BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie differenti attese prossima settimana per novità pensioni mini, quota 100, quota 41

Gli appuntamenti in programma a brevissimo che potrebbero essere particolarmente significativi per novità per le pensioni: le attese

 Pensioni ultime notizie differenti atte

pensioni novità settimana prospettive attese



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01):  Le attese correlate alle novità per le pensioni sono tre e si tratta di tre riunioni e incontri dove si vedranno diversi aspetti di queste che sembra si abbia più urgenza nelle ultime notizie e ultimissime di sistemare

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:01): Vi sono tre attese strettamente collegate per le novità per le pensioni oltre ad ulteriori  che le interessano, comunque, nelle ultime notizie e ultimissime più rilevanti, forse, anche.

Si preannuncia una importante e significativa settimana per le discussioni che interessano questione previdenziale e novità per le pensioni. Nei prossimi giorni sono, infatti, in programma appuntamenti che potrebbero avere particolare impatto sull’andamento delle discussioni di diverse novità per le pensioni, soprattutto considerando il via ai lavori sulle prossime decisioni economiche strategiche. Stando a quanto riportano le ultime notizie, nei prossimi sarebbero state confermate:

  1. prossima riunione per ripresa delle discussioni sulle revisioni delle pensioni, in programma martedì;
  2. seconda riunione tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dei dipendenti, sempre in programma martedì;
  3. evento organizzato dai rappresentanti dei dipendenti per novità per le pensioni di attese vita, in programma giovedì.

Prossima riunione per revisione delle pensioni

Martedì è in programma la prossima riunione nel Gruppo dedicato durante la quale si capirà se il piano di revisione delle pensioni sarà portato avanti o meno. Si tratta di un appuntamento che si preannuncia importante per un tema decisamente cruciale, considerando che si tratta di un provvedimenti che solo qualche giorno fa sembrava essere giunto al capolinea ma su cui, improvvisamente, è stato fatto un ennesimo passo indietro. Tuttavia, se dovesse essere portato avanti, dimostrerebbe la reale volontà politica di intervenire con novità per le pensioni in grado di ristabilire equità e, al tempo stesso, permettere un risparmio di risorse economiche che potrebbero essere reimpiegate successivamente per ulteriori novità per le pensioni positive per tutti. Al contrario, invece, se cioè il piano di revisione delle pensioni continuasse ad essere bloccato, ancora una volta sarebbe dimostrazione del fatto che si continuano a portare avanti solo privilegi e propri interessi, senza curarsi in particolar modo del bene dei cittadini e dei reali bisogni della gente.   

Seconda riunione tra esecutivo e rappresentanti dei dipendenti e rilancio di novità per le pensioni

E’ in programma sempre martedì la seconda riunione tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dei dipendenti, occasione durante la quale si dovrebbe tornare a parlare di momento successivo di analisi delle ulteriori novità per le pensioni, alcune delle quali si vorrebbero inserire nelle prossime decisioni economiche strategiche. Stando a quanto riportato dalle ultime notizie emerse dalla prima riunione, per ora, le ulteriori novità per le pensioni del momento successivo potrebbero interessare:

  1. novità per le pensioni per i ragazzi;
  2. novità per le pensioni di revisione del sistema attese vita;
  3. novità per le pensioni con possibili ulteriori soldi per novità per le pensioni di mini pensione con e senza oneri e quota 41.

Partendo dalle novità per le pensioni per i ragazzi, è probabile che rappresentino le principali novità per le pensioni su cui si punterà, importanti per risolvere le condizioni attuali precarietà e carriere discontinue che impediscono ai ragazzi di oggi di potersi creare un futuro pensionistico e le intenzioni, come riportato da esponenti dell’esecutivo, sarebbero quelle di introduzione di una pensione di garanzia minima e di riscatto gratuito degli anni di laurea.

Grande incertezza, invece, c’è sull’eventuale iter che potrebbe interessare la revisione o il blocco, come richiesto dai rappresentanti dei dipendenti, del meccanismo delle attese vita cui è agganciato il requisito anagrafico per poter lasciare la propria occupazione. E’, invece, probabile che durante la prossima riunione tra esponenti dell’esecutivo e rappresentanti dei dipendenti, si dia il via ad un ulteriore stanziamento di soldi per le ultime novità per le pensioni approvate di mini pensione con e senza oneri e quota 41, considerando la grande richiesta che finora si è avuta, soprattutto per la mini pensione con oneri, e che si definiscano modifiche per coloro che sono impegnati nel settore delle costruzioni.

Evento dei rappresentanti dei dipendenti per attese vita e impatto su novità per le pensioni

E’, invece, in programma giovedì l’evento organizzato dai rappresentanti dei dipendenti per rilanciare le proprie richieste di revisione o blocco totale delle attese vita. Si tratterebbe di una misura che contribuirebbe effettivamente a modificare l’attuale sistema perchè cambierebbe effettivamente le regole pensionistiche in vigore che seguono la logica dell’andare in pensione sempre più tardi per le attese vita che continuano a crescere. Novità per le pensioni di quota 100 e di quota 41 per tutti senza oneri, invece, modificherebbero solo di requisiti di pensione, senza toccare effettivamente la struttura dell’attuale sistema. La necessità di una revisione del meccanismo delle attese vita dipende innanzitutto dal fatto che, contrariamente a quanto stimato, le stesse attese non stanno aumentando, ma diminuendo e questa inversione di tendenza farebbe venire meno lo stesso principio fondante dell’attuale sistema.

Se, infatti, le attese vita non crescono ma si riducono, gli anni necessari per lasciare la propria occupazione non dovrebbe aumentare. Ma quanto meno bloccarsi. Ed è proprio questo che i rappresentanti dei dipendenti chiedono, soprattutto in riferimento a determinati settori occupazionali, come quelli delle attività faticose o in riferimento a coloro che sono entrati sin da giovanissimi nel mondo occupazionale, per cui risulta sempre più difficile, se non impossibile a volte, continuare a rimanere in attività sempre più a lungo.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il