BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Renzi, Berlusconi, Toninelli

Le ultime posizioni di Toninelli, Berlusconi, Renzi su prossime elezioni, ultime notizie su attuale andamento politico e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

Pensioni novità ultime affermazioni Silvio Berlusconi



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 10:22): Se potessero scegliere in autonomia, la maggior parte dei leader degli schieramenti politici andrebbero subito alle urne. Non a caso stanno già mettendo a punto le rispettive macchine programmatiche in cui sarà dato ampio spazio alle novità per le pensioni. Ma secondo le ultime e ultimissime notizie, l'appuntamento con il voto non è poi così prossimo come sembra.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): E tra le varie affermazioni sembra ritornare la voglia di andare ad elezioni subito praticamente da tutti i responsabili dei vari schieramenti con anche nelle ultime notizie e ultimissime l'apertura di Berluscuni di accettare un esecutivo di larghe intese con il centro sinistra se non si dovesse raggiungere una maggioranza netta. Questo per le novità per le pensioni potrebbe avere almeno due risvolti.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30): Le mosse per le prossime elezioni stanno diventano sempre piu chiare ed esplicite nelle ultime notizie e ultimissime con una serie di affermazioni da parte degli esponenti di tutti gli schieramenti. E sono
da seguire, in quanto fondamentali per le novità per le pensioni non sono solo le elezioni stesse ma cosa prevedono di fare questi stessi esponenti che hanno rilasciato le affermazioni come Berlusconi o Renzi per le novità per le pensioni dopo le elezioni sia in caso di vittoria che di un probabile pareggio. Senza dimenticare il ruolo del Movimento 5 Stelle come afferma Toninelli.

Sono partite le grandi manovra in vista delle elezioni che, all’indomani del pronunciamento dell’Alta Corte sulle norme relative ai buoni lavoro e alle regole occupazionali per i liberi professionisti e dell’ancora attesa sentenza sul sistema di voto, in programma il prossimo 24 gennaio, potrebbero essere fissate in momenti decisamente differenti. E’ possibile infatti, stando alle ultime notizie, che il voto si tenga ad aprile, anche se in tal caso dovrebbe slittare la consultazione pubblica sulle norme occupazionali (che dovrebbe essere tra il 15 aprile e il 15 giugno) perché elezioni e consultazioni pubblica non possono svolgersi nello stesso periodo; è possibile che, come probabile, si possano tenere a giugno, e in tal caso ci sarebbero importanti conseguenze per le novità per le pensioni, visto che giugno è il periodo in cui iniziano ad essere definite le misure da inserire nel documento economico programmatico, per cui ogni promessa per le novità per le pensioni sarebbe definita in base al budget per poi essere concretamente discussa dopo l’estate, tempo in cui si avviano solitamente le vere e proprie discussioni le misure del documento economico che saranno poi inserite nel prossimo testo unico. Ma è possibile, secondo le ultime notizie, che le nuove elezioni possano svolgersi alla naturale scadenza dell’attuale legislatura, cioè nel 2018, come del resto auspicato dallo stesso presidente della Repubblica. E in tal caso, le novità per le pensioni sarebbero proprio il campo di battaglia su cui giocare le elezioni: ogni schieramento politico vi punterà e in maniera abbastanza importante e profonda.

Le ultime posizioni di Tonelli e conseguenze per novità per le pensioni

Secondo il deputato del M5S Danilo Toninelli, prima di andare al voto è necessario formulare una proposta di meccanismo di voto per il bene del Paese, cosa a cui non pensa di certo il segretario Renzi il cui unico obiettivo sarebbe quello di impedire al Movimento Cinque Stelle di andare al governo. Ma si tratta di un progetto che sarà spazzato via alle prossime elezioni, quando saranno i cittadini a votare la propria classe politica. E ha ribadito, come riportano le ultime notizie, la volontà di andare al voto subito dopo il prossimo pronunciamento dell’Alta Corte sul sistema di voto. Si tratta di una posizione ben condivisa dai capigruppo del M5s Vincenzo Caso e Michela Montevecchi, secondo cui è arrivato il momento che Renzi lasci effettivamente la politica così come annunciato tempo fa, annuncio su cui ha fatto poi un passo indietro.

Le ultime affermazioni di Berlusconi e conseguenze per le novità per le pensioni

Chiare le ultime affermazioni del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi: andare al voto il prima possibile, dopo aver definito un meccanismo di voto condiviso da tutti, e con la prospettiva di poter dar vita, ancora una volta, ad una grande coalizione con il segretario del centrosinistra, pronta ad occuparsi delle necessità del Paese, intenzione che, come si intuisce, potrebbe avere importanti conseguenze, positive, per le novità per le pensioni anche se la stessa grande coalizione, in passato, non ha fatto granchè per le pensioni. Per Berlusconi, il migliore sistema di voto sarebbe quello del proporzionale.

Le ultime affermazioni di Renzi e conseguenze per le novità per le pensioni

Diversa la posizione del segretario del centrosinistra, che potrebbe anche aspettare di andare al voto ma che si è detto in disaccordo con le larghe intese, dalla parte di un sistema con ballottaggio o del Mattarellum. Dalle ultime affermazioni riportate dalle ultime notizie, l'intenzione di Renzi sarebbe quella di ripartire da riorganizzazione del suo schieramento politico e dalle banche per ripensare agli errori delle misure mancate, a partire da quelle novità per le pensioni che nelle ultime di mini pensione e quota 41 non trovano certo compimento delle richieste di cambiamento presentate nei mesi sa forze politiche, sociali e cittadini stessi.  

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il