BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Postepay: problemi, truffe, errori, smarrimento, quando si perde. Cosa fare, soluzione problemi, assistenza, aiuto

Ecco cosa fare nel caso di smarrimento o furto della carta Postepay e soprattutto per mettersi al riparo da truffe.

Postepay: problemi, truffe, errori, smar

Truffe Postepay: regole di base



AGGIORNAMENTO: Poste Italiane non invia messaggi di posta elettronica per richiedere ai clienti di abilitare la carta Postepay al nuovo sistema di sicurezza. Non bisogna pertanto mai rispondere alle email che invitano a cliccare su link che richiedono di digitare i dati personali e della carta Postepay.

AGGIORNAMENTO: Per mettere al riparo da truffe Postepay è utile equipaggiare il proprio PC con un antivirus, un antispyware, un firewall e assicurarsi che il sistema operativo, i programmi per la sicurezza e i programmi che si utilizzano per accedere alla rete siano sempre aggiornati.

Poste Italiane è tra le società che vengono prese maggiormente di mira dai malintenzionati ovvero i suoi siti sono oggetto di attacchi informatici e truffe. E inevitabilmente sono coinvolti anche i suoi clienti, soprattutto coloro che utilizzano il web per transazioni economiche con la Postepay. La facilità di utilizzo della carta prepagata e la sua versatilità facilitano la diffusione e di conseguenza stimolano l'appetito dei truffatori. Il suggerimento è dunque di prestare la massima attenzione nell'utilizzo della carta e soprattutto di non inciampare nei continui tentativi di truffa via web, soprattutto attraverso il servizio di posta elettronica.

Postepay: cosa fare in caso di smarrimento e furto

Se ci trova nelle condizioni di dover bloccare una carta a seguito di smarrimento, furto o truffa, ci sono due strade da seguire:

  1. Quella telefonica chiamando il numero gratuito 800.90.21.22 dall'Italia o +39.049.2100.149 dall'estero.
  2. Quella via web compilando il form presente in questa pagina web: www.poste.it/online/richiestainfo/home.do

Vale la pena segnalare come chi ha l'esigenza di effettuare la ricarica di una carta Postepay direttamente presso il proprio domicilio, può chiedere un appuntamento a un Portalettere di Poste Italiane. Basta prenotarlo compilando il modulo di contatto già indicato o chiamare il contact center di Poste Italiane all'803.160 scegliendo l'opzione Servizi a domicilio all'interno delle voci Servizi Postali, Servizi Finanziari e posteshop.

Truffe Postepay: regole di base

Per mettere al riparo da truffe Postepay è utile equipaggiare il proprio PC con un antivirus, un antispyware, un firewall e assicurarsi che il sistema operativo, i programmi per la sicurezza e i programmi che si utilizzano per accedere alla rete siano sempre aggiornati. E quando si parla di prudenza nella navigazione significa memorizzare i codici di accesso e non conservarli in nessun file, verificare con attenzione l'ortografia dell'indirizzo dei siti da utilizzare, assicurarsi di essere in uno spazio reso sicuro dal protocollo di sicurezza SSL.

Postepay: come aumentare la sicurezza

È comunque sempre possibile intervenire a monte ovvero mettersi preventivamente al riparo da possibili truffe per la propria Postepay. La soluzione è quella dell'adesione al Sistema Sicurezza web per l'innalzamento del livello di tranquillità alle operazioni online con la Postepay nominativa. Tutte le transazioni sui siti di Poste Italiane e sui siti esterni convenzionati al protocollo 3D Secure sono infatti autorizzate con una password dinamica inviata con un SMS gratuito al numero di cellulare rilasciato a Poste Italiane. Il tutto con una raccomandazione: Poste Italiane non invia messaggi di posta elettronica per richiedere ai clienti di abilitare la carta Postepay al nuovo sistema di sicurezza. Di conseguenza non bisogna mai rispondere alle email che invitano a cliccare su link che richiedono di digitare i dati personali e della carta Postepay. L'adesione passa dunque da due passaggi ufficiali:

  1. L'associazione di un numero cellulare alla carta. Per farlo occorre recarsi presso un ATM Postamat oppure in ufficio postale. È così possibile modificare il numero in qualsiasi momento.
  2. L'abilitazione online della carta. Chi ha già associato un numero di cellulare per operare sui siti di Poste Italiane non deve fare altro che abilitare la Postepay a operare su altri siti Internet convenzionati al protocollo 3D Secure.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il