BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Rc auto: compagnie di assicurazioni con maggiori reclami. Truffe sempre forti, ancora nulla sconti

Stilata l'interessante classifica delle compagnie di assicurazioni auto che gestiscono il maggiore numero di reclami. Ecco quali sono i motivi dei contrasti.

Rc auto: compagnie di assicurazioni con

Assicurazioni auto: le compagnie con più reclami



E' molto importante quando si sceglie uan rc auto, sapere come si comporta nel classico momento dei bisogno. E la classsifica delle proteste e dei reclami per compagnia assicurativa è sicuramente in questo molto utile.

Le ragioni sono sempre le solite: l'ammontare del risarcimento per il danno subito e l'attribuzione della colpa per l'incidente. Il campo delle assicurazioni auto continua a rimanere uno dei più litigiosi di sempre e gli italiani litigano per i motivi consueti, inclusi i tempi di definizione dei sinistri e il comportamento della rete di vendita. Già, ma qual è la compagnia assicurativa più litigiosa? Qual è quella che nel corso dell'ultimo anno ha gestito il maggior numero di casi? Il nuovo report dell'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni è utile anche per scattare una fotografia più completa del panorama italiano, da cui viene fuori questa graduatoria:

  1. Reale Mutua 1,39 reclami per milione di premi
  2. Società Cattolica di assicurazione 1,71
  3. Tua Assicurazioni (Gruppo Cattolica) 2,19
  4. Allianz 2,61
  5. Axa 2,67
  6. Unipol Sai 2,98
  7. Sara 3,22
  8. Groupama 3,98
  9. Vittoria Assicurazioni 4
  10. Generali 4,24
  11. Intesa Sampaolo Assicura 5,31
  12. Genertel 9,01
  13. Genialloyd 9,84
  14. Linear (Unipol) 10,44
  15. Zurich 13,71
  16. Direct Line 20,71
  17. Con Te (Admiral) 21

Come rileva lo stesso Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, i reclami accolti sono stati pari al 33 per cento, quelli transatti pari a circa il 10 per cento, quelli respinti pari al 52 per cento, il restante 5 per cento risultava in fase istruttoria al 31 dicembre.

Assicurazione auto: sconti e risparmi non sempre facili

Sono soprattutto i contratti conclusi a distanza, come quelli online, a consentire di risparmiare sul prezzo finale dell'assicurazione auto. Al netto degli sconti per chi installa la cosiddetta scatola nera sul proprio veicolo con cui far tracciare il proprio comportamento alla guida, una premessa è d'obbligo. Anche nel caso dei contratti stipulati via telefono o via Internet, il contraente è titolare di un diritto al ripensamento che gli consente di recedere dal contratto entro 14 giorni dalla data della conclusione ovvero dalla data in cui riceve le condizioni di polizza o le informazioni contrattuali. In ogni caso, prima della stipulazione dovranno essere forniti le informazioni e i documenti che si acquiserebbero presso un punto fisico dell'impresa o un intermediario assicurativo.

Si tratta dell'informativa precontrattuale prevista per tutti i tipi di contratti, con i dati essenziali degli intermediari ovvero

  1. numero e data di iscrizione nel Registro unico degli intermediari assicurativi;
  2. eventuale obbligo di proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione.

E poi devono essere indicati con chiarezza le principali caratteristiche del servizio o del prodotto offerto; l'ammontare del premio totale, compresi i relativi oneri, commissioni, spese e imposte; qualsiasi costo specifico aggiuntivo relativo all'utilizzo della tecnica a distanza; le modalità di ricezione e trasmissione della documentazione precontrattuale e contrattuale; le modalità di sottoscrizione e ritrasmissione del contratto. Entro 5 giorni dalla conclusione del contratto, la compagnia di assicurazione è sempre tenuta a inviare il contratto per la sottoscrizione.

Lo stesso Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni ricorda che nel caso di vendita tramite call center, l'assicurato ha sempre diritto a essere messo in contatto con il responsabile del coordinamento e del controllo dell'attività di promozione e collocamento del prodotto. Deve anche ricevere un riepilogo dei principali obblighi di comportamento dell'intermediario, come l'obbligo di proporre contratti adeguati alle esigenze di copertura assicurativa.

Nuove regole assicurazione auto

Nel quadro del nuovo sistema, le compagnie di assicurazione trasmettono in tempo reale a una banca dati delle coperture assicurative, le informazioni relative a ogni polizza auto, nuova o rinnovata. Questi dati possono essere incrociati con quelli registrati dalla Motorizzazione Civile così da permettere all'assicurato di circolare subito dopo la stipula del contratto senza dover attendere lo scoccare della mezzanotte del giorno di pagamento del premio. E alle forze dell'ordine di accertare telematicamente e con immediatezza se il veicolo che intendono controllare è assicurato o è sprovvisto di copertura.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il