BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Starbucks, a Roma due locali per poi espansione in tutte le città

Starbucks a Roma farà la sua comparsa a Piazza di Spagna e alla stazione Termini. Ma non chiamatelo il locale una semplice caffetteria dove consumare cappuccini e caffè.

Starbucks, a Roma due locali per poi esp

Starbucks, due locali a Roma in arrivo



Starbucks dove i primi punti aperti a Milano, ora si amplia a Roma ed è pronto ad ampliarsi in tutta Italia in oltre 250 città con migliaia di assunzioni

Sempre più Starbucks in Italia. Dopo aver fatto il suo ingresso nei confini di quello che è considerato il Paese per eccellenza per consumo e apprezzamento di caffè, la popolarissima catena di caffetteria è pronta a raddoppiare. Se a Milano ha già fissato il progetto per piantare le radici, nel mirino c'è adesso la città di Roma. E non con uno ma con due locali. La notizia stupisce solo fino a un certo punto perché è da molto tempo che si vocifera dell'interesse di Starbucks per la capitale, ma soprattutto dell'ottenimento delle licenze necessarie per iniziare un percorso che, stando alle intenzione, continuerà a crescere in maniera progressiva.

Starbucks: 200-300 locali in tutta Italia

Secondo Antonio Percassi, l'imprenditore bergamasco che sta facendo da intermediario in Italia, dovrebbero aprire 4-5 punti vendita della catena di caffetteria tra Roma e Milano. E nel giro di 5-6 anni, allargarsi anche nel resto del territorio nazionale fino a raggiungere la cifra record di 200-300 locali. Perché, diciamolo chiaro, chi avrebbe immaginato un piano di espansione così capillare di Starbucks? Certo, l'amministratore delegato Howard Schultz ha sempre parlato di "umiltà e rispetto" nei confronti della tradizione italiana del caffè, ma si tratta comunque di una vera e propria scommessa. Starbucks avrebbe dovuto approdare in Italia alla fine del 2016, come trapelato all'indomani della rivelazione delle trattative in corso.

A dirla tutta, occorre collocare le cose nella giusta prospettiva perché definire Starbucks una semplice caffetteria appare piuttosto riduttivo. L'espresso, così come siamo tradizionalmente abituati a berlo al bar o a casa, non è certo la specialità della catena di Schultz che negli anni ottanta ha importato questo prodotto su larga scala negli Stati Uniti. E lo stesso vale per il cappuccino. Chi ha frequentato uno di questi locali nelle tante città europee che li ospitano lo sanno benissimo. Starbucks è più un luogo di aggregazione, dove consumare i cosiddetti beverone, un panino, una fetta di torta o un dolce americano, magari collegando il proprio dispositivo alla rete Wi-Fi, rigorosamente libera e gratuita. Insomma, un piacevole e rilassante punto di ritrovo per giovani (e non).

Starbucks a Piazza di Spagna e alla stazione Termini

Crediamo allora che anche a Roma e Milano sarà replicato lo stesso modello conosciuto a Madrid come a Parigi, a Berlino come a Londra, a New York come a Mosca fino ad arrivare a Siviglia. Entrando allora ancora di più nel dettaglio, Starbucks a Roma farà la sua comparsa a Piazza di Spagna e alla stazione Termini. Due zone scelte certamente non a caso considerando l'altissima concentrazione di persone che transitano da queste parti. I tempi? L'inaugurazione è calendarizzata in primavera, tra i mesi di marzo e maggio. A oggi esistono circa 20.000 locali Starbucks nel mondo e la sede principale è a Seattle. Infine, un po' di amarcord: il primo è stato aperto da Jerry Baldwin, Zev Siegel e Gordon Bowker nel 1971 a Pike Place Market.

Assunzioni Roma, Milano e ulteriori 

A  Roma vi saranno diverse assunzioni come continuano ad essercene anche a Milano, ma visto che si parla di nuove apetture in tutta Italia come Napoli, Firenze, Torino e altre gradi città conviene mandare il proprio cv, nel portale dell'azienda Percassi che gestisce il tutto. Al momento a Roma potrebbero essere 200-300, ma potrebbero divemtare diverse migliaia in tutta italia. Il piano industriale prevece, inatti, come detto se le cose andassero bene in questi primites 150-200 aperture in tutta Italia. E su diverse mansioni non è richiesta competenza

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il