BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Car sharing perdite operatori alte, ma sarà sempre più diffuso per aumento bollo auto in arrivo

Il modello del car sharing non è proprio il migliore dal punto di vista del business economico. Una recente richiesta rivela come i conti non tornino.

Car sharing perdite operatori alte, ma s

Car sharing: servizi più diffusi e migliori



Al momento il Car sharing non riesce a prendere piede in Italia per uan serie di differenti problemi, ma con l'uamentare del bollo auto e del costo delle rc auto dovrebbe essere sempre maggiormente diffondersi ed essere usato. Ecco tra l'altro i servizi migliori in Italia al momento
 

Sono tante le ragioni per cui il car sharing si rivela un affare interessante? Il risparmio di denaro da parte di chi ha bisogno di spostarsi utilizzando l'auto e il contenimento di pericolose emissioni per l'inquinamento. E il tutto con la possibilità di creare nuove relazioni. Eppure, dal punto di vista strettamente economico usare l'auto solo quando serve e pagarla solo quando si usa non è proprio conveniente. O almeno non lo è per le società che propongono questo servizio. Stando infatti ai bilanci di Car2Go, Enjoy, Drive Now e Share'ngo, i conti non tornano e tra entrate e uscite, si registra in media un rosso di quasi 5.000 euro. Diverso è il caso delle amministrazioni comunali che scaricano su queste stesse società i costi per i mancati incassi per i parcheggi nelle strisce blu e gli ingressi nelle Zone a traffico limitato.

Car sharing in difficoltà dal punto di vista economico

Non tornano allora i conti sul car sharing. Letteralmente auto in condivisione, è un servizio di mobilità a fruizione individuale che consente a più clienti di utilizzare, singolarmente e in momenti diversi della giornata, varie tipologie di veicoli. Si paga solo l'effettivo utilizzo del mezzo, sulla base di tariffe orarie e chilometriche prestabilite. Secondo quanto svelato da Quattroruote, le società devono fare di più per trasformare questo servizio in un vero business. Eppure il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare si è impegnato nella promozione del car sharing stanziando 10 milioni di euro per il potenziamento di un servizio, che può contribuire a ridurre sensibilmente le emissioni dei gas nocivi e a tutelare la salute dei cittadini.

Car2Go, Enjoy, Drive Now e Share'ngo...

Quattro le società di car sharing passate sotto la lente di ingrandimento dell'inchiesta del noto mensile, considerate tra le migliori proponenti del servizio. Car2go è attivo a Milano, Roma, Firenze e Torino e il costo è di 9 euro per l'iscrizione e 24 centesimi al minuto. Enjoy si distingue per avere nel carnet Fiat 500 e scooter Piaggio a flusso libero. È attivo a Milano, Roma, Firenze, Torino e Catania al prezzo di 25 centesimi al minuto per l'auto e 35 centesimi per lo scooter. Drive Now propone la condivisione di Bmw Serie 1, Bmw Serie 2, Active Tourer, Bmw Serie 2 Cabrio, Mini, Mini Clubman o Mini Cabrio per un totale di circa 500 vetture. È attivo solo a Milano e i costi sono di 29 euro di iscrizione e da 31 a 34 centesimi al minuto in base al modello scelto. Share'ngo è tra i più utilizzati perché mette a disposizione auto elettriche a flusso libero. Attivo a Milano, Roma e Firenze, i costi sono di 10 euro di iscrizione, 28 centesimi al minuto. Per le donne le corse notturne sono gratuite dall'una alle sei del mattino. La società sta strigendo accordi per offrire facilitazioni nell'uso delle sue auto per lo shopping, la pratica sportiva e la partecipazione a iniziative culturali.

...e le altre

Car2Go, Enjoy, Drive Now e Share'ngo non sono i soli servizi di car sharing attivi in Italia. GirACI è attivo a Milano, Verona, Bari e Firenze con tariffe e formule diverse a seconda della città. ReFeel eMobility è invece il servizio di corporate Auto sharing elettrico pensato per le aziende. e-go Car Sharing 100% mette a disposizione trenta veicoli elettrici e trenta postazioni di ricarica per studenti e personale dell'Università degli studi Roma Tre, al costo è di 2,5 centesimi al minuto. Bluetorino mette a disposizione auto elettriche a Torino. Il costo è di 19 centesimi al minuto con un abbonamento da 5 euro al mese, ma per i giovani tra i 18 e i 25 anni costa un euro al mese e meno di 14 centesimi al minuto.

Ma sarà sempre più utile per rc auto sempre più care e aumento bollo auto in arrivo

Nonostante tutto questo, le previsioni per il Car Sharing sono destinate a migliorare ed espandere i propri zervizi in tante città italiane, finora, non toccate, in quanto complessivamente il costo di un auto di gestione è già molto alto ora e dalle ultime statistiche anche le rc auto sono in costante aumento e non con sconti come sembra magari all'apparenza, anche perchè quelli della legge della concorrenza non sono ancora entrate nelle offerte, pur potendolo essere inseriti,perchè per legge già formalmente in vigore.
E in più c'è il discorso dell'aumento del bollo auto che dovrebbe essere inserito in manovra finanziaria ed essere progressivo in base all'inquinamento prodotto dalla propria auto. Questo starebbe a significare un aumento almeno per 17-20 milioni di veicoli che in teoria per spendere meno dovrebbero essere tutti cambiati comprandone di nuovo i facendo affidamento, appunto, al car sharing

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il