BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Trentino centri commerciali bloccati, in aumento chiusura sarà ovunque. Molti effetti da riflettere

Il trentino blocca i centri commerciali e molti in tutta Italia rischiano di chiudere con effetti positivi e negativi su cui riflettere

Trentino centri commerciali bloccati, in

Centri commerciali chiusura sempre più frequente, ora blocco costruzioni



Blocco dei centri commerciali in Trentino, una presa di posizione che arriva in un momento, che in realtà, è già inziiatao da tempo dove i centri commerciali stanno iniziando a chidere in tutta Italia e sempre più chiuderanno come da alcune analisi fatte. Con dei pro e contro da analizzare e riflettere bene che interessano la vita di milioni di persone.

Centri commerciali addio, è questa l'idea del Trentino ma anche di un trend mondiale che si sta rivelando sempre più vero.

La Tendenza

In Italia sono sempre più numerosi i centri commerciali che vedono al loro interno chiudere parecchi negozi e non avere il ricambio necessario e qualche centro commerciale è chiuso o, se doveva nascere, non è mai nato. Nella patria dei grandi centri commerciali, dove sono nati, oltre quatttromila hanno già chiuso negli Stati Uniti, e ulteriori mille e più lo faranno nei prossimi anni.
Un crollo di un modo di fare commercio, di una tendenza al marketing di massa che sembra non piacere più ai consumatori che lentamene ma inseroabilmente sembrano ritornare ai piccoli centei commerciali dove è la qualità a farla da padrona

In Italia

E in Italia, addirittura, c'è il Trentino Alto Adige che ha deciso che non si potranno mettere in vendita terreni sopra i diecimila metri quadrati per costruire edifici per la vendita. Occorre pensare che poco meno del 15% del Trentino ha una superfice adatto pe rle costruzioni e l'agricoltura il resto è montagna o roccia. da qui la decisione, ma anche per perservare la tradizione e diminuire l'inquinamento che possono condurre i grandi centri commerciale.
Tra l'altro negli ultimi 40 anni, in Trentino il territorio con edifici è quasi arrivato al 200% e solo il 24% delle grandi estensioni rimane libero. Tutti dati per cui si è deciso di preservere al massimo il territorio oltre che per i piccoli negozi e le attività commerciali da proteggere e che possono portare la vera qualità secondo alcuni dei decisori

I risvolti occupazionali ed economici

Insieme alla chiusra dei centri commercialo o alla loro non nascita ci sono dei risvolti economici chiari. In primis la disoccupazione che si potrebbe creare e anche l'impoverimento del'indotto se il personale non sarà in grado di rientrare nelle piccole strutture che dovrebbero ritorare a dominare il territorio iper specializzati e con pochi prodotti. Una scommessa interessante che si dovrebbe sostenere con le politiche adatte.
 

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il