BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 elezioni subito o esecutivo attuale attese rilancio pensioni

Differenti attese con questo esecutivo se dovesse rimanere in carica per le novità per le pensioni o con elezioni subito o dopo nelle ultime notizie ancora fattibili

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

pensioni esecutivo, ultime notizie pensioni, pensioni elezioni



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 9:32): Quali potrebbero essere le novità per le pensioni nel caso vi siano elezioni subito o permanga l'esecutivo attuale? Le risposte non sono così scontate nelle ultime notizie e ultimissime in continua evoluzione sulle priorità

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 17:01): Sia nel caso di elezioni subito e nei tempi naturali, per le novità per le pensioni potrebbero mutare molte cose. E succede perché sono ancora tante le questioni aperte da portare a tempo e nello stesso tempo c'è incertezza nelle ultime notizie e ultimissime nella creazione di quelle alleanze che sono la base per ulteriori rilanci.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 03:01): Vi sono varie attese per le novità per le pensioni se ci dovessero essere elezioni subito con il sistema visto finora o quello originale o se, invece, si dovesse continuare con l'esecutivo attuale idee nelle ultime notizie e ultimissime proponderante ma non ancora definitiva

Quale sia il quadro che andrà a definirsi non sarà così positivo per le novità per le pensioni come ci si poteva attendere inizialmente con una svolta finalmente per le pensioni stesse in un clima mutato che avrebbe fatto finalmente diventare realtà o una revisione completa del sistema o una serie di correzioni che tutte le forze hanno affermato tra le loro priorità nelle ultime notizie e ultimissime più volte.

In realtà tutto sta andando, per il momento in una direzione opposta, a partire dal sistema per elezioni subito che è stato bocciato ma che potrebbe anche essere ripreso o rivisto ancora, ma pe ril momento non gantisce nessuna governabilità. 

E, poi, nel frattempo, le divisioni si sono accentuate paradossalmente alla ricerca dell'unità e di alleanze.

E ancora, quando si chiede delle priorità da affrontare sia ora se l'eseutivo rimanesse che ai potenziali vincitori delle elezioni subito o dopo che siano le novità per le pensioni arrivano dopo quele per le imposte e non c'è nessuno che spieghi una strategia precisa da seguire, mentre pe ril taglio delle imposte qualcosa si dice di più, ma neanche tanto...
E tornando proprio all'esecutivo attuale qualcosa di buono potrebbe ancora fare, ma dorvebbe ritrovare la legittimità persa e in tempo assai veloce dopo che la poca che ne aveva è stata indebolita dall'aspro confronto per il sistema di elezioni.

A questo punto due quesiti vengono spontanei:

  1. Novità per le pensioni con questo esecutivo in caso di elezioni a fine mandato, cosa può ancora attuare
  2. Novità per le pensioni con elezioni subito con il sistema teutonico o altri

Esecutivo attuale e attese per le novità per le pensioni

L'esecutivo ancora in sella per il momento avevano iniziato bene con una serie di affermazioni interessanti come la revisione della spesa per 7-14 miliardi e la fattura elettronica per le imprese private che solo nel primo periodo avrebbe potuto dare 50 miliardi annui e aveva voluto riprendere il momento successivo di analisi di fattibilità per le pensioni, con alcuni punti messi nero su bianco di novità per le pensioni per tutti e profondi come la revisione delle probabilità di vita e addirittura una pertura dei tecnici per quota 100 con una di queste novità (anche ulteriori) che poteva essere inserito nelle decisioni economiche autunnali.
Ma questi impegni come ben sappiamo nelle ultime notizie e ultimissime sono durati davvero poco, con una maggioranza non capace di sostenerli o che non li voleva sostenere perchè, almeno i primi due davavano e danno fastidio per una possibilità vittoria delle elezioni.

E la priola magica ancora una volta è stata solo ricerca del consenso per andare quanto prima ad elezioni. E poi tutto, questo nelle realtà dei fatti, si è trasformato in un profondo e completo stallo per le novità per le pensioni e tutte le iniziative con problemi che sono cresciuti invece di diminuire.

A questo punto, se l'esecutivo attuale rimanesse è difficile che possa intraprendere iniziative importanti, e sarebbe già importante che prendesse le giuste decisioni finanziarie ed economiche per tenere i conti a posto in autunno. Dall'altra parte come abbimo scritto è stato profondamente delegittimato nel corso del tempo e soprattutto da questo che doveva essere il finale con le elezioni subito. 
Ora è anche difficile riprendere la credibilità e il potere necessario, e anche l'autonomia, da sempre in fin dei conti contrastata.
Per le novità per le pensioni, potrebbe certamente ritornare all'idea di inseire qualcosa nel documento economico, anche solo per il consenso delle prossime elezioni facendo un favore alla sua maggioranza, ma al momento nelle ultime notizie e ultimissime sembra essere preferite delle scelte di continuità come il rafforzamento degli aiuti a chi ha bisogno o il taglio delle imposte sugli occupati, entrambe delle ricette che così fatte si sono rivelate già sbagliate.

Elezioni subito e attese per le novità per le pensioni

Al momento ci sono tre strade per le elezioni subito. La prima è ritornare al confonto per il sistema teutonico e non è da non considerare fattibile nelle ultime notizie e ultimissime per cui si è avuta una certa apertura.

La seconda strada è cercare un sistema alternativo, ma sembra davvero difficile, anche se sarebbe la scelta più auspicabile per cercare un sistema che garantisca di avere una maggioranza reale e, quindi, la governabilità.
La terza è di andare così con i sistemi decisi dall'Alta Corte, ma neppure con questi, neppure con le due grandi alleanze possibili ci sarebbe la maggioranza così come con il modello teutonico.
Al momento l'analisi è impietoso. O si riesce a prendere un consenso straordinario e superare lil 40% che regalerebbe una maggioranza forte ma che sembra impossibile per chiunque o si riescono a formare delle alleanze inedite e coese con idee chiare e punti da portare a termine realmente.

E qui si apre un'altra questione ovvero se le priorità sono le novità per le pensioni o meno. Al momento, le varei forze hanno spiegato poco quello che intendeno fare ma come prima mossa tutte vorrebbero calare le imposte e su quetso c'è pure una paradossale convergenza perhcè tutti o quasi vorrebbero usre il modello Usa di una unica fascia. E per le novità per le pensioni tanto "urlate" non c'è traccia almeno per il momento, anche se, comunque, c'è da ricordarlo che nei sondaggi vengono considerte insisme all'occupazione e , appunto, alle imposte una delle tre priorità più sentite.

Il problema è capire cosa si voglia fare, se una revisione completa del sistema e chi lo afferma come intende farla o una serie di correzioni e chi lo afferma deve dire quali correzioni vuole fare.

Ma questi sono dei passi successivi, realizzabili solo se si trovasse la governabilità, che al momento pare lontana, molto lontana. E non è un caso che in differenti scenari si ritornare a farsi concreta la possibilità di una Comunità che prenda il controllo e ci commissari. E, forse, non sarebbe il peggiore dei mali, neppure per le novità per le pensioni, vista l'incapacità o la scelta consapevole di non fare nulla o quasi che abbiamo visto nel susseguirsi di quasi tutti gli esecutivi degli ultimi 20 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il