BusinessOnline - Il portale per i decision maker

Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 elezioni comunali ribadiscono cittadini priorità

Le risposte più interessanti al bisogno di novità per le pensioni arrivano a livello territoriale e dalle liste civiche arrivano per le ultime notizie pensioni importanti insegnamenti.

Pensioni ultime notizie quota 100, mini

Pensioni ultime notizie e novità elezioni comunali



Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 12:01):  La vittoria delle liste civiche nelle elezioni comunali che portano valori legati alle novità per le pensioni sul territorio favorendo l'interscambio e l'assegno universale sono gli stessi desideri che hanno espresso i cittadini in diverse rilevazioni statistiche nelle ultime notizie e ultimissime eppure non sembra vengano presi nella giusta considerazione dalle forze più rilevanti

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 18:01): Sono molto chiari gli insegnamenti delle elezioni comunali per le novità per le pensioni. In un periodo come quello attuale, la priorità non può che essere assegnate su questioni molto vicine al territorio, rispetto alle quali le tradizionali forze nelle ultime notizie e ultimissime non riescono a fornire risposte adeguate e in linea con le attese

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:30):  Se si intrecciano le priorità degli italiani dagli studi statistici e l'esito delle elezioni comunali viene ancora una volta confermato che le novità per le pensioni sono assolutamente siginificative non come si profila nelle ultime notizie e ultimissime dalle scelte di chi decide.

Qualcosa sta realmente cambiando nella percezione e nella fiducia che hanno i cittadini nei confronti delle tradizionali forze. Quelle che, per intenderci, sulle novità per le pensioni hanno mostrato un atteggiamento ondivago alternandosi tra richieste di intervento e improvvisi quanto ingiustificati rallentamenti. I segnali che arrivano dalle elezioni comunali sono chiari: in maniera più pronunciata rispetto al passato, perché nelle tornate amministrative questa tendenza c'è sempre stata, a catturare la maggiore fiducia sono le state liste civiche. Sono quelle che hanno naturalmente una maggiore aderenza al territorio e sono in grado di cogliere prima di altri le reali esigenze. E non a caso nel ventaglio delle proposte contenute nei programmi, hanno fatto la loro comparsa temi inediti. Come appunto le novità per le pensioni, naturalmente nel limite nelle possibilità legali e concrete di intervento. In qualche modo hanno fatto quello che le classiche forze non sono state in grado di fare. Ma non si tratta dell'unico elemento di novità. In sintesi:

  1. le liste civiche stanno guadagnano uno spazio sempre maggiore nella fiducia dei cittadini ai fatti delle tradizionali forze, poco sensibili e reattivi sui temi come le novità per le pensioni che hanno un impatto diretto nelle scelte di vita;
  2. i Comuni virtuosi sono sempre più attivi per fornire risposte a quelle esigenze, tra cui le novità per le pensioni, rispetto a cui lo Stato centrale non sta dimostrando sufficiente attenzione e concreto attivismo.

Insegnamenti delle liste civiche per le novità per le pensioni

I segnali che arrivano dalle liste civiche e più in generale dalle elezioni comunali non vanno perciò trascurati, anche pensando alle novità per le pensioni. Proprio quest'ultime sono ritenute tra le priorità fondamentali da affrontare, ma le forze tradizionali non si sono rivelate così pronte nell'intercettare questo bisogno. In un periodo di incertezze come quello attuale, i cittadini chiedono allora maggiore concretezza e, rilevazioni alla mano, hanno preso coscienza dello stretto legame esistente tra novità per le pensioni e mercato occupazionale. La maggior parte delle liste civiche che hanno raccolto consensi su consensi alle ultimi elezioni comunali ha cavalcato tale questione e i risultati si sono visti. Le tradizionali forze hanno perso voti e il rischio concreto è della replicare della perdita di consensi in vista delle prossime elezioni, subito o meno che siano. Non è infatti un caso che si stanno affacciando figure inedite sia per dare un'idea di rinnovamento e sia per intercettare questi consensi con maggiore credibilità.

L'esempio dei Comuni virtuosi per le novità per le pensioni

A dimostrazione di come la partita si giochi sul territorio ed è proprio su questo livello che i cittadini riversano maggiore fiducia, c'è il concreto attivismo dimostrato dai cosiddetti Comuni virtuosi anche sul terreno delle novità per le pensioni. Tra gli strumenti più utilizzati, da sempre oggetto di discussione a livello centrale, c'è l'assegno universale ovvero l'erogazione di un contributo temporaneo a favore di chi si trova privo di occupazione e in stato di necessità. Perché poi i cittadini, oltre naturalmente alle imposte, considerano le novità per le pensioni uno degli obiettivi che le amministrazioni dovrebbero avere sempre in agenda. La presa di coscienza sullo stretto collegamento con il rilancio occupazionale è ormai sempre più evidente.

Il punto è che si registra un scollamento tra cittadini ed esponenti istituzionali a livello centrale su temi centrali per i primi e un po' meno per i secondi. Come dimostrano i fatti recenti, la reale intenzione di andare fino in fondo con importanti e ulteriori novità per le pensioni come quota 100, quale somma di età anagrafica e anni di contribuzione per smettere dall'attività, o quota 41 per tutti senza troppi paletti all'entrata e naturalmente senza oneri, o con la completa revisione dell’attuale quadro delle pensioni, non sembra proprio esserci.

Ti è piaciuto questo articolo?










Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il