BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie: incontri in programma dipendenti, Governo, M5S, imprenditori

Sono riprese quattro importanti concertazioni che potrebbero aprire le porte a concrete attuazioni di novità per le pensioni. Attese e prospettive

Pensioni ultime notizie: incontri in pro

pensioni novità ripresa quattro concertazioni



Sindacati dei lavoratori, imprenditori si incontreranno prossimamente in tavolini tecnici sia con il Governo sia con il Moveimento 5 Stelle per trovare delle misure che possano rilanciare l'economia e l'occupazione, tra cui appunto le ultime notizie parlano di novità per le pensioni (aggiornamento 10:01)

In programma ci sono una serie di incontri programmati tra esecutivo, dipenti e imprenditori, organizzati anche dal Movimento 5 Stelle per discutere tra le varie cose le ultime notizie sulle pensioni e le possibilità per rilanciarle. Vediamo nel dettaglio le riunioni in programma per discutere di questi argomenti (aggiornamento 11:05)

Riprendono quattro concertazioni che potrebbero finalmente e realmente condurre verso importanti cambiamenti sia per quanto il mondo dell’impiego sia per quanto riguarda novità per le pensioni. Le quattro concertazioni riprese, stando a quanto riportano le ultime notizie, sarebbero quelle tra:

  1. imprenditori e pentastellati;
  2. rappresentanti dei dipendenti ed esponenti dell'esecutivo Gentiloni,
  3. maggioranza e rappresentanti dei dipendenti;
  4. rappresentanti dei dipendenti e imprenditori per i patti di fabbrica.

Nuova concertazione ripresa tra imprenditori e pentastellati e rilancio di novità per le pensioni

Le ultime notizie confermano nuove aperture da parte dei pentastellati agli imprenditori, molti dei quali, ricordiamo, hanno già avviato novità per le pensioni localmente, nelle proprie realtà, in maniera del tutto autonoma, spinti dalla chiara necessità di dare avvio ad un nuovo interscambio che potrebbe permettere di avviare un nuovo ciclo economico positivo in generale. Ma si tratta solo di un ennesimo passo compiuto dai pentastellati che hanno anche aperto una nuova concertazione con i rappresentanti dei dipendenti. Le intenzioni dei pentastellati sarebbero di chiedere al mondo degli imprenditori pareri sul nuovo programma che gli stessi pentastellati hanno intenzione di stilare per definire misure e obiettivi condivisi e ottenere ulteriore consenso nei diversi settori professionali. Si tratta comunque aperture significative che potrebbero portare alla realizzazione di alcune richieste di cittadini come:

  1. misure di sostegno;
  2. misure di rilancio di opportunità di impiego soprattutto per i ragazzi;
  3. novità per le pensioni, strettamente collegate al rilancio della ricerca di attività, considerando che si tratta di soluzioni, come quota 100 e quota 41 per tutti che permetterebbero di dare nuovo avvio all’interscambio per favorire l’ingresso dei ragazzi nel mondo delle attività e modificare i requisiti di pensione attualmente richiesti e considerati particolarmente rigidi.

Nuova concertazione tra rappresentanti dipendenti ed esecutivo e ultime notizie per le pensioni

Nelle scorse settimane sono ripresi anche i confronti tra rappresentanti dei dipendenti ed esponenti dell’esecutivo per una revisione dell’attuale sistema che siano positive per tutti. Stando alle ultime notizie, dalle riunioni tenutesi sarebbero emerse l’ipotesi di attuazione di novità per le pensioni come:

  1. tutela per i ragazzi;
  2. rivalutazione dei trattamenti;
  3. sostegno per la previdenza integrativa;
  4. revisione del sistema delle attese vita, che potrebbero essere congelate per poi definire sistemi di pensioni differenti in base alle diverse tipologie di attività che si svolgono.

In realtà, i rappresentanti dei dipendenti hanno chiesto all’esecutivo di bloccare del tutto il meccanismo delle attese vita, ma a questa richiesta di totale blocco l’esecutivo non si è dimostrato particolarmente disponibile. Da non dimenticare la possibilità emersa di portare avanti novità per le pensioni con sistema inedito di uscita anzitempo a 62 anni che potrebbe valere solo per gli iscritti ai comparti di settore che abbiano maturato almeno 20 anni di contributi ma si tratta di una novità inedita di cui ancora poco si sa e per cui sono attesi ulteriori chiarimenti.  

Nuova concertazione tra maggioranza e rappresentanti dei dipendenti 

Le ultime notizie confermano il tentativo di una nuova concertazione tra rappresentanti dei dipendenti e attuale maggioranza i cui ultimi incontri, però, si sarebbero conclusi senza alcuna certezza relativa all’attuazione di importanti novità. Dalle ultime notizie riferite alle recenti riunioni tenutesi tra maggioranza e rappresentanti dei dipendenti, sarebbe emersa una particolare convergenza tra le parti soprattutto relativa a:

  1. accordo su una pensione minima da erogare a tutti, sia ai ragazzi sia a coloro che hanno quarantacinque-cinquanta anni e che sono rimasti senza occupazione;

  2. richiesta di revisione del sistema delle attese vita, argomento piuttosto complesso;
  3. richiesta di valorizzazione del mondo femminile;
  4. eventuali miglioramenti di mini pensione senza oneri da rendere fissa, cioè valida per sempre.

Nuova concertazione tra rappresentanti dei dipendenti e imprenditori per patti di fabbrica

Le ultime notizie confermano anche una ripresa dei confronti tra rappresentanti dei dipendenti e industriali sui patti di fabbrica, confronti da cui sono emerse forti divergenze tra le due parti ad eccezione di accordi che interesserebbero esclusivamente servizi di assistenza e novità per le pensioni, che tra l’altro alcune realtà imprenditoriali hanno già sperimentato in maniera del tutto autonoma nelle proprie imprese.

Per quanto riguarda i servizi assistenziali, i rappresentanti dei dipendenti si sono detti decisamente favorevoli al pacchetto di aiuti e sostegni che gli industriali hanno proposto, fondamentali per entrambe le parti per rilanciare nuove opportunità di impiego nel nostro Paese, soprattutto per i ragazzi che, a loro volta, rappresenterebbero la migliore risorsa su cui puntare per dare nuova spinta alla produttività aziendale e ai consumi, per l’avvio di un nuovo ciclo economico virtuoso.

Del resto, gli industriali, pur sostenendo anche il piano di taglio delle imposte sulle nuove assunzioni, sono da sempre tra i grandi sostenitori di quelle importanti novità per le pensioni di revisione dell’attuale sistema come quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere proprio perché strettamente collegate al mondo degli impieghi.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il