BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quando si può uscire nel 2017 per le donne con o senza opzione donna

Diverse novità caratterizzano le norme che disciplinano le possibilità di congedo prima rispetto ai requisiti standard.

Pensioni ultime notizie quando si può us

Novità mini pensioni con e senza oneri



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:03):  L'opzione donna è stata prolungata per il 2017, ma non per tutte le donne...ci vogliono determinati requisiti e molte come abbiamo sottolineato nelle ultime notizie e ultimissime sono rimaste a bocca asciutta anche dopo questa novità per le pensioni. Ma da considerare non c'è solo l'opzione donna.

Sono tante le novità sul versante delle pensioni in Italia che caratterizzano i prossimi 12 mesi. Non solo in riferimento alle cosiddette mini pensioni, con o senza oneri, a quota 41 o a chi svolge attività prevalentemente faticose. Anche se al di sotto delle iniziali aspettative, le ultime notizie pensioni ricordano come anche le donne vedono riconosciute e parzialmente prorogate le loro aspettative. In particolare, per le lavoratrici pubbliche e autonome si aprono le porte del congedo rispettivamente a 57 e 58 anni con 25 anni di contributi versati. Tuttavia occorre mettere in conto un taglio dell'assegno previdenziale per via del ricalcolo dell'importo con il contributivo. Ma soprattutto, passaggio fondamentale, occorre aver compiuto 57 anni e maturato 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2015.

Novità delle mini pensioni con e senza oneri

Più in generale, la principale novità per le pensioni scatta il primo maggio 2017 e resta in vigore fino al 31 dicembre 2018. Si tratta delle cosiddette mini pensioni con oneri per smettere anzitempo. Anche in questo caso ci sono precisi requisti da rispettare ovvero il compimento di 63 anni e il versamento di 20 anni di contributi sia da parte dei lavoratori pubblici che da quelli privati. C'è una decurtazione da prevedere per 20 anni e il pagamento di tassi di interesse alla banca che eroga la somma, pari a circa il 4,5%.

Ecco poi le mini pensioni senza oneri per congedarsi prima gratis. Naturalmente non per tutti: nessuna penalità sulle regole di calcolo e ritiro a partire da 63 anni e 30 o 36 anni di contributi, ma solo per quei lavoratori che si trovano in una condizione di svantaggio (disoccupati, invalidi e addetti a mansioni faticose) e fino a un massimo di 1.500 euro lordi. I tempi di applicazione sono gli stessi.

Lavori faticosi e quota 41

In questo 2017 sono previste novità anche per i lavoratori faticosi e per chi ha iniziato a essere impiegato da molto giovane. Per i primi il congedo è possibile senza l'applicazione di alcuna penalità dai 61 anni e 7 mesi con 36 anni di contributi, ma solo per alcune ben precise categorie. Per il secondi non si applica alcuna decurtazione a partire da 41 anni di contributi senza tenere conto dell'età anagrafica. In questo caso il provvedimento è limitato in favore di chi ha almeno 12 mesi di lavoro prima dei 19 anni e che si trovano in una di quelle posizione definite di svantaggio ovvero disoccupati, invalidità, addetti a mansioni faticose. A differenza delle due soluzioni previste nel precedente paragrafo, questi provvedimenti vanno verso la strutturalità.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il