BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 contestazioni senza forza reale per pensioni

Le difficoltà attuali sono figlie della mancanza di un vero progetto di rilancio del Paese che includesse anche le novità per le pensioni.

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni: nuove regole allo studio



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:01): Basta ricordare l'inefficacia delle costose regole sull'occupazione, slegate dalle novità per le pensioni, per rendersi conto come quanto fatto finora non solo non abbia risolto i problemi. Ma anzi, li abbia aggravati con le ultime e ultimissime notizie che prevedono un autunno decisamente caldo quando inizierà il delicato iter di fine danno.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 23:30): Sono tanti gli esempi che possono essere tirati in ballo a testimonianza del fallimento delle novità per le pensioni. Da quota 41 e mini pensioni, con e senza oneri, ancora ferme al palo alla poca utilità delle nuove regole sull'occupazione. Ma il tutto in un contesto di ultime e ultimissime notizie negative nei confronti della complessiva azione amministrativa.

In fin dei conti non ci si deve stupire se le cose non vanno per il verso giusto. Se l'attività amministrativa prosegue con troppa ordinarietà, le novità per le pensioni non sono una priorità e quando si prova a dare una scossa si viene sommersi di critiche così forti da mettere a repentaglio la stessa prosecuzione dell'esperienza, una ragione c'è. E non vanno cercate lontane perché si tratta del risultato di quattro anni di confusione e poca chiarezza, assenza di un vero progetto di rilancio che andasse al di là delle emergenze e avventure temerarie come quelle del voto costituzionale. Insomma, al di là delle appartenenze e degli schieramenti, i risultati raccolti sono stati pochi e la fotografia delle novità per le pensioni, ancora bloccate nonostante la questione sia aperta da anni, è emblematica della situazione attuale.

Il fiasco dell'azione amministrazione e non solo per le novità per le pensioni

Non sembra così esagerato credere che questa situazione di precarietà su tutti i fronti che investe in pieno anche il delicato comparto delle novità per le pensioni faccia comodo a molti. Soprattutto a chi ambisce a tornare in sella per la guida del Paese. Dalle macerie è più facile ricostruire. Il problema è che la lista dei flop è lunga, troppo lunga, come emerge dalle ultime notizie pensioni. Gli esempi non mancano:

  1. le novità per le pensioni di quota 41 e mini pensione, con e senza oneri, ancora senza gli atti finali e dunque non ancora attive;
  2. l'inefficacia delle nuove e costose regole sull'occupazione, completamente slegate dalle novità per le pensioni, come sta emergendo dalle ultime notizie pensioni;
  3. la staffetta ibrida mal accolta dai potenziali beneficiari: introdotta lo scorso anno, solo in 200 hanno avanzato richiesta.

Insomma, c'è abbastanza materiale per riflettere su quanto fatto e non fatto in questi anni e sull'opportunità di andare in continuità con questa azione amministrativa o cercare strade alternative per il rilancio. Proprio adesso è stata raggiunto il punto più basso con l'esecutivo che sembra trascinarsi stancamente fino al prossimo voto senza grandi pretese di cambiamento nonostante l'iter correttivo in corso e la delicatissima manovra d'autunno in cui tutti i nodi verranno al pettine.

Problemi e rallentamenti oltre le novità per le pensioni

A sfogliare i punti all'ordine del giorno delle discussioni negli organismi competenti, le azioni amministrative e legislative oscillano così tra l'ordinaria amministrazione e la ricerca di un accordo sul sistema di voto in vista delle urne. Eppure, stallo sulle novità per le pensioni a parte, non sfugge come per dare uno slancio basterebbe poco, come

  1. sbloccare i due atti della nuova norma per la pubblica amministrazione;
  2. rivedere agevolazioni fiscali e bonus senza pensare al solo consenso dei cittadini;
  3. stilare un elenco delle leggi prioritarie da sbloccare tra le 700 ferme.

E se nulla dovesse cambiare, allora - come viene suggerito - sarà ancora più vero che abbiamo l'esecutivo che forse ci meritiamo.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il