BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Rc auto, nuovi sconti, conteggio rivisto e regolamento. Come spendere meno.

Come risparmiare sull'assicurazione auto non rinunciando nei preventivi a importanti protezione. E per gli sconti obbligatori un ulteriore passo dell'Ivass

Rc auto, nuovi sconti, conteggio rivisto

Assicurazione auto: come fare a risparmiare



La consultazione pubblica dopo aver deciso alcuni elementi tecnici è stata decisa dall'Ivass e dopo di questa potranno in vigore i nuovi sconti. E vediamo, dunque, come si potrà risparmire e avere le tutele migliori e le protazioni maggiori sia ora che dopo questi sconti.

Risparmiare sull'assicurazione auto è quasi un obbligo considerando i prezzi costantemente al rialzo e la parallela tendenza a sfruttare forme di mobilità condivise e dunque a far circolare sempre meno la propria auto su strada. E per chi non crede come i costi siano tendenti al rialzo, qualunque sia la regine o la città di residenza, l'aumento medio nell'arco degli ultimi 12 mesi è stato pari al 12,99%, che scende al 9,14% se si prendono in considerazione solo gli ultimi 6 mesi. A rivelarlo è l'Osservatorio assicurazioni auto della piattaforma di comparazione facile.it. Di conseguenza, trovare il modo per alleggerire l'impatto sulle proprie tasche è un passaggio da cui non si può fare a meno.

Assicurazione auto: come fare a risparmiare

La prima azione da compiere per andare alla ricerca di prezzi più bassi per assicurare l'auto, in attesa che si materializzino quegli sconti ancora sconosciuti, è quella di rivolgersi al mercato del web. Esattamente a una (o anche più di una) piattaforme di comparazione delle tariffe. A parità di condizioni, è molto facile che dai vari cercassicurazioni, facile.it, mybestoption o segugio.it, salti fuori una proposta più conveniente. E se del contatto fisico non si può proprio fare a meno, con il nuovo preventivo in mano è possibile andare dal vecchio assicuratore chiedendo uno sconto. A fare aumentare i costi medi delle RC sono spesso e volentieri i costi accessori.

Ecco allora che può essere una buona idea valutare se accettare o meno le varie proposte di mettersi al sicuro, ad esempio, da incendi e furti o dalla rottura cristalli. Una variabile decisiva è rappresentata dagli anni di età della vettura. Poi ci sono alcuni aspetti da cui non si scappa, come la residenza. La differenza di prezzi può essere rilevante. Come dire regione che vai, premio che trovi. Provando ad analizzare la situazione, la media dei premi nelle 20 regioni italiane è la seguente:

  1. Abruzzo 505,99 euro
  2. Basilicata 476,00 euro
  3. Calabria 689,33 euro
  4. Campania 989,91 euro
  5. Emilia Romagna 544,73 euro
  6. Friuli Venezia Giulia 408,59 euro
  7. Lazio 598,38 euro
  8. Liguria 598,29 euro
  9. Lombardia 472,98 euro
  10. Marche 528,68 euro
  11. Molise 531,84 euro
  12. Piemonte 536,28 euro
  13. Puglia 670,06 euro
  14. Sardegna 490,63 euro
  15. Sicilia 569,51 euro
  16. Toscana 657,06 euro
  17. Trentino Alto Adige 426,13 euro
  18. Umbria 566,37 euro
  19. Valle d'Aosta 405,31 euro
  20. Veneto 487,82 euro

In ogni caso, la compagnia assicurativa deve avvisare il contraente prima della scadenza annuale del contratto, fornendo almeno 30 giorni prima informazioni sul premio per la nuova annualità e i dati aggiornati dell'attestato di rischio: informazioni sul premio per la nuova annualità. La compagnia potrà fornire direttamente il dettaglio delle singole componenti della variazione del premio rispetto all'annualità precedente, per esempio per variazione tariffaria o della classe di merito, oppure invitare il contraente a consultare il sito o a rivolgersi all'agente assicurativo il quale è tenuto a fornire le informazioni. L'adempimento dell'obbligo di assicurazione è sempre attestato dalla polizza e dal certificato di assicurazione.

RC auto: boom del web

Se da una parte i dati aggiornati dell'Insurance Report di Nielsen relativo al secondo semestre 2017, rivelano come sia aumentata del 15 per cento la quota degli italiani che si rivolge al web per acquistare l'assicurazione auto, dall'altra è il caso di far presente che se si conclude un contratto a distanza, è importante ricordare che prima della stipulazione devono essere forniti le informazioni e i documenti dal punto vendita della compagnia assicurativa o dall'intermediario assicurativo. Nel caso di vendita tramite call center, si ha invece il diritto a essere messi in contatto con il responsabile del coordinamento e del controllo dell'attività di promozione e collocamento del prodotto. Dovrà inoltre essere trasmesso un riepilogo dei principali obblighi di comportamento dell'intermediario quali, come quelle di proporre contratti adeguati alle personali esigenze di copertura assicurativa.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il