BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Spesometro 2017: chiarimenti black list, agenzie di viaggio, problemi in attesa proroga scadenza 10 Aprile 2017

L'operazione Spesometro va effettuata entro il 10 aprile 2017 per i contribuenti che liquidano l'Iva a cadenza mensile.

Spesometro 2017: chiarimenti black list,

Chiarimenti sullo Spesometro dell'Agenzia delle entrate



Continuano a essere alte le attenzioni sullo Spesometro 2017 perché le scadenze si avvicinano, la parola proroga non è un tabù e si resta ancora in attesa di chiarimenti. Quando parliamo di Spesometro il riferimento va all'obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva. Una operazione che va effettuata entro il 10 aprile 2017 per i contribuenti che liquidano l'Iva a cadenza mensile ed entro il 20 aprile 2017 per chi la liquida trimestralmente. Ad esempio, è previsto sin dallo scorso anno l'esonero delle agenzie di viaggio per importi inferiori ai 3.000 euro ma non c'è la proroga essendo una misura di carattere non strutturale. E poi non si capisce perché in alcuni quadri del modello è presente lo spazio per inserire i dati delle operazioni con soggetti non residenti nonostante la lista dei Paesi della black list sia stata soppressa sin dalle comunicazioni relative allo scorso periodo di imposta.

Chiarimenti sullo Spesometro dell'Agenzia delle entrate

Per via dell'esclusione dall'obbligo di comunicazione di importazioni, esportazioni e cessione di beni e prestazioni di servizi effettuate e ricevute registrate e soggette a registrazione nei confronti di operatori economici aventi sede in paesi cosiddetti Black List, le prestazioni di servizio strettamente legate ad operazioni di importazione ed esportazione vanno comunicate al netto degli importi esclusi. Non sono comprese nell'obbligo di comunicazione le operazioni effettuate e ricevute in ambito comunitario poiché sono già acquisite tramite i modelli Intra.

Nel caso dei contratti di leasing e noleggio, è stato disposto l'esonero dallo Spesometro per i soli prestatori in ragione della specifica e più dettagliata comunicazione che viene effettuata relativamente ai dati dell'attività che, con l’ultima versione del tracciato record, allegata al Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 21 novembre 2011, comprende anche i dati delle operazioni non riguardanti il leasing o il noleggio. Si tratta dunque di un esonero, disposto per evitare duplicazione di adempimento in capo alle società di leasing e noleggio. Per i soggetti utilizzatori dei beni in leasing o in noleggio permane l'obbligo di comunicazione per lo Spesometro.

Altro chiarimento in merito allo Spesometro riguarda il flag Autofattura del quadro FR riguardante gli acquisti da non residenti che va barrato nel caso in cui manchino elementi sufficienti a individuare la controparte non residente, ma anche per le ipotesi di documentazione emessa dalla controparte non residente illeggibile o recante dati formalmente non utilizzabili. Le ipotesi di acquisto da un imprenditore agricolo esonerato dall'emissione della fattura; acquisto per il quale il cessionario o committente obbligato alla comunicazione, regolarizza con l'emissione di autofattura e con il versamento della relativa imposta; possono essere utilmente riportate attraverso l'utilizzo del flag Autofattura con l'indicazione della diversa partita Iva della controparte.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il