BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Rottamazione, bonus, bollette, cannabis nel decreto fiscale: misure ufficiali

Il sì allo stanziamento di un miliardo di euro ha messo fine con il decreto fiscale alla prima parte di quella che una volta era chiamata 'Finaniziaria'. Adesso è il momento della legge di bilancio

Rottamazione, bonus, bollette, cannabis

Tante le novità contenute nel decreto fiscale licenziato dal Parlamento



Il semaforo verde si è ormai acceso dopo che anche la Camera dei Deputati si espressa in maniera favorevole sull’approvazione del decreto fiscale. Verdetto che non era in discussione visti e considerati i rapporti di forza di Montecitorio, dopo che il provvedimento era stato già valutato già positivamente dall’aula Palazzo Madama che aveva dato il via libera alle novità in ambito di rottamazione, dei vari bonus erogati, bollette, cannabis e le tante altre che sono contenute nel decreto fiscale licenziato dal Senato Italiano con 148 voti a favore e 116 contrari. Al Senato si inizia adesso a lavorare sulla Legge di Bilancio che si dovrà licenziare entro la fine dell’anno.

Decreto fiscale Rottamazione, bonus, bollette, cannabis

Sono molti i provvedimenti che hanno destato interessi approvati con il decreto fiscale dal Senato. Tra questi quello che riguarda la rottamazione delle cartelle esattoriali usufruendo di agevolazioni generali per tutte quelle ricevute negli ultimi diciassette anni, ovvero dal 2000 a settembre 2017. L’introito previsto per le casse dello stato si aggira intorno ai duecentonove milioni di euro. Un bel gruzzoletto insomma. La rottamazione, stando ai dati forniti nell’apposita relazione tecnica la prima versione di questo provvedimento è stata sottoscritta dall’80,84 per cento che hanno paragonato l'importo dovuto. Inoltre è stato modificato anche lo spesometro, che oggi offre la possibilità per i contribuenti, di scegliere se inviare i propri dati con scadenza semestrale o annuale. Diversi i bonus riconosciuti a partire dagli sconti per gli alimenti a fini medici speciali.

Una norma che estende anche al 2018 la detrazione già prevista per protesi dentarie e sanitarie alle spese sostenute per alimenti, a esclusione di quelli per i lattanti, da persone affette da malattie metaboliche congenite, ovvero disturbi del metabolismo. Novità anche in ambito di fatturazione delle compagnie telefoniche. Le bollette dovranno avere nuovamente ed obbligatoriamente, almeno nel caso di telefoni e pay tv, una cadenza mensile e non più a ventotto giorni. Tempo quattro mesi e gli operatori che non si metteranno in regola saranno sanzionati a norma di legge.

Previsti anche sconti per gli studenti che risiedono in un luogo distante oltre cento chilometri dalla sede università. Anche sulla cannabis ci sono importanti novità visto che sono stati previsti fondi aggiuntivi per la produzione nello stabilimento di Firenze che raggiungerà i trecento chilogrammi all’anno. I fondi sono pari a due milioni e trecento mila euro.

Altre misure fiscali decreto

Ma esistono anche altre misure fiscali contenunte nel decreto come la stretta sulle sigarette elettroniche che saranno vendute solo nelle tabaccherie e nelle rivendite autorizzate, prorogati fino al 2020 anche gli sconti per i ‘cervelli’ italiani all’estero che decideranno di rientrare, esteso a tutti i professionisti, anche se non appartenenti ad un ordine, il riconoscimento economico proporzionato al lavoro svolto. Approvato anche un piccolo scudo fiscale per i frontalieri, mentre per le zone terremotate del centro Italia le rate dei mutui su prime case e attività produttive, inagibili o distrutte saranno sospese fino al 2020.

Ad Ischia i tributi sono sospesi fino alla fine del 2018. Non è stato confermato, facendo tirare un sospiro di sollievo ad insegnanti e genitori il provvedimento che prevedeva che i minori di 14 anni dovessero tornare a casa dopo le lezioni accompagnati dai genitori. Ora basterà un’autorizzazione dei genitori per esentare gli insegnanti e la scuola da ogni responsabilità. Semplificazioni per le scuole arrivano anche dal punto di vista dei vaccini, visto che gli istituti sono stati esentati dall’obbligo di verificare con i genitori la regolarità delle vaccinazioni. Obbligo che ora ricade sulle Asl. Infine novità sono state introdotte anche per quel che riguarda il reato di stalking che non si potrà più estinguere, finalmente, con una semplice pena pecuniaria.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il