BusinessOnline - Il portale per i decision maker

CityLife Shopping District: il più grande centro commerciale apre a Milano

All'interno 80 negozi, tra cui un salone per uomo e una parafarmacia, 20 bar e ristoranti, un supermercato gourmet, uno spazio Fitness&Wellness e un cinema con 7 sale.

CityLife Shopping District: il più grand

CityLife Shopping District: il più grande centro



Si prospetta come la grande novità di questo ultimo scorcio dell'anno. Che non a caso piombia ai nastri di partenza del periodo di Natale, tradizionalmente favorevole ai consumi di prodotti e beni di ogni tipo. CityLife Shopping District si pone infatti come il più grande distretto commerciale urbano in Italia. Tutto dedicato allo shopping e al tempo libero, apre le sua porte dal 30 novembre nella città di Milano. A catturare l'attenzione sono innanzitutto le sue dimensioni: in 32.000 metri quadri trovano spazio infinite opportunità di shopping e svago, brand nazionali e internazionali, nel contesto di una strutturata curata in ogni minimo dettaglio dal punto di vista dell'archiettura e dell'accessibilità. Ma attenzione, mettono in guardia qui a Milano, non scambiare questa mega area per un centro commerciale: accanto all'offerta commerciale c'è quella di intrattenimento, non meno importante.

Quali negozi in CityLife Shopping District

CityLife Shopping District a Milano è distribuito in tre aree:

  1. la galleria commerciale su due livelli (The Mall) progettata da Zaha Hadid Architects
  2. la grande piazza centrale (The Square) Tre Torri di One Works
  3. l'asse pedonale scoperto (The Street) a firma dell'architetto Mauro Galantino

Tutte loro ospitano oltre 100 unità ovvero 80 negozi, tra cui un salone per uomo, una parafarmacia e una edicola, 20 bar e ristoranti, un supermercato gourmet, uno spazio Fitness&Wellness e un cinema da 1.200 posti con 7 sale. Commercio e intrattenimento, dunque, come premesso. E senza dimenticare il grande parco, il secondo per estensione a Milano con una superficie di circa 170.000 metri quadri. Se i numeri sulle dimensioni non bastano, per capire la portata di bacino di CityLife Shopping District, basti pensare che il bacino di utenza è di 700.000 persone ovvero una città italiane di medie dimensioni. Tra i marchi spicca subito la presenza di Huawei, gigante cinese dell'elettronica di consumo che con i suoi prodotti si sta ponendo come alternativa credibile di Apple. Non si tratta di un ospite scontato perché è il primo store europeo con sistemi ecosostenibili.

Non solo hi-tech perché riecco il brand dell'arredamento Habitat, il drugstore austriaco Dm Drogerie Markt, la clinica estetica Juneco, i vari California Bakery, Cioccolatitaliani, Panini Durini, Pizza Italia Espressa, That's Vapore, Vivo. Insomma, si fa prima a cercare cosa manca anziché a stilare l'elenco delle presenze. La posizione è strategica perché CityLife Shopping District è facilmente raggiungibile in bus e metropolitana:

  1. Linea 1 - Fermata Domodossola
  2. Linee 78 - Fermata Portello M5
  3. Linea 19 - Fermata Piazza 6 Febbraio
  4. Linea 68 - Fermata Amendola
  5. Metro Linea 5 - Fermata Tre Torri
  6. Metro Linea 1 - Fermata Amendola

CityLife Shopping District: inaugurazione in grande stile

Una mega struttura di queste dimensioni non poteva che fare di tutto per ospitare il meglio nella giornata inaugurale. Lo start nella giornata di giovedì verrà dato alle 18 con deejay Shorty pronto ad animare la Food Court, alternando groove e melodie, voci e colori. Poi sarà il turno Saturnino, lo storico bassista di Jovanotti, quindi, con il calare della sera, di uno spettacolo di luci. In realtà si va avanti a suon di musica e festeggiamenti fino alla fine della settimana. Basti vedere che venerdì hanno confermato la loro presenza Federico Russo e Francesco Mandelli per animare la Food Court; sabato la band degli Street Clerks (X Factor 7 prima e E poi c'è Cattelan poi, solo per ricordare le esperienze televisive); domenica i Selton. Insomma, gli organizzatori non si sono risparmiati per una partenza in grande stile del CityLife Shopping District.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il