BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie su quota 100, mini pensioni, quota 41 da Giorgetti, Brunetta, Rosato

Le ultime posizioni di Brunetta, Rosato, Giorgetti su sistema per elezioni subito e possibili conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie su quota 100, mi

pensioni novità ultime affermazioni renato brunetta



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 8:08): L'idea delle elezioni subito non è naufragata, ma c'è ancora ed è prevista una riunione ufficiale per il sistema per elezioni subito dopo la seconda tornata delle elezioni comunali. In base a come andranno, ci potranno essere più o meno rinnovate spinte, che potranno rilanciare anche le novità per le pensioni che al momento nelle ultime notizie e ultimissime languono.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:30): Solo apparentemente è calato il sipario sull''idea di elezioni subito, interessanti per le novità per le pensioni, ma difficile da far passare senza la creazione di una maggioranza forte e stabile. Così si ritorna ad un confronto tra i vari esponenti di urne nelle ultime notizie e ultimissime, ma non più con il proporzionale ma con il più rassicurante maggioritario.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:45): Non è dunque calato il sipario sull'ipotesi di elezioni subito, utili per le novità per le pensioni, come sta emergendo dalle posizioni di importanti esponenti delle principali forze. Resta però da capire quale potrebbe essere la soluzione più adatta elle ultime notizie e ultimissime, come il maggioritario, tenendo conto che il tempo a disposizione è sempre meno.

Si torna a parlare nel pomeriggio del sistema per elezioni subito e, stando a quanto riportano le ultime notizie, dal sistema teutonico proporzionale si potrebbe tornare ad un maggioritario o come quello francese o come quello usato per il voto nelle regioni o al rosatellum. Secondo le ultime notizie, infatti, il sistema maggioritario per l’elezione dei sindaci potrebbe avere forte impatto sulla definizione del sistema per elezioni subito. La grande sfida in discussione, tuttavia, si preannuncia essenzialmente tra sistema proporzionale e sistema maggioritario.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, per il nostro Paese, la soluzione ideale di sistema per elezioni subito sarebbe un sistema maggioritario tipo Rosatellum ma con modifiche, sistema che porterebbe le grandi forze, come attuale maggioranza e Schieramento del Cavaliere, a dover definire alleanze con le altre forze interne, rispettivamente a centrosinistra e centrodestra, il che significherebbe puntare al ricompattamento interno di entrambe le forze, tra attuale maggioranza e scissionisti da una parte e tra Schieramento del Cavaliere e Carroccio dall’altra. Quali scenari potrebbe prospettare questo sistema? E quali ripercussioni potrebbe portare sull’attuale di novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti?

Le ultime posizioni di Brunetta e conseguenze per novità per le pensioni

All’indomani delle ultime notizie sull’accordo saltato sul sistema per elezioni subito in discussione fino a qualche giorno fa tra i quattro grandi, attuale maggioranza, Schieramento del Cavaliere, Carroccio e pentastellati, a causa del dietrofront dei pentastellati, per Renato Brunetta, capogruppo dello Schieramento del Cavaliere a Monteciorio, si tratta di un nuovo inizio e di un evento che dovrebbe far riflettere per andare avanti in maniera più costruttiva con una nuova consapevolezza. Secondo Brunetta, stando a quanto riportano le ultime notizie, bisognava o allargare la maggioranza dell'esecutivo ad altre forze per avere una maggioranza certa o non continuare a puntare su elezioni subito non essendocene le situazioni ideali. Ora per Brunetta la necessità è prendersi la seria responsabilità di rimettere in ordine l'esecutivo, andare avanti con la definizione del sistema per elezioni subito, perchè una regola serve, al di là del suo sostegno al modello teutonico che, secondo Brunetta, sembrerebbe avere il massimo consenso.

Le recenti posizioni di Rosato e impatto su novità per le pensioni

Il Rosatellum, proposto da Ettore Rosato del centrosinistra, prevede un sistema che sia al 50% di proporzionale e al 50% di maggioritario, con la parte proporzionale che prevede piccole liste da 2 a 4 candidati e ogni partito che corre da solo e la parte maggioritaria che prevede collegi uninominali e la possibilità di presentarsi in coalizione. I collegi dell'uninominale sono 303 per Montecitorio, cui si aggiungono quelli delle regioni a statuto speciale e l'estero, mentre a Palazzo Madama sono 150. La soglia di sbarramento è prevista al 5%. Il meccanismo prevede un candidato di collegio per la quota maggioritaria e liste (che come detto sono corte) bloccate a lui collegate per la quota proporzionale, ognuna con quattro candidati.

Il sistema permette di scegliere se votare il candidato di collegio e una lista a lui collegata o uno dei due e se vota solo il candidato di collegio, vota solo per la quota maggioritaria, mentre se vota una delle liste collegate, il voto andrà direttamente anche al candidato di collegio. Proprio come per i sindaci. Ricordiamo che il Rosatellum non permette il voto disgiunto tra lista e candidato di collegio e prevede una scheda unica per Montecitorio e Palazzo Madama. Secondo quanto sottolineato da alcuni esperti, questo sistema rispetto al vigente sistema a Montecitorio appare decisamente più flessibile e porterebbe ad alleanze necessarie, come per il sistema teutonico.

Con riferimento alle possibili grandi riunioni di centrosinistra e centrodestra, si potrebbero prevedere vantaggi per il rilancio di novità per le pensioni viste le convergenze da parte di tutte le forze interne ai grandi sull’attuazione di cambiamenti dell’attuale sistema, per modificare i requisiti di pensionamento, rendendoli più ‘morbidi’ rispetto a quelli attualmente previsti, e sull’introduzione dell’assegno universale come misura di sostegno, senza dimenticare l’intenzione di crescita delle pensioni inferiori.

Le ultime affermazioni di Giorgetti e impatto su novità per le pensioni

Dalla parte del maggioritario, Giancarlo Giorgetti del Carroccio che, come accennato, avrebbe affermato di essere favorevole ad un maggioritario con alleanze da definire in tempi brevi, aprendo all’alleanza con lo Schieramento del cavaliere, a patto che quest’ultimo sostenga il sistema per elezioni subito maggioritario e non più proporzionale, che, tra l’altro, potrebbe essere decisamente più vantaggioso per le grandi forze di centrodestra e centrosinistra. Una grande unione di centrodestra potrebbe rivelarsi positiva per il rilancio delle importanti novità per le pensioni, visto che il Carroccio da sempre spinge per la totale revisione dell’attuale sistema, puntando su novità per le pensioni come quota 100 e quota 41 per tutti senza alcun onere, e lo Schieramento del Cavaliere su assegno universale e crescita del valore delle pensioni inferiori.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il