BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni blocco perequazioni:si può ancora inviare nel 2017 lettera ricorso per avere indietro soldi.Prescrizione dicembre non c'è

Ancora possibile l’invio della lettera di prescrizione della perequazione delle pensioni e ultime notizie su tempi di rimborso

Pensioni blocco perequazioni:si può anco

Pensioni novità prescrizione dicembre lettera soldi indietro



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Il nostro consiglio per tutti i pensionati coinvolti in questa vicenda che arricchisce il quadro delle novità per le pensioni, è di non lasciarsi sfuggire la possibilità dell'invio all'Istituto nazionale della previdenza sociale della missiva per ottenere la rivalutazione dell'assegno e dunque fermare i termini di prescrizione, come sottolineato dalle ultime e ultimissime notizie.

C'è ancora tempo per presentare la lettere di ricorso per ottenere la piena perequazione mancata in questi ultimi anni per le pensioni superiori al triplo del minimo 1.405,05 lordi euro per il 2012 e per il 2013 superiori a 1.443 lordi. Fino allo scorso mese, si era detto che la lettera di ricorso per la mancata perequazione della propria pensione avrebbe dovuto essere presentata entro il 31 gennaio 2016, pena la decadenza della possibilità di percepire la rivalutazione spettante.

Le ultime notizie sulla possibilità di invio della lettera di ricorso per perequazione pensione

Resta ancora, dunque, la possibilità di invio all'Istituto di Previdenza della lettera per ottenere la mancata rivalutazione spettante e bloccare i termini di prescrizione, all’indomani della sentenza della Corte Costituzionale che l’anno scorso ha giudicato illegittimo il blocco della rivalutazione delle pensioni, obbligando il governo a restituire ai pensionati quanto dovuto di mancate perequazioni. I rimborsi, però, finora sono stati solo parziali e non tutti li hanno percepiti, motivo per il quale sono partiti i ricorsi per riuscire a fare avere ai pensionati il rimborso integrale di quanto spettante. Il ricorso può essere ancora presentato alla Corte dei Conti se si tratta di ex dipendenti del pubblico impiego e per bloccare la prescrizione si può ancora inviare una lettera di diffida all’Inps, con raccomandata A/R che si può trovare al seguente link http://www.anpsarezzo.it/wp-content/uploads/2015/07/Atto-Intimazione-e-Diffida-INPS.pdf.

Tempi e novità per prescrizioni e rimborsi pensioni

Stando a quanto riportano le ultime notizie, la prescrizione del rimborso dovrebbe scattare a partire dal quinto anno successivo al provvedimento, vale a dire in questo 2017, per cui cade il termine stabilito del 31 dicembre 2016 per averne diritto, ma calcolando sempre i cinque anni della prescrizione. Ciò significa che la lettera inviata entro dicembre scorso riguarda la prescrizione e  il rimborso per il rateo pensionistico di gennaio 2017, chi, poi, per esempio, invia la lettera a maggio del 2017, avrà diritto alla perequazione con decorrenza dal successivo mese giugno 2017, con prescrizione dei ratei dei mesi precedenti proprio a causa del passaggio del quinquennio.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il