BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Dichiarazione Iva 2017: proroga, aspettative per questa settimana per comunicazione iva

Alla delusione per una settimana andata a vuoto per la proroga dichiarazione Iva 2017 possono seguire due novità last minute.

Dichiarazione Iva 2017: proroga, aspetta

Dichiarazione Iva 2017, Comunicazione Iva 2017



AGGIORNAMENTO:  Sono davvero ridotte al lumicino la possibilità che vi sia una proroga delle dichiarazione iva 2017 e della relative comunicazione. E della situazione aggiornata ne abbiamo parlato in questo articolo sotto anche con delle alternative fattibili, ma al momento in cui scriviamo paiono lontane dal verificarsi, anche se alle sorprese siamo sempre abituati. 

AGGIORNAMENTO: Tutte le attese che ci possa ancora essere una proroga per la dichiarazione del'iva 2017. I motivi perchè potrebbe avvenire e i gli argomenti contro, continuando a seguire tutti gli aggiornamenti.

Questa appena trascorsa è stata una settimana molto turbolenta dal punto di vista fiscale. E la ragione principale è stata la mancata proroga della dichiarazione Iva 2017. Nonostante la richiesta sia stata per giorni e giorni sul tavolo del confronto tra Agenzia delle entrate, Tesoro e commercialisti, nulla è stata fatto Né in sede di Milleproroghe e né di Consigli dei ministri. Tenendo adesso presente che non avrebbe molto senso una proroga last minute e considerando che i tempi di trasmissione vanno in scadenza martedì 28 febbraio 2017, gli scenari possibili sono due. La concessione dello slittamento dei tempi con un atto dell'amministrazione finanziaria. O lo stop alle sanzioni nel caso di ritardi in tempi comunque da stabilire.

Dichiarazione Iva e le novità fiscali definitive con il Milleproroghe

Se c'è allora un provvedimento che è venuto a mancare con il Milleproroghe ormai approvato è proprio la proroga della dichiarazione Iva 2017 Ma come vedremo, la stessa dichiarazione Iva è stato oggetto di cambiamenti, ma dal 2018 in poi. In sintesi:

  1. Affitti e dichiarazione dei redditi. Scompare dalla dichiarazione dei redditi 2018 l'obbligo di indicare gli estremi di registrazione del contratto di locazione e quelli della denuncia dell'immobile ai fini dell’applicazione dell'Ici per ottenere l'abbattimento del 30% dell'imponibile dagli affitti a canone concordato.
  2. Beni ai soci. Abolito l'obbligo della comunicazione al Fisco dei beni dati in godimento ai soci.
  3. Bilanci. Proroga di 15 giorni per l'invio delle dichiarazioni Ires e Irap. Riallineamento delle poste fiscali con quelle civilistiche secondo i nuovi principi contabili.
  4. Bonus detrazione Iva abitazione. Detraibilità del 50% dell'Iva pagata per l'acquisto di unità immobiliari di classe energetica A e B cedute dalle imprese costruttrici estesa fino al 31 dicembre 2017.
  5. Comunicazioni Iva. La trasmissione telematica all'Agenzia delle entrate dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute è effettuata su base semestrale.
  6. Consulenti finanziari. Prorogato non oltre il 31 dicembre 2017 il termine per l'esercizio della consulenza in finanziaria, da parte dei soggetti che al 31 dicembre 2007 prestavano già tale attività, senza detenere somme di denaro o strumenti finanziari di pertinenza dei clienti.
  7. Evasione internazionale. Scompare l'obbligo, mai reso operativo, della raccolta delle informazioni relative agli acquisti di beni e prestazioni ricevute da soggetti residenti fuori dal territorio dello Stato.
  8. Intrastat. Tornano i modelli Intrastat per la comunicazione dei dati relativi agli acquisti intracomunitari di beni ed alle prestazioni di servizio ricevute da soggetti stabiliti in altro Stato membro dell'Unione europea.
  9. Lavoratori rimpatriati. Prorogata al 30 aprile 2017 la data per esercitare l'opzione per la detassazione dei redditi prodotti dai lavoratori rimpatriati.
  10. Lotteria degli scontrini. Prorogato al primo novembre 2017 l'avvio della sperimentazione della lotteria degli scontrini per acquisti di beni e servizi effettuati con moneta elettronica.
  11. Riscossione spontanea enti locali. Slitta al primo ottobre 2017 il nuovo sistema di riscossione spontanea per gli enti locali.
  12. Tasse locali. Gli enti locali, in deroga al blocco degli aumenti di tributi e addizionali previsto dalla legge di stabilità 2016, possono aumentare il contributo di sbarco dovuto nelle isole minori in alternativa alla tassa di soggiorno a decorrere dal 2017.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il