BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie mini pensioni, quota 100, quota 41 rischio censura per Gruppi Online pensioni e cittadini

L'attivismo dei gruppi online organizzati sulle novità per le pensioni si è spesso e volentieri rivelato prezioso.

Pensioni ultime notizie mini pensioni, q

Pensioni Gruppi Online e cittadini



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:20): Il primo rischio o azione che si vorrebbe fare (dipende da che punto si guarda) riguarda la richiesta di un codice e di un regolamento per eliminare i commenti troppo offensivi (non solo falsi) sui social network e non solo che da regolamento si potrebbe trasformare in norma. E' un problema e una questione non solo italiana ma anche affrontata a livello europeo e mondiale. Ed è chiaro la sua delicatezza che tutto ruota interno ad una domanda: Quali sono i commenti offensivi?  E interesserebbe anche i Gruppi dove si discute di novità per le pensioni, che, come detto sotto, non sempre vi sono commenti lineari e non maleducati. Ma spesso si dicono importanti verità.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30):  Vi sono due fronti su cui si vorrebbe limitare le false informazioni online che ha riportato la questione del problema del confine tra libertà di espressione e censura nelle ultime notizie e ultimissime. E questo non può che rigurdare anche i Gruppi online per le novità per le pensioni dove talvolta i toni, tra il giustificato e il meno, sono saliti ma dall'altra parte per la maggior parte delle volte dovuta ad una esasperazione perlomeno condivisibile se non giustificabile al cento per cento

Sono i fatti a dimostrare come le non solo le ultime notizie pensioni solo ed esclusivamente dalle aule politiche. Ma le stesse novità per le pensioni trovano terreno fertile anche tra i gruppi organizzati, soprattutto se in grado di sfruttare adeguatamente il web e le tante risorse messe a disposizione. Sono proprio i fatti a dimostrare come gli ultimi 12 mesi si siano rivelati decisamente produttivi ed è ragionevole pensare che anche nei prossimi 12, se i gruppi online continueranno a mantenere compattezza e a focalizzarsi su obiettivi mirati, come l'applicazione di quota 41, l'introduzione di quota 100, il miglioramento del sistema delle mini pensioni, con o senza oneri, riusciranno a fare centro ovvero a incidere nel dibattito sulle novità per le pensioni, anche oltre le migliori aspettative.

Novità per le pensioni: l'importanza dei gruppi online

Più volte negli ultimi mesi abbiamo seguito le azioni dei gruppi online ovvero dei centri di interesse su specifiche questioni legate alle novità per le pensioni, che hanno trovato in Facebook, soprattutto, un formidabile alleato. La loro pressione è stata costante e, anzi, se la politica italiana ha riaperto alcuni capitoli previdenziale è anche grazie all'attenzione che sono riusciti a catturare. Nel dettaglio hanno fatto sentire la loro presenza su tre versanti. Il primo è quello dei lavoratori che hanno iniziato l'attività da giovanissimi. Il secondo è relativo a coloro che svolgono tutti i giorni mansioni prevalentemente faticose o turni notturni. Il terzo fa riferimento alle donne per il riconoscimento della loro peculiare posizione anche ai fini pensionistici. Ebbene, il passaggio dal web alle TV e ai media principali è stato molto breve, senza considerare le manifestazioni pubbliche e le raccolte firme. Il merito al di là dell'accettazione delle rivendicazioni, è stato quello di tenere i riflettori costantemente puntati sulle novità per le pensioni. E non è affatto poco in un periodo in cui le emergenze da affrontare sono tante e le pensioni, soprattutto in seguito all'introduzione della legge attuale, rappresentano uno dei comparti su cui è più difficile mettere mano.

Ultime notizie pensioni: rischio censura online e ridimensionamento

Il confine tra censura e responsabile è molto sottile e se ne accorgeranno presto tutti coloro che gestiscono pagine web, compresi i gruppi online organizzati alla ricerca delle ultime notizie pensioni. La ragione è molto semplice: una recentissima sentenza dell'Alta Corte ha stabilito che sono gli stessi gestori dei siti a essere responsabili dei commenti dei lettori in calce agli articoli o nello spazio loro riservato (anche su facbeook). E come è ben noto, al di là del merito delle critiche e delle osservazione, è facile oltrepassare i limiti della decenza formale quando si ha a che fare con il tema delle pensioni, con le sue novità e con quanto annunciato e mai realizzato. Succede che c'è già chi, oltre a parlare di ridimensionamento, paventa il rischio di censura online anche in quei casi dove non ci sarebbe alcunché da contestare, ma solo per tranquillità preventiva.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il