BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Colombo, Elkann, Stadler

Le recenti posizioni di Stadler, Colombo, Elkann, ultime notizie su avvio di novità per le pensioni singole e in autonomia e conseguenze

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

pensioni novità ultime affermazioni elkann



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 15:15): E così ancora una volta è il mondo produttivo e non il legislatore a intervenire sulle novità per le pensioni. Ma fino a che punto c'è da stupirsi? In fin dei conti sono proprie le realtà produttive a rendersi conto la necessità di rilanciare produttività e competitività, in difficoltà come da ultime e ultimissime notizie, e a proporre con decisione iniziative concrete.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 19:01): Il fatto stesso che questi amministratori delegati e alte figure si stanno occupando delle novità per le pensioni all'interno delle proprie realtà, fa capire come siano sempre più necessarie proprio per la stessa produzione come d'altra parte nelle ultime notizie e ultiissime testimoniano le diverse statistiche.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45):  Sono tra i gestori e i responsabili più rilevanti delle attività produttive e per le novità per le pensioni si stanno sostituendo alle mancanze di concretezze e di agire, nelle ultime notizie e ultimissime, di tutti gli schieramenti.

La strada per cambiare l’attuale sistema pensioni sembra essere dominata esclusivamente da singole ditte e iniziative in piena autonomia prese dai singoli proprietari o gestori di queste. E si tratta di una strada intrapresa per mancanza di concrete decisioni indirizzate all’attuazione di quelle concrete e importanti novità per le pensioni ormai da troppo richieste ma sempre rimandate. Le ultime notizie sull’andamento dell’occupazione nel nostro Paese, da una parte, e sulle condizioni di lavoratori più anziani, dall’altra, impongono la necessità di cambiamenti dell’attuale sistema. Sono diversi i casi riportati dalle ultime notizie che dimostrano di fatto come le imprese stiano andando avanti da sole, e tra questi alcuni dei più importanti sono quelli che riguardano Ducati, Intesa Sanpaolo ed Fca.

Le ultime decisioni di Stadler e impatto su novità per le pensioni

Rupert Stadler, presidente Ducati, è tra coloro che in piena autonomi, senza aspettare le decisioni finali dell’esecutivo, ha avviato novità per le pensioni interne alla sua realtà imprenditoriale, dando la possibilità a chi raggiungerà i requisiti di pensione entro i prossimi 30 mesi di andare in pensione prima con turn over, continuando a ricevere dall'azienda un assegno pari all'80% dello stipendio ricevuto in servizio fino alla maturazione della normale pensione finale, e avviando nuove assunzioni di più giovani. Si tratta di una chiara dimostrazione di come, volendo, è possibile sostenere tanto i lavoratori più anziani, costretti a lavorare sempre più a lungo a causa delle attuali norme pensionistiche, ma talvolta stanchi e impossibilitati a continuare a lavorare, soprattutto se impiegati in determinate attività, quanto i più giovani, oggi senza impiegato, sfiduciati ma che potrebbero avere nuove possibilità di crearsi un futuro.

Le ultime affermazioni di Colombo e impatto su novità per le pensioni

Anche Paolo Andrea Colombo vice presidente di Intesa Sanpaolo ha comunicato di aver avviato, nella realtà dell’istituto di credito, il turn over lavorativo, con riduzione dell’orario di lavoro per coloro che sono già impiegati accompagnata da nuove assunzioni di giovani. Secondo quanto affermato da Colombo, i dipendenti che passeranno all’orario di lavoro ridotto continueranno a percepire il regolare versamento dei contributi previdenziali fino al raggiungimento dei normali requisiti pensionistici, percependo il 75% della retribuzione annua lorda.

Le ultime posizioni di Elkann e conseguenze per novità per le pensioni

Non solo novità per le pensioni di uscita prima: al pari, infatti, di novità per le pensioni che consentano ai lavoratori più anziani di collocarsi finalmente a riposo, aprendo le porte del mondo occupazionale ai più giovani, sono necessari anche nuove misure di aiuto e sostegno per i lavoratori. Ed è proprio in questo scenario che si inserisce quanto avviato da John Elkann presidente Fca: le ultime notizie confermano che si tratta di un nuovo bonus per i dipendenti, legato agli obiettivi di produttività, che avrebbe, stando alle ultime notizie, un tetto massimo di 700 o 800 euro, in base all'inquadramento professionale, dando possibilità di accedere a diversi servizi, da sostegni sanitari, a buoni spesa, ad abbonamenti in palestra. Ma i dipendenti che hanno deciso di non usufruire del suddetto bonus, comunque riceveranno in busta paga un importo aggiuntivo di circa 570 euro, che rappresenta comunque un incentivo tanto di sostegno al singolo individuo quanto a far sempre meglio il proprio lavoro.   

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il