BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Legge 104: le modifiche in arrivo ulteriori e i bonus fisco già certi nel 2018

Le principali novità allo studio riguardano la figura del caregiver ovvero l'accompagnatore che si prende cura di una persona in condizioni di non autosufficienza.

Legge 104: le modifiche in arrivo ulteri

Legge 104: tutti i bonus



La legge 104 porta dei bonus fiscali già certi per il 2018  cui si dovrebbe aggiungere delle regole ulteriori che sembrano essere vicine all'approvazione.

Continua a essere in continuo movimento il settore delle agevolazioni, dei benefici e dei bonus fiscali nell'ambito della legge 104. Succede perché c'è una manovra in fase di approvazione ed è proprio con questo strumento vengono fatte passare le novità più significative per il 2018. Non solo quelle a favore di chi si trova in una situazione di handicap grave, come minorazione fisiche, psichiche o sensoriali, in situazioni stabilizzate oppure progressive, che siano causa di difficoltà di apprendimento e di integrazione. Ma anche per gli accompagnatori, i familiari e i caregiver. Qualcosa è già concretamente cambiato: le agevolazioni sono adesso allargate alle coppie di fatto in base alle norme sulle unioni civili.

Legge 104: a chi spettano i benefici e quali bonus

Il diritto a usufruire dei permessi nel contesto della legge 104 per assistere il disabile in situazione di gravità può essere concesso anche al coniuge, alla parte dell'unione civile, al convivente di fatto, al parente o all'affine entro il secondo grado. Semaforo verde per accedere al beneficio della legge 104 anche a parenti o affini di terzo grado se i genitori o il coniuge, o la parte dell'unione civile o il convivente di fatto, della persona con disabilità in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti. I bonus da mettere in conto per il 2018 sono

  1. le agevolazioni per spese mediche generiche e delle spese di assistenza specifica;
  2. le detrazioni dei costi di assistenza al 19%;
  3. le detrazioni delle spese sanitarie per i disabili: del 19% per l'acquisto di poltrone per inabili e minorati, mezzi d'ausilio alla deambulazione, apparecchi correttivi;
  4. le detrazioni per acquisto di PC e altre apparecchiature: del 19% dei costi dall'Irpef e Iva agevolata al 4%;
  5. le detrazioni per acquisto di un'auto: del 19% del costo della vettura, Iva al 4%, esenzione del bollo auto e dell'imposta sui passaggi di proprietà;
  6. le detrazioni per figli a carico: aumento di 400 euro su Irpef per quelli portatori di handicap grave a carico.

Nuove regole in arrivo

Le principali novità allo studio riguardano la figura del caregiver ovvero l'assistente che si prende cura di una persona in condizioni di non autosufficienza, a causa dell'età, di una malattia, di una disabilità. Sono tre i disegni di legge per disciplinare la figura, il cui obiettivo comune è il riconoscimento della qualifica a chi si prende cura, a titolo gratuito, di un familiare o di un affine entro il secondo grado che risulti convivente ovvero di un minore dato in affidamento per un certo numero di ore alla settimana. Ma soprattutto viene previsto di corrispondere contributi figurativi equiparati a quelli da lavoro domestico e la possibilità di accedere al pensionamento anticipato.

Per via dell'innalzamento dei costi delle Residenze sanitarie assistenziali, delle sforbiciate ai fondi destinati al sostegno delle famiglie in cui vive una persona non autosufficiente e della frammentazione delle risposte assistenziali, l'idea è di elevare la figura del caregiver.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il