BusinessOnline - Il portale per i decision maker

L. Bilancio: priorità e misure differenti. Famiglie e giovani e inedito aumento tasse, stipendi PA, bollo auto

Gli obiettivi e le finalità della Legge di Bilancio diventano un pò chiari con il testo di accompagnamento reso noto. Ma vi sono ancora tanti capitoli da chiarire.

L. Bilancio: priorità e misure different

Legge di Stabilità, le priorità



Vi sono alcuni elementi spiegati nella Nota, un testo che spiega alcuni capitoli che verranno tocati nella Legge di Bilancio indiririzzando verso alcune priorità. 

La Legge di bilancio avrà alcune priorità già decise e che il Governo vorrà portare avanti nonostate una maggioranza sempre più difficile e con, comunque, le differenti opzioni e spintie che verrano date dal Parlamento durante i due mesi di iter a partire, probabilmente dal 4 Ottobre.

Gli obiettivi della Legge di Bilancio

Per quanto riguarda i principali capitoli si sono capiti un pù meglio leggendo la nota che ha accompagnato il DEF nel quale sono stati alcuni numeri, pocohi, per la verità e un quadro generale di riferimento, ma senza addentrarsi nei singoli capitoli.
Ora la nota esprime qualcosa in più, comunque tutto da definire e alcuni punti non sonoa ncora del tutto evidenti, possibili di una doppia interpretazione

Incentivi fiscali e detrazioni

Stando alla nota, rimaranno in vigore gli incentivi per i privati, quindi, si immaginano i bonus e le detrazioni che dovevano essere sistemati e riordinati, ma che al momento non sembra proprio che possano seguire una tale iniziativa che, comunque, anche in una revisione della spesa (che manca pure quella) sarebbe stata necessaria. 
E poi andranno ad essere rifinanziati gli incentivi per le imprese e gli investimenti pubblici, probahilmente si fa riferimento ad Industria 4.0 e al maxiammortamento principalmente che potrebbe diventare stabile.

Rinnovo dei contratti statali

Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti degli statali e il famoso aumento degli 85 euro, si dice che saranno disposte le risorse necessaria. Ora è da capire se con con questa frase si intendono gli 1,2 miliardi che erano già previsti essere già inseriti dall'anno scorso in questa legge di stabilità o si miri a trovarne ulteriori 1,5 miliardi circa o qualcosa in più per arrivare alla somma totale degli stanziamenti del pubblico a 5 miliardi che significherebbe un aumento di 85 euro per tutti come sembrava dagli accordi del novembr scorso. Altrimenti con un 2,2 miliardi, l'aumento degli stipendi non sarebbe per tutti e ci sarebbe un meccanismo a piramide, partendo da quelli che guadgano di meno e anche per loro non sarebbero 85 euro.

Taglio cuneo fiscale

Un altro elemento che dovrebbe esserci e che si è parlato di incetrare le maggiori risorse è quello dell'occupazione giovanile con il taglio del cuneo fiscale di circa il 2% per le imprese che assumono i giovanid a cpir se fino a 29 anni o 32 anni. E si stanno cercando degli strumenti per porter portare le aiende ad assumere con contratti non precari, ma a tepo indeterminato

Sostegno alle famiglie.

Un altro elemento che dovrebbe ricevere più risorse è il Fondo per il sostegno alle famiglie che come ogni anno dovrebbe essere aumenato di un miliardo circa, come secon i piani quadriennali previsti finora. Vedremo se effettivamente sarà così e se saranno poteniati alcuni strumenti, soprattutto, come budget e rirose come il Rei.

Bollo auto

Si dovrebbe procedere all'aumento del bollo auto facendolo pagare in base alle emissioni inquinanti delle auto in modo progressivo più aumenta l'inquiamento, più aumenta il costo del bollo auto. E sembra che possa passare senza grandi problemi, se che a sorpresa venga bloccata per le prossime elezioni e non perdere consensi. Anche, perchè, dall'altra parte c'è una opposizione del centro-destra che parla di cancellare del tutto il bollo auto. Ricordiamo che se dovesse passare la legge del bollo auto progressiva, almeno 17 milioni di auto dorvebbero essere cabiate per non pagare il massimo

Bollo auto

Diversi enti autonomi hanno già indicato che l'aumento delle tasse dalla manovra e più quelle dei Comuni, Regioni ed Enti Locali che lo Stato centrale permetterà di fare sarà di circa 8 miliardi di euro. Le tasse in manovra al momento non sono altissime, anche si parla di una serie di balzelli un pò per tutti, ma il vero aumento delle imposte sarà quello lasciato passare dagli eneti territoriali che potranno aggiungere ulteriori imposte, accise e aumentare i massimali di quelle che ci sono già.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il