BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Forze dell'ordine, polizia, militari, guardie forestali, esercito 2017: rinnovo contratti, stipendi, assunzioni, nuove regole 2017

Nuove regole in dirittura di arrivo su malattia, congedi e permessi. Ma tiene banco la questione del rinnovo dei contratti.

Forze dell'ordine, polizia, militari, gu

Nuove regole su malattia, congedi e permessi



AGGIORNAMENTO: La riorganizzazione delle forze dell'ordine prosegue senza soluzioni di continuità. Le coordinate seguite sono quelle della razionalizzazione e dello snellimento. Le Forze di Polizie sono state ridotte, pertanto, da cinque a quattro. Il grosso del Corpo Forestale dello Stato, con relative funzioni, è stato assorbito dai Carabinieri. 

AGGIORNAMENTO: Per quanto riguarda il contrasto degli abusi sulla malattia, o meglio sulle assenze ingiustificate dal lavoro per false attestazioni, la novità che dovrebbe entrare nel decreto di febbraio e che la maggioranza punta a portare avanti, è quella di costruire il progetto di un polo unico della medicina fiscale. L'obiettivo è rendere gli accertamenti più efficienti. 

Continua a essere molto calda la situazione per i dipendenti pubblici, comprese le forze dell'ordine, dalla Polizia ai Carabinieri, dai militari dell'Esercito al personale della Guardia di finanza. In ballo non ci sono solo i tempi del rinnovo dei contratti, che si sta stancamente allungando, ma anche le questioni relative a permessi e congedi, nuove regole e assunzioni, riorganizzazione dei Corpi e resa strutturale (per le sole forze dell'ordine) di quel bonus di 80 euro rinnovato solo fino al 2017. Insomma, il puzzle è piuttosto complesso e il Ministero per la Funzione Pubblica non è ancora riuscito a collocare tutte le tessere, anche per via di alcune recenti decisioni dell'Alta Corte con cui sono stati messi in discussioni alcuni punti chiave. Il mancato cambio alla guida del dicastero, tuttavia, rappresenta un punto a favore della continuità, non ancora sfruttato.

Forze dell'ordine e riorganizzazione

In questo contesto la macchina della riorganizzazione delle forze dell'ordine prosegue senza soluzioni di continuità. Le coordinate seguite sono quelle della razionalizzazione e dello snellimento. Le Forze di Polizie sono state ridotte da cinque a quattro. Il grosso del Corpo Forestale dello Stato, con relative funzioni, è stato assorbito dai Carabinieri. Spetta adesso all'Arma prevenire e reprimere le violazioni compiute contro l'ambiente, il patrimonio faunistico e naturalistico e le frodi delle produzioni agroalimentari. Le funzioni e i mezzi contro gli incendi boschivi andranno invece ai Vigili del fuoco. Il relativo decreto è stato presentato e approvato esattamente un anno fa dal Consiglio dei ministri nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione, ma concretizzato solo pochi giorni fa. E altri cambiamenti non sono di certo da escludere. Il tutto mentre sono state prorogate le graduatorie dei concorsi banditi dalla Polizia penitenziaria e pubblicate anteriormente al primo gennaio 2012.

Nuove regole su malattia, congedi e permessi

Nuove regole su malattia, congedi e permessi stanno per arrivare nella pubblica amministrazione. La riapertura della contrattazione segna infatti una svolta anche su queste materie. Che l'argomento debba essere affrontato lo prevede l'intesa tra forze sociali e maggioranza, dove accenna alla ripresa del confronto che era partito all'Aran ma senza poi giungere a un risultato. Per quanto riguarda il contrasto degli abusi sulla malattia, o meglio sulle assenze, la maggioranza punta a portare avanti il progetto di un polo unico della medicina fiscale. L'obiettivo è rendere gli accertamenti più efficienti. La novità rientrerà nel decreto di febbraio che dovrebbe essere anticipato da un confronto con le forze sociali che riguarderà il complesso della riforma.

Di sicuro per la fine del prossimo mese la maggioranza vuole incassare l'accordo, anche perché il decreto furbetti ha già colpito: è stato registrato il caso di un primo licenziamento. Dal punto di vista statistico c'è chi contesta che sia troppo poco, ma è comunque la prova che qualcosa stia cambiando.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il