BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni novità sciopero indetto per le pensioni dai sindacati di base. Attesa per Cgil, Cisl, Uil

Tutti d’accordo sullo sciopero generale, il primo per le novità per le pensioni: situazione attuale dei sindacati e richieste all’esecutivo

Pensioni novità sciopero indetto per le

pensioni sciopero sindacati base Cgil Cisl Uil



Sindacati di nuovo al forte attacco sul fronte pensioni: dopo un lungo periodo che potremmo definire di ‘letargo’ e l’accordo sulle novità per le pensioni di ape volontaria e ape social e quota 41, fortemente criticate perché molto limitate e rivolte ad una ristrettissima platea di persone, considerando i requisiti di pensione che richiedono, e che, stando a quanto sostengono in molti, agevolerebbero più gli istituti bancari, che saranno coinvolti nel meccanismo di erogazione dell’anticipo per andare in pensione prima, piuttosto che i lavoratori, dopo una serie di delusioni su trattative a novità per le pensioni non andate mai a buon fine, i sindacati sembrano aver ripreso forza e tornano a ‘lottare’ per l’attuazione di concrete e importanti novità per le pensioni, pur tramontata ancora una volta la speranza di attuazione entro l’anno di profonde novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti, ancora rimandate perché troppo costose, nonostante nel corso dell’anno si fossero rincorsi annunci e dichiarazioni che sembravano prospettarne, finalmente, una loro approvazione. Ma nulla di fatto ancora. E allora si continuano a percorrere ulteriori strade.E per la prima volta si potrebbe tenere il primo vero sciopero in piazza per le novità per le pensioni.

Le recenti posizioni dei sindacati su novità per le pensioni

Nell'attesa di capire cosa decideranno di fare le tre sigle sindacali di Cgil, Cisl e Uil in riferimento al primo sciopero generale per le pensioni annunciato se nulla si concluderà sulle novità per le pensioni, i sindacati di base hanno convocato per il 23 settembre a Milano una nuova Assemblea Nazionale, tutti d’accordo con lo sciopero generale annunciato, fissando una nuova data alternativa al 27 ottobre, e invitando la stessa Cgil a prendere subito una posizione sullo stesso sciopero generale, considerando che potrebbe essere la forza sociale che con più forza potrebbe smuovere l’esecutivo nel prendere le decisioni, sempre nell’attesa, stando alle ultime notizie, della presentazione ufficiale del nuovo Def e delle decisioni dell’esecutivo sulle eventuali prossime novità per le pensioni; dei prossimi incontri tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti delle forze sociali, il primo dei quali, secondo le ultime notizie, si potrebbe tenere i primi di ottobre. E sarebbe forse già tardi, considerando che la presentazione del Def è in programma per il 22 settembre e la presentazione della manovra finanziaria il 4 ottobre; e del nuovo incontro chiesto direttamente con il presidente del Consiglio.

Nuovo documento ufficiale da sindacati e richieste novità per le pensioni

Lo sciopero generale annunciato dai sindacati potrebbe essere realmente organizzato se l’esecutivo non considererà le richieste di novità per le pensioni avanzate con la presentazione del nuovo documento ufficiale. Stando a quanto riportano le ultime notizie, sono undici i punti principali inseriti nel nuovo documento e per cui si attendono, si spera a breve, risposte dall’esecutivo, e riguardano:
miglioramento delle condizioni per l’accesso ad ape social e quota 41 ad essa collegata;
novità per le pensioni di revisione del sistema delle aspettative di vita;
superamento delle disparità di genere di trattamento pensionistico tra uomini e donne e valorizzazione del lavoro di cura;
interventi di rafforzamento della previdenza complementare;
rivalutazione delle pensioni;
novità per le pensioni per i giovani;
ulteriore proroga dell’opzione donna e ottava salvaguardia per gli esodati;
netta separazione tra spesa assistenziale e spesa prettamente previdenziale;
riorganizzazione degli Enti previdenziali;
modifiche delle norme per il posticipo del termine di percezione dei Tfr e dei Tfs dei dipendenti pubblici;
revisione e semplificazione delle regole per la richiesta di pensionamento degli usuranti.
E’ possibile, stando alle ultime notizie emerse in questi giorni, che qualche novità potrebbe interessare eventuali modifiche per l’accesso ad ape social e quota 41, e potrebbero interessare anche l’ape volontaria, ma anche novità per le pensioni per giovani e donne, misure cui si sarebbe già dimostrato particolarmente aperto l’esecutivo, come dimostrano le ultime notizie sulle recenti dichiarazioni del ministro del Lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il