BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Disoccupati 2017: Naspi durata, requisiti come funziona tra le indennità disoccupazione 2017 a cui fare domanda a INPS

Le ultime novità per quel che riguarda la nuova indennità di disoccupazione, i requisiti necessari e le modalità per fare domanda all'Inps. Abbiamo provato aspiegare gli aggiornamenti sulla Naspi

Disoccupati 2017: Naspi durata, requisit

Le novità disoccupazione Naspi 2017



AGGIORNAMENTO Naspi 2017, come funziona, per chi, requisiti, come fare domanda Inps: Per fare domanda all'Inps si possono utilizzare diverse strade tra cui quella offerta dalla procedura online, molto semplice e in grado di far risparmiare del tempo da impiegare in altre faccende. Ci si potrà avvalere di un Patronato, oppure puntare sui servizi del Contact Center Multicanale Inps Inail.

AGGIORNAMENTO Naspi 2017, come funziona, per chi, requisiti, come fare domanda Inps:  In modo particolare tutte le indennità di disoccupazione cambiano e sono oggetto di modifiche. E la Naspi è la più importate forma di aiuto e assegno. Su di essa non cambia moltissimo, ma è importante capirne il corretto funzionamento e appunto i cambiamenti che vi sono stati.

AGGIORNAMENTO Naspi 2017, come funziona, per chi, requisiti, come fare domanda Inps: Se sei disoccupato e vuoi conoscere le ultime novità sulla Naspi basta leggere quest'articolo nel quale potrai trovare anche notizie interessanti su come fare domanda all'Inps e i requisiti necessari ad usufruire di questi ammortizzatori sociali.   

La riforma del mercato del lavoro denominata Jobs Act, ha introdotto novità importanti anche per quel che riguarda il sostegno dello Stato al reddito di quelli che, involontariamente, hanno perso il lavoro. Caratteristica del nuovo modo di intendere il mercato del lavoro nel quale il tanto decantato posto fisso rappresenta un miraggio sempre più lontano, mentre si rafforza il concetto di flessibilità che prevede dei periodi di disoccupazione tra la fine di un’occupazione e l’inizio di un’altra durante i quali lo Stato provvede al sostentamento attraverso ammortizzatori sociali. Per i disoccupati e per tutti quelli che vogliono conoscere gli ultimi aggiornamenti sulla nuova Naspi, non è sempre facile reperire le giuste informazioni visto che si tratta di una materia in continua evoluzione. Ecco perché abbiamo pensato di andare incontro alle esigenze di questa platea di lettori provando a spiegare nella maniera più chiara ed approfondita possibile come funziona l’indennità di disoccupazione, per chi è prevista, la durata degli ammortizzatori e come fare domanda all’Inps. Se avete dubbi o interrogativi ancora irrisolti leggete questo articolo.

Naspi 2017, per chi è prevista e come funziona

Dal primo gennaio la tanto discussa riforma Fornero inizierà a far sentire concretamente i propri effetti sui lavoratori. La Naspi, cioè l’assegno unico di disoccupazione è prevista per i lavoratori che hanno perso senza alcuna responsabilità la propria occupazione, dopo aver svolto almeno tre mesi di lavoro, diventerà una forma universale di garanzia per tutti i lavoratori dipendenti, ha fatto il suo esordio con l’arrivo del 2017. Rispetto al passato sono state introdotte diverse novità. Apprendisti, soci di cooperative che sono regolati da un rapporto di lavoro subordinato con la cooperativa stessa, gli artisti con posizione di lavoratori subordinati e i dipendenti della pubblica amministrazione che non godono di un contratto a tempo indeterminato. Ecco come funziona oggi. Una delle principali differenze con la vecchia Aspi, consiste nell’abbattimento di alcune barriere di ingresso di un certo rilievo come la necessità contributi da almeno due anni e di aver lavorato negli ultimi 12 mesi. Per quella che era chiamata invece mini Aspi servivano almeno 13 settimane di contribuzione durante l’ultimo anno di lavoro.

Disoccupati, requisiti e durata indennità di disoccupazione

Non tutti possono avere accesso a questa tipologia di ammortizzatori sociali, ma è necessario possedere alcuni particolari requisiti. Quello della condizionalità, cioè della regolare partecipazione alle politiche attive proposte dai Servizi per l’impiego, di trovarsi nella condizione di disoccupato in grado di dimostrare di possedere contributi per almeno tredici settimane nei quattro anni precedenti alla perdita del lavoro e di aver svolto almeno trenta giornate di lavoro effettivo durante l’anno precedente al periodo di disoccupazione. In sostanza, un periodo di dodici mesi.

Naspi come fare domanda all’Inps

Per fare domanda all’Inps si possono seguire diverse strade. La più semplice e veloce è quella di collegarsi al sito dell’Inps (www.inps.it) e utilizzando il Pin in proprio possesso, accedere all’apposita sezione nella quale si potrà compiere l’operazione seguendo il percorso guidato. Un’altra possibilità potrebbe essere quella di usufruire della collaborazione di un Patronato che, per legge, offre assistenza gratuita su questa materia. Infine si può puntare sui servizi del Contact Center Multicanale Inps Inail, telefonando da rete fissa al numero gratuito 803164 oppure allo 06164164 utilizzando anche un telefono mobile, con tariffazione stabilita dal proprio gestore.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il