BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Concorso Polizia di Stato 2017: concorso pubblico nazionale. Bando, quando fare domanda, scadenze, requisiti, date

Quando e come partecipare al concorso di Polizia di Stato: posti disponibili e prove da superare. I requisiti da soddisfare

Concorso Polizia di Stato 2017: concorso

bando Concorso Polizia 2017 requisiti domanda



AGGIORNAMENTO: La prova d’esame prevede la compilazione di un questionario con domande a risposte sintetiche o multiple su argomenti di cultura generale e sulle materie previste nei programmi delle scuole medie dell’obbligo. Complessivamente il test prevederà ottanta domande da svolgere in sessanta minuti.

La pubblicazione del bando di concorso per la Polizia di Stato in Gazzetta Ufficiale è atteso per il prossimo mese di giugno, stando alle ultime notizie. I posti disponibili banditi da questo nuovo concorso pubblico sono 1400 ed è previsto lo svolgimento di prove che si terranno dal 6 all’11 marzo 2017, presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza (L’Aquila), secondo il calendario in ordine alfabetico dalla lettera A. Per quanto riguarda il concorso per civili, visto che da quest’anno il concorso di Polizia è aperto anche ai civili, invece, stando alle ultime notizie, non si sa se dovrebbe arrivare il prossimo mese di marzo o se slitterà fino all’estate prossima. Il prossimo bando, infatti sarà il primo ad essere aperto anche ai civili e non più ai soli VFP dell’esercito, per cui non sarà necessario aver svolto un anno di ferma prefissato nell’esercito.

Requisiti richiesti per accesso al Concorso di Polizia 2017

I requisiti per partecipare al concorso richiedono:

  1. avere un’età non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 30;
  2. possesso della cittadinanza italiana e godimento dei diritti politici;
  3. titolo di studio di scuola media dell’obbligo;
  4. idoneità culturale, fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia;
  5. non essere stati espulsi dalle Forze Armate;
  6. non avere condanne per delitti colposi.

Cosa prevede la prova

La prova d’esame prevede la compilazione di un questionario con domande a risposte sintetiche o multiple su argomenti di cultura generale e sulle materie previste nei programmi delle scuole medie dell’obbligo; lo svolgimento di quesiti volti ad accertare la conoscenza della lingua straniera indicata dal candidato al momento della compilazione del bando; e lo svolgimento di quesiti volti ad accertare le conoscenze informatiche del candidato. Complessivamente il test prevederà 80 domande da svolgere in 60 minuti.

Le altre prove da sostenere

Dopo il testo di cultura generale, si dovranno sostenere prove fisiche, che non prevedono più il requisito dell’altezza minima; e test psico-attitudinali. In particolare, potranno sostenere le prove fisiche coloro che avranno ottenuto la sufficienza nelle prove scritte. E quindi si passerà alle prove volte ad accertare i requisiti fisici e psichici. Terminate e superate con successo le prove riportate, i candidati seguiranno sei mesi di formazione e coloro che supereranno i sei mesi di formazione saranno ammessi ai successi sei mesi come Agenti in prova. Al termine di questi ulteriori sei mesi di prova, ci saranno le nomina come Agenti effettivo con relativa destinazione in una regione che sarà differente da quella di residenza. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito del Ministero della Difesa.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il