BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie: le spinte da elezioni per quota 100, quota 41 e aspettative di vita

La crisi della rappresentanza è totale, la disaffezione dei cittadini è massima e la sfiducia per le novità per le pensioni si tocca inevitabilmente con mano.

Pensioni ultime notizie: le spinte da el

Pensioni ultime notizie e novità affermazioni



La chiusura che c'è stata potrebbe sia rivista in termini di consenso per le prossime elezioni che si avvicinano sempre più, ma anche nel caso del blocco delle aspettative di vita la stessa attuale maggioranza potrebbe rilanciare dei sistemi per permettere di smettere anzitempo a chi lo desideri come accade al fuori del ostro Paese e dove da sempre nelle ultime notizie e ultimissime c'è a parola una ampia convergenza come quota 100 e quota 41 rivista (aggiornamento 10:30)

Le ultime notizie sulle pensioni continuano a confermare l'inerzia dell'esecutivo sul tema delle pensioni, ultime le parole di Morando, vicemistro dell'Economia, che ha dichiarato che i soldi in più derivanti dall'aumento del Pil inaspettato non saranno sfruttati per le pensioni. Bisognerà però attendere Settembre al rientro di tutto il gruppo di lavoro se si seguirà questa strada o si cercherà di effettuare delle correzioni all'attuale riforma delle pensioni (aggiornamento 11:44)

Da questa classe dirigente non è lecito attendersi alcunché di buono né sulle novità per le pensioni e né su altro. Il comportamento di questi giorni nelle ultime notizie pensioni lo testimonia in maniera evidente: i rappresentanti vanno a caccia di un posto vincente nelle liste, anche a costo di sconfessare tutto e tutti.

Le ultime posizioni di Pierluigi Battista e conseguenze per le ultime notizie per le pensioni

Non c'è affatto da meravigliarsi se la fiducia dei cittadini nei confronti degli schieramenti sia praticamente annullata. Perché gli spostamenti di queste ore da una forza all'altra non trovano alcuna giustificazione se non quella del tornaconto personale ovvero della riconferma in un lista bloccata e in una posizione di comodo. La certezza di non dover faticare per essere confermati in una delle due assemblee (di fatto sono nominati) aumenta quella che viene definita la transumanza.

E a scorrere l'elenco di quanto fatto, sia sulle ultime notizie per le pensioni e sia su tutte quelle disposizioni attese da tempo perché considerate importanti, non è possibile stare allegri. Ma come fa notare l'editorialista Pierluigi Battista, guai a sottovalutare i rappresentanti perché gli spostamenti non sono affatto casuali. Non sono affatto degli sprovveduti e puntano sul vincente. Che, stando a quanto sta capitando con i rappresentanti nelle posizioni di mezzo, dovrebbe essere il Cavaliere. Quest'ultimo manifesta una tendenza alla moderazione, anche sulle novità per le pensioni, che lo rende particolarmente incline ad accettare i transfughi non radicali.

Le recenti posizioni di Pino Pisicchio

Il rapporto tra gli schieramenti e i cittadini è ai minimi termini. La disaffezione è quasi totale, ai limiti del conflitto. In tanti si affannano a spiegare le ragioni vere di questa degenerazione. Ma non c'è alcun dubbio che i troppi casi di truffe e privilegi ormai senza giustificazione, così come l'incapacità di farsi portatori delle istanze su problemi reali, come le novità per le pensioni, abbiamo il loro enorme peso specifico. La manifestazione più tangibile di questo distacco è l'alta percentuale di astensione che si registra tutte le volte che i cittadini sono chiamati alle urne. I numeri sono leggermente migliori nel caso delle urne locali, ma non deve meravigliare perché in gioco ci sono quelle amministrazioni che sono più vicini al territorio e alle sue esigenze.

Poi c'è Pino Pisicchio, esponente del gruppo Misto, che invita a non essere disfattisti. Riconosce l'abbandono delle urne, non lo lega direttamente all'allergia degli schieramenti ad andare fino in fondo sulle novità per le pensioni o comunque sui problemi concreti, ma niente allarmismi. Conviene sul senso di smarrimento, ma attenzione a costruire canali di comunicazione differenti per la democrazia nazionale.

Le ultime affermazioni di Francesco Cancellato e impatto su novità per le pensioni

C'è un altro segnale, che a dirla tutta passa inosservato per via dello scarso amore nutrito nei confronti degli schieramenti, a testimonianza della crisi attraversata dalla differenti forze. Le casse sono vuote. Sia che si tratta della maggioranza sia del Carroccio e perfino del Cavaliere, cambia ben poco tra dipendenti sulla porta di uscita e difficoltà a far quadrare i conti. Gestione allegra o frutto dei tagli? Dipende da caso a caso, ma senza dubbio gli schieramenti hanno perso l'esclusiva nella rappresentanza degli interessi.

E un caso valga su tutti: a differenza del passato non c'è una forza che più di altre scommette sulle novità per le pensioni ovvero su cui si può fare affidamento per portare a casa i cambiamenti desiderati. Sono caduti gli steccati ideologici e per tutti l'importante è vincere alle urne. Di conseguenza, anche su temi in passato divisivi come le novità per le pensioni, le differenze tra le forze si sono assottigliate. Secondo il giornalista Francesco Cancellato sarebbe sbagliato fare finta di nulla ovvero soprassedere rispetto all'esistenza del problema e invita ad aprire una riflessione ad ampio raggio.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il