fusione con altra banca, cambia le coordinate bancarie? In questo caso l'istituto di credito trasferisce la posizione debitoria sul nuovo Iban comunicando la variazione alla Tesoreria di Regione Lombardia. Il contribuente deve solo verificare che la domiciliazione bancaria sia operativa attraverso la propria banca. Se tale comunicazione dovesse pervenire oltre la fine del mese che precede quello della scadenza per il pagamento, l'addebito potrebbe non andare a buon fine. In caso di mancato addebito causa variazione dell'Iban a seguito di fusione di banche, la Regione Lombardia promette di attivarsi per evitare che il cittadino, in caso di tardivo pagamento, sia gravato da sanzioni e interessi applicati sulla somma del bollo auto.

Al di là dello sconto, il pagamento del bollo auto può essere sempre effettuato presso le delegazioni Aci, le agenzie di pratiche auto, la maggior parte degli istituti di credito, gli uffici postali mediante il servizio Internet Banking, presso i tabaccai convenzionati con Banca Itb, direttamente collegati al Ruolo regionale e quelli aderenti al polo Lottomatica compilando le apposite schede per autovetture e autoveicoli a uso promiscuo soggetti al pagamento della tassa in misura piena, e per quelli che beneficiano di un particolare trattamento fiscale (come i taxi) e per tutti gli altri veicoli, come autobus, autocarri, rimorchi, ciclomotori.

Bollo auto: nuove regole

Se da una parte, dunque, iniziano ad essere applicati gli sconti e le detrazioni reionali consentiti dal Governo a livello locale e che secondo indiscrezioni interesseranno più regioni, dall'altra è possibile l'aumento del bollo auto in manovra finanziaria come previsto da diversi relatori. Una mossa che potrebbe essere bkloccata solo per ragioni elettorali.
L'idea che è molto simile a quella di molte nazioni europee e segue alcune indicazioni e direttive Ue è quella di rendere progressivo il costo del bollo auto, facendolo pagare di più, molto di più, a chi ha un auto o veicolo che inquina di più. Dunque, un bollo auto progressivo in base alle emissioni inquinanti.
Al momento sarebbero almeno 17-20 milioni di auto ch pagherebbeero il massimo, una vera stangata per tanti italiani.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il