BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, quota 41, mini pensioni scenari differenti Sinistra Progressista, Pd, Ulivo, Sinistra Italiana

Venti di scissione nella sinistra e ultime notizie su possibili nuove forze interne: quali sono e conseguenze per novità per le pensioni

Pensioni ultime notizie quota 100, quota

pensioni novità problemi sinistra italiana progressista ulivo



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 14:01): In alcuni di questi schiaramenti, anche attraverso i propri esponenti che li formazioni e le proprie affermazioni sia nelle ultime notizie e ultimissime che nella loro recente storia, ci si può fare una idea di come dovrebbero essere collocate le novità per le pensioni nei rispettivi programmi. In alcuni c'è una idea di revisione totale, ma nella maggior parte c'è una convergenza verso sistemi e metodi per smettere anzitempo con penalità e l'idea dell'assegno universale. Tutti o quasi sono abbastanza critici di quelle novità per le pensioni fatte finora.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:30): E' da sottolineare, comunque, l'importanza che queste coalizioni e talvolta anche la costituzione e vera e propria di nuovi schiaramenti avvenga in maniera chiara e netta prima delle elezioni, altrimenti si rischia di ritornare davvero alla prima repubblica come nelle ultime notizie e ultissime pare chiaro. Ed è altrattanto fondamentale che vi siano programmi chiari a partire dai temi fondamentali come occupazione, taglio spesa, novità per le pensioni e imposte e non che si cerchi solamente di raggiungere e sorpassare con un accozzaglia il 40%.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 22:33): A differenza di come si formeranno le coaliazioni e quali saranno gli schieramenti che effettivamente andranno al voto, sempre che ci sarà, l'attuale naggioranza o centro-sinistra vi potrebbero essere differenti novità per le pensioni come lasciano presagire le ultime notizie e ultimissime pur assolutamente al momento poco chiare

Una sinistra con l'intento di rinnovarsi: questo l'obiettivo di una parte del centrosinistra che si starebbe preparando alla scissione, una sinistra frammentata, che in parte, però, continuerebbe ad essere guidata dall'ex premier. Ma di fronte all'attuale segretario del centrosinistra, che ha già annunciato una nuova segreteria e già aperto, sul suo nuovo blog, una sorta di campagna elettorale con annunci di tagli irpef, nessun aumento Iva e novità per le pensioni, diverse ipotesi, che sarebbero:

  1. Ulivo 4.0;
  2. Sinistra Italiana;
  3. riorganizzazione del Pd;
  4. nuova Sinistra progressista.

La nuova idea di Ulivo 4.0

Si parte con l'ipotesi firmata Pierluigi Bersani: nelle sue intenzioni la costituzione di un nuovo Ulivo, 4.0, che, come si può ben capire, dovrebbe porsi come rinnovato, ‘moderno e adatto ai tempi’. Stando a quanto riportano le ultime notizie, questa ipotesi potrebbe diventare realtà se l’ex premier non dovesse convocare il congresso o avviare qualche altra forma di verifica interna al Partito Democratico. Il segretario del centrosinistra, infatti, non vuole andare al congresso e vuol presentarsi lui come candidato premier alle prossime elezioni. E ha, dunque, avvertito: se si vota in primavera, lascia lo schieramento. Per quanto riguarda il caso elezioni, Bersani è tra coloro che ritiene che si potrebbe andare a votare nel 2018, alla naturale scadenza della legislatura cioè, affrontando prima altre priorità che l’Italia ha e vi annovera:

  1. questione occupazionale, che implicherebbe novità per le pensioni;
  2. politiche economiche;
  3. misure sociali.

Si tratterebbe di provvedimenti che, come del resto la ‘nuova’ politica di sinistra che avrebbe intenzione di impostare, dovranno essere affrontate con quella cultura che da sempre caratterizza il centrosinistra. Ma per Bersani rimandare alle elezioni nel 2018 significa anche avere il tempo di definizione del sistema di voto omogeneo, per Montecitorio e Palazzo Madama. Secondo le ultime e ultimissime notizie, questo nuovo Ulivo 4.0 dovrebbe raggruppare tutti i prodiani che anti-renziani, la presidente della commissione Antimafia Rosi Bindi, forse l'ex premier Enrico Letta, allargandosi sempre più a comprendere anche Massimo D'Alema e Sinistra italiana.

Le novità della Sinistra Italiana: ultime notizie e possibili ripercussioni sulle novità per le pensioni

L’Ulivo 4.0 potrebbe comprendere, come appena detto anche la nuova Sinistra Italiana che, dal canto suo, si muove con possibili cambiamenti interni. Ci si avvia alle primarie interne con Arturo Scotto, capogruppo a Montecitorio, che ha chiesto di congelare il congresso di febbraio e dopo essersi candidato alla segreteria contro il coordinatore Nicola Fratoianni in questi ultimissimi giorni sembra aver fatto un passo indietro ritirando la sua candidatura. Ora Sinistra Italia, che condivide con l’Ulivo 4.0 necessità e urgenza di affrontare le questioni sociali del nostro Paese, partendo proprio dalle novità per le pensioni, che implicherebbero, di conseguenza, occupazione e rilancio della produttività, stando alle ultime notizie, da una parte guarderebbe con favore al nuovo ‘listone’ di sinistra di D’Alema, e dall’altra al nuovo progetto di sinistra progressista di Pisapia.

Pd e ultime notizie su una nuova ipotesi di sinistra socialista guidata da D’Alema

L’ex premier D’Alema avrebbe l’intenzione di ritornare ad un modello di sinistra socialista con il progetto di costituzione di un nuovo ‘listone’ di sinistra cui avrebbe aperto anche l’ex leader di Sel Nichi Vendola. Il nuovo movimento che D'Alema vorrebbe avviato viene stimato intorno al 10% e, sulla stessa scia di Bersani, ha spiegato che potrebbe diventare realtà se l'ex premier chiedesse all'attuale premier Gentiloni di dimettersi per andare ad elezioni anticipate: secondo le ultime notizie, infatti, anche D'Alema senza congresso sarebbe pronto al lancio della nuova lista. Ad appoggiare il progetto di D'Alema ci sarebbe anche Stefano Fassina e Arturo Scotto di Sinistra Italiana che considerano l'ex premier un possibile buon 'interlocutore' in vista di una riorganizzazione dello stesso schieramento e nuovi confronti, ormai sempre più necessari. D’Alema si sarebbe detto anche pronto a riprendere i temi fondamentali per la crescita del nostro Paese ma rimasti, evidentemente, ai margini finora, come provvedimenti sociali e novità per le pensioni più profonde della attuali mini pensioni e quota 41 limitate.
 
La nuova sinistra progressista di Pisapia

Nel processo di grande riorganizzazione della sinistra, anche il nuovo progetto dell’ex sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, di creazione di una forza politica di sinistra, moderata e liberale, che sappia porsi come alternativa al centrosinistra dell’ex premier. Al nuovo progetto di Pisapia potrebbe aderire l’attuale presidente della Camera Bolrdini e parte di Sinistra Italiana. Secondo quanto spiegato dallo stesso Pisapia, i temi da cui dovrebbe ripartire questa sinistra progressista sarebbero quelli di:

  1. superamento della precarietà;
  2. lotta all’indigenza e alle diseguaglianze sociali;
  3. novità per le pensioni, che attraverso sistemi di prepensionamento, ben diversi dalle attuali novità per le pensioni di mini pensione o quota 41, limitate e con troppi paletti, permettano ai lavoratori più anziani di lasciare la propria occupazione lasciando, al contempo, posti di lavoro in cui impiegare i più giovani, per permettere loro di crearsi un futuro pensionistico certo, cercando di risolvere quel forte conflitto generazionale oggi esistente e che penalizza particolarmente proprio i giovani, solitamente considerati il futuro di crescita e sviluppo di un Paese.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il