BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Banca Terre Agricole al via, per i giovani 8mila ettari di terreni

L'operazione di ricerca del terreno più adatto si rivela particolarmente semplice perché sul sito Ismea le terre sono geolocalizzate.

Banca Terre Agricole al via, per i giova

Vendita al via primi 8.000 ettari



Una operazione con una duplice valenza molto importante per la qualità del cibo italiano e per lo stesso sviluppo de lavoro in italia.

Da una parte si punta a dare nuovo valore ai terreni pubblici e dall'altra a offrire nuove opportunità ai giovani agricoltori. Perché poi il lavoro con la terra è uno dei più antichi e ha sempre caratterizzato l'uomo e i recenti dati sull'aumento dei giovani - anche per via dell'assenza di interessanti alternative - che provano ad avere successo con le coltivazioni non devono affatto stupire. La novità è adesso rappresentata dalla messa in vendita di 8.000 ettari della Banca nazionale delle terre agricole pronti per la coltivazione. E si tratta solo del primo passaggio di un percorso più ampio poiché in palio ci sono 23.000 ettari gestite dal Ministero delle Politiche agricole.

Dove si trovano i terreni in vendita

Non c'è tempo da perdere perché sin da subito è possibile esprimere la manifestazione d'interesse per uno o più lotti tra quelli presenti sul sito Ismea. La maggior parte si trova nelle zone del centro sud ed esattamente in

  1. Sicilia per 1.700 ettari
  2. Toscana per 1.300 ettari
  3. Basilicata per 1.300 ettari
  4. Puglia per 1.200 ettari
  5. Sardegna per 660 ettari
  6. Emilia Romagna per 500 ettari
  7. Lazio per 500 ettari

Dopo aver manifestato il personale interesse per l'acquisto di parte dei terreni, occorre attendere il prossimo mese di febbraio quando sarà dato il via ufficiale alla procedura competitiva a evidenza pubblica, ovvero asta o appalto pubblico, tra tutti i partecipanti. Tra l'altro (ed è qui che viene fuori la reale opportunità), i giovani possono richiedere un mutuo ipotecario all'Ismea, l'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare. Tempi stretti dunque per decidere quale lotto fare proprio sulla base della posizione naturalmente, ma anche delle caratteristiche naturali, delle tipologie di coltivazioni così da verificare la personale compatibilità, e ovviamente i valori catastali.

Risorse a sostegno dei giovani agricoltori

Tra l'altro l'operazione di ricerca del terreno più adatto si rivela particolarmente semplice perché sul sito Ismea le terre sono geolocalizzate e con pochi click si riesce a fare centro. Tutti i terreni sono in piena coltivazione tra bosco, prati pascolo, seminativo, vigneti e uliveti. Per dirla con le parole del ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, si tratta di una sperimentazione di una nuova forma di rivalutazione dei beni comuni con l'obiettivo di favorire lo sviluppo di nuove realtà agricole nei territori. Le risorse che derivano dalla vendita dei terreni saranno totalmente dedicate al sostegno dei giovani agricoltori. Anche quelle del prossimo lotto.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il