BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Monete false da 2 Euro: come riconoscere soldi falsi. Diffusione in aumento banconote non vere

In circolo ingenti quantità di monete false di 2 euro, oltre, come sempre, i tagli più grandi da 20 e 50 euro.

Monete false da 2 Euro: come riconoscere

Riconoscere le monete da 2 euro false



I maggiori afflussi di turisti stranieri che conoscono poco banconote e monete in euro di Agosto vengono sfruttati dai falsari per far circolare denore falso. La Guardia di Finanza lancia l'allarme per la prima volta sulle monete da 2 Euro, spesso sottovalutate dai cassieri per il piccolo importo stanno girando grandi quantitativi. Vediamo come riconoscerla (aggiornamento 10:12)

Agosto è sempre il periodo migliore per ripulire i soldi falsi: la grande affluenza turistica, le code ai bar e la disattenzione a causa dell'elevata quantità di lavoro dei cassieri permettono facilmente di poter utilizzare denaro falso. E il problema si aggrava quando si utilizzano piccoli tagli, al punto che i falsari sono passati a produrre le moneta da 2 Euro. Vediamo come riconoscere i soldi falsi. (aggiornamento 7:15)

La Guardia di Finanza ha emesso una serie di avvisi e di allarmi dopo aver sequestrato centinaia di monete da due euro pronte ad essere immesse sul mercato, ma anche migliaia di banconote da 10, 20 e 50 euro da gruppi di falsari che operano nella Penisola.

Agosto è il mese migliore per i tanti turisti che spesso non conoscono le monete e per approfittare delle code alle casse nelle località turistiche e sperare che il cassiere nella fretta non verichi la bontà dei soldi utilizzati.

Le monete sono le più facili da far circolare per il basso valore, e la scarsa attenzione con cui si maneggiano e la mancanza di macchinette per i controlli automatici.

E proprio per questo si stanno diffondendo sempre più. Tuttavia il riconoscimento non è difficile, infatti, è sufficiente una calamita. Se non vengono attirati, non sono veri e sono falsi.

Per le banconote il discorso è diverso. L’introduzione delle nuove banconote di carta, anche di piccolo taglio come i 20 euro, effettuato proprio per contrastare i falsari permette sì una più facile identificazione per i commercianti grazie alle macchinette, ma spesso per il singolo cittadino permane il dubbio sulla facilità di identificazione anche a causa della poca comunicazione che viene fatta sulla verifica della bontà delle banconote.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il