BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Referendum sì e no: motivi, chiarimenti, spiegazioni cosa e perchè votare sì e no. Vantaggi e svantaggi su cosa votare

Cosa pensano gli italiani del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. Perchè votare sì o no al referendum costituzionale? Cosa potrebbe cambiare per pensioni, occupazione, economia?

Referendum sì e no: motivi, chiarimenti,


Referendum Costitizionale perchè votare sì o no, vantaggi e svantaggi (AGGIORNAMENTO ore 10:02): Tutta una serie di motivazioni sul perchè votare sì o no con una serie di spiegazioni interessanti le abbiamo riportate in questo lungo articolo che riteniamo possa essere davvero interessanti per capire in modo oggettivo, chiaro e semplice cosa votare. Eccovi il link diretto Votare sì o no, perchè? spiegazioni, vantaggi e svantaggi, cosa cambia

Referendum Costitizionale perchè votare sì o no, vantaggi e svantaggi (AGGIORNAMENTO ore 9:33): E bisogna andare anche oltre alle paure che si sono invocate. Se si saprà prendere il filo del discorso anche con una vittoria del no, magari con un governo tecnico che porti subito ad elezioni vi potrebbero essere delle tensioni, ma non il crollo paventato sia degli isitituti di credito che dello spread con btp-bund impazziti. Anzi, come abbiamo scritto servirà per superare questo "impasse" che dura da troppo tempo su troppi temi. L'importate è avere una visione chiara e netta da parte dei nostri esponenti e poi continuare o farlo, se non è stato fatto, a fare. Dunque, una ragione in più per cercare di capire cosa votare senza paura ma guardando solo i pro e contro del referendum stesso

Referendum Costitizionale perchè votare sì o no, vantaggi e svantaggi (AGGIORNAMENTO ore 14:07): Se vincesse il no, la maggioranza potrebbe anche continuare ma pare difficile. E se continuasse sarebbe solo per decidere il metodo di voto. Se dovesse continuare, invece, con il cosidetto Partito della Nazione il rischio sarebbe quello di perdere tempo e di vedere bloccato tutto ancora una volta.
Se vincesse il sì, se fosse una vittoria netta e forte, ma è difficile crederlo al momento, l'attuale maggioranza rimarebbe, ma se fosse una vittoria risicata, sarebbe il segnale che da una parte i cittadini credono poco a questa maggioranza e che le stessa maggioranza troppo divisa non è in grado di centrare un obiettivo e si andrebbe anche in questo alle elezioni. Dunque, il risultato finale, per chi vota sì o no, a livello di continuità di questa maggioranza, non dovrebbe cambiare, salvo clamorosi sviluppi. I motivi, il perchè sarebbe meglio cercarli nel merito come faremo in maniera più oggettivia possibile per cercare di capire perchè veramente votare sì o votare no

Referendum Costitizionale perchè votare sì o no, vantaggi e svantaggi (AGGIORNAMENTO ore 14:07): In questo articolo ci eravamo occupati del referendum costituzionale insieme ad una altra serie di eventi per come potrebbero e avrebbero potuto condizionare le pensioni, l'occupazione, l'economia in Italia. Ora vogliamo concentrarci invece sui vantaggi e gli svantaggi in modo quantomeno e più possibile oggettivo sul perchè votare s' o votare no conviene al referendum costituzionale che si terrà il prossimo 4 Dicembre. Sicuramente da un punto di vista economico e di stabilità, non è così detto che se vince il sì' ce ne sarà di più. Diversi dati e argomentazioni lo cercano di dimostrare, la cosa più importante, invece, è come si vince. Sia che vinca il sì o che vinca il no, sarebbe necessario un risultato netto perchè da una parte o dall'altra come vedremo si sbloccherebbe la situazione.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 11:45): Per il momento non sono adesso una priorità le novità per le pensioni, mentre molto più importanti sono le imposte e l'occupazion e si sottovaluta il referendum che avrebbe una importanza fondamentale per sbloccare la situazione.Dall'alytra parte per vincere il sì, si è pensato di fatto a delle novità per le pensioni che avessero a che fare con le imposte mentre mini pensioni e quota 41 contano davvero poco come confermano le ultime notizie e ultimissime

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:30): Abbiamo voluto cercare di capire prendendo spunto da più sondaggi quante sono le persone davvero interessate alle novità per le pensioni e quali sono le loro priorità in generale compreso il prossimo referendum. E poi capire quali tra mini pensioni, quota 41 e tutte le novità per le pensioni sono tra questi preferite. Insonna cosa se ne pensa. E visto che c'è un certo collegamento abbiamo visto i sondaggi aggiornati per il referendum e poi in queta mare di numeri abbiamo fatto una capatina alle ultime notizie e ultimissime sempre relative a sondaggi sulle elezioni Usa.

Cosa pensano gli italiani delle ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 41 annunciate dalla maggioranza? Quanti ne sono favorevoli? E quali sono le loro posizioni sul prossimo referendum costituzionale di dicembre? Partendo dalle posizioni sulle ultime novità per le pensioni, gli italiani appaiono piuttosto critici nei confronti delle ultime novità per le pensioni annunciate dalla maggioranza: critici nei confronti della mini pensione, che non varrebbe per tutti, per cui sarebbero troppo pochi coloro che possono accedervi senza oneri, e troppo penalizzante per chi invece richiede quella con oneri; critici nei confronti della quota 41, con troppi paletti e condizioni da rispettare quando invece dovrebbe valere per tutti e senza alcun costo. Critici gli italiani soprattutto nei confronti del meccanismo di piano di rimborso 20ennale della mini pensione agli istituti di credito che incasseranno relativi oneri, andandosi ad arricchire sulle spalle degli italiani. Questa la sensazione emersa dai sondaggi. Stando alle ultime notizie emerse da un recente sondaggio condotto dall'Osservatorio mensile di Findomestic, la maggioranza dei cittadini intervistati non considera prioritarie i questo momento le novità per le pensioni di mini pensione.

Stando a quanto riportato, in particolare, dalle ultime notizie, solo il 30% degli intervistati ritiene le novità per le pensioni importanti, il 61% cita come priorità  l'occupazione e il 59% la necessità di un abbassamento delle imposte. Le novità per le pensioni sono considerate particolarmente importanti solo da coloro di età compresa tra i 55 e i 64 anni, cioè dagli interessati dalle attuali novità per le pensioni che la maggioranza sta portando avanti ma che tra tre anni non saranno già più in vigore. ciò che comunque si evince dalle ultime notizie, ancora una volta, è che gli italiani sono fortemente delusi dall'andamento del sistema pensionistico nel nostro Paese che, a loro dire, non garantisce, tutele, rassicurazioni e la possibilità di condurre una vita dignitosa una volta lasciata la propria occupazione.

Incerte, invece, le posizioni sul referendum costituzionale: partendo dal presupposto che da quanto emerso dalle ultime notizie sono in pochi gli italiani che sanno davvero per cosa si vota, quali sono i contenuti dei quesiti referendari, e quali potrebbero essere sviluppi e conseguenze di una vittoria del sì, chi conosce bene la materia è diviso tra chi è convinto di votare sì e che i cambiamenti del premier siano ciò che serve per iniziare a cambiare il volto politico del nostro Paese, e chi invece è fermo sul no. Ma la differenza è minima: stando, infatti, agli ultimi sondaggi, tra No e Sì in questo momento c’è un solo punto: i contrari al 39, i favorevoli al 38, con un 23% degli intervistati ancora indeciso su cosa votare.

In ogni caso, la vittoria del no o del sì avrà, secondo le previsioni, ripercussioni anche sulle novità per le pensioni che potrebbero essere positive soprattutto in caso di vittoria del no, perché significherebbe dover necessariamente riconquistare consensi e fiducia dei cittadini, obiettivo facilmente raggiungibile puntando su un tema a loro particolarmente caro, proprio come quello delle novità per le pensioni che però dovranno eventualmente prevedere misure e interventi decisamente più importanti rispetto alle attuali mini pensioni e quota 41 ristrette.

Per finire, a qualche giorno dalle elezioni Usa, per cui si voterà martedì 8, dando uno sguardo ai sondaggi oltreoceano per un evento che non interessa certamente le novità per le pensioni italiane nello specifico ma che potrebbe cambiare scenario e destini del mondo intero, tra la democratica Hillary Clinton e il repubblicano Donald Trump, l’impensabile candidato alla corsa per la Casa Bianca, i sondaggi sono piuttosto incerti, decretando una rimonta di Trump alcuni, con un leggero sorpasso sulla Clinton, e la moglie dell’ex presidente Usa Bill sempre comunque in testa secondo altri sondaggi, seppur di poco. Se i dati si mantenessero tali allora per Hillary da quando da noi sarà mercoledì potrebbero iniziare i festeggiamenti. Ma non si può ancora dire l’ultima parola. L’unica certezza che al momento si ha è che se la vittoria di uno o dell’altro candidato cambierebbe in modo decisamente diverso e opposto il mondo, visti i due personaggi completamente differenti con i loro modi, le loro idee, le loro intenzioni politiche.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il