BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Conti correnti, soldi congelati e bloccati. Denaro garantito eliminato. Cosa cambia

Per un periodo limitato verrebbe vietato ai risparmiatori di effettuare grandi prelievi. Gli sportelli bancomat servirebbe solo per piccole necessità giornaliere. queste sono le decisioni della Bce che farebbero scomparire il Bail-in

Conti correnti, soldi congelati e blocca

Banche conti senza protezione



La Bce ha preso decisioni importanti nel ridisegnare le regole delle banche al livello Ue e due di queste sono sfavorevoli ai risparmiatori italini che godono di maggiori tutele rispetto alle altre nazioni.

Non si prospettano temi tranquilli per i risparmiatori italiani, quelli il cui conto in banca è inferiore alla soglia di 100.000 euro senza Bail e ulteriori drastiche decisioni della Bce. Se fino a questo momento potevano dirsi al sicuro nel caso dall'attivazione della procedura di bail in, nel caso di crisi del proprio istituto di credito, a breve anche loro potrebbe contribuire al salvataggio. Siamo ancora nella fase della ipotesi, ma in realtà abbastanza avanzate. La richiesta del Consiglio europeo e del Parlamento europeo di rivedere le norme in vigore è stata prontamente accolta dalla Banca centrale europea. La sua opinione - a quanto pare ben sostenuta dalla Germania - è che possa essere allunga la lista di chi potrebbe contribuire al bail in ovvero al salvataggio interno. In buona sostanza significa che i conti sono senza protezione, qualunque sia la somma depositata.

Conti bancari di qualunque cifra senza protezione

Esiste infatti una direttiva sulle risoluzioni bancarie che prevede la protezione di alcuni depositi e tra questi rientrano appunto i conti concorrenti fino a 100.000 euro, tutelati dal fondo di garanzia dei depositi. Ebbene, la Banca centrale europea ha dato il via libera al cambiamento di questa norma. La procedura, si ricorda, viene attivata se la banca è in dissesto o a rischio di dissesto, non si ritiene che misure alternative di natura privata o di vigilanza consentano di evitare in tempi ragionevoli il dissesto dell'intermediario, sottoporre la banca alla liquidazione ordinaria non permetterebbe di salvaguardare la stabilità sistemica, di proteggere depositanti e clienti, di assicurare la continuità dei servizi finanziari essenziali. Di conseguenza la risoluzione sul bail in viene ritenuta la sola via necessaria per l'interesse pubblico.

Risparmiatori preoccupati per ulteriori iniziative

Naturalmente è comprensibile credere che dinanzi a uno scenario di questo tipo, i risparmiatori possano decidere in fretta e furia di ritirare le somme depositate in banca primac che siano utilizzate per il salvataggio. E qui entra in gioco una iniziativa ulteriore, quella che nel rapporto della Banca centrale europea viene definita "failing or likely to fail". In pratica viene autorizzato il congelamento dei conti. Per un periodo limitato, non superiore ai cinque giorni, viene vietato ai risparmiatori di effettuare grandi prelievi. Gli sportelli bancomat servirebbe insomma solo per piccole necessità giornaliere. A quel punto, in caso di eccezionalità, diventerebbe impossibile non contribuire all'eventuale salvataggio della propria banca in crisi. In conclusione, verrebbe demolito uno dei capisaldi per la stabilità dei sistemi finanziari.

Le passività escluse dal bail in adesso a rischio

Le attuali regole, seppur costantemente criticate, prevedono alcuni punti fermi. Come quello dell'esclusione dall'ambito di applicazione dei bail in alcune passività ben precise. In pratica non possono essere né svalutati né convertiti in capitale e né utilizzati in alcun modo per il salvataggio della banca in fallimento, i depositi protetti dal sistema di garanzia dei depositi cioè quelli di importo fino a 100.000 euro. Ma anche le passività garantite (i covered bonds, ad esempio), le passività derivanti dalla detenzione di beni della clientela o in virtù di una relazione fiduciaria (il contenuto delle cassette di sicurezza, ad esempio), le passività interbancarie con durata originaria inferiore a 7 giorni, le passività derivanti dalla partecipazione ai sistemi di pagamento con una durata residua inferiore a 7 giorni, i debiti verso i dipendenti, i debiti commerciali e quelli fiscali.

La garanzia che il deposito bancario sia tutelato qualsiasi cosa accada è la chiave che ha permesso al sistema bancario di funzionare ovvero di scongiurare le corse agli sportelli. Cosa succederà, nel caso di approvazione delle nuove regole, nel caso in cui i clienti chiedono di ritirare o trasferire i propri (limitati) depositi ma sono impossibilitati a farlo? Un'operazione di questo tipo potrebbe rivelarsi socialmente molto pericolosa?

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il